Cristina Sciannamblo

USA, punizione esemplare per lo scareware

La corte federale del Maryland ha condannato i responsabili di un'azienda di marketing al pagamento di una multa a sei zeri per aver ingannato gli utenti con false infezioni e antivirus ancor più falsi

Roma - Tempi duri per gli untori dello scareware: una corte federale statunitense ha comminato una multa pari a 163 milioni di dollari (circa 126 milioni di euro) a un'azienda di marketing tecnologico giudicata colpevole di aver condotto pratiche promozionali scorrette.

Il caso rientra in una più vasta operazione guidata dalla Federal Trade Commission, impegnata nella difesa dei consumatori da trappole tese attraverso spyware e malware. Il procedimento giudiziario in questione ha origine nel 2008, quando FTC accusa Kristy Ross, fondatrice di Innovative Marketing, di aver usato i cosiddetti scareware per ingannare gli utenti facendo credere loro che il computer in uso fosse stato colpito da un virus, quindi proponendo l'acquisto di software per il ripristino del sistema che, in realtà, non era mai stato infettato.

Nello specifico, l'azienda sotto accusa diffondeva i messaggi ingannevoli con i nomi di WinFixer, WinAntiVirus e WinAntiVirusPro. Secondo l'accusa, l'operazione ingannevole è stata realizzata attraverso sofisticati messaggi promozionali online, veicolati attraverso network pubblicitari e siti Web popolari. Il costo dei software acquistati per eliminare i finti malware oscillava tra i 40 e i 60 dollari (dai 30 ai 45 euro circa).
Sono stati condannati alla pena pecuniaria anche altri due responsabili dell'azienda, Sam Jain e Daniel Sundin mentre negli scorsi anni altri ingranaggi della truffa sono incorsi nella medesima disputa giudiziaria grazie all'intervento di FTC. La corte, inoltre, ha proibito a Kristy Ross di vendere software di sicurezza per PC e qualsiasi altro tipo di programma che interferisca con l'uso del computer da parte degli utenti.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • AttualitàSIAE: non facciamo prigionieriIn un comunicato la Società Italiana Autori ed Editori chiarisce che non ha niente a che vedere con blocchi e virus. Il marchio vittima di un classico caso di malware per riscatto
  • AttualitàSymantec sotto accusa per scarewareClass action contro l'azienda. Farebbe terrorismo psicologico a danno dei suoi clienti. Terribili minacce inesistenti per convincere all'acquisto del suo software
  • SicurezzaFBI, lo scareware nella reteUn'operazione internazionale del bureau federale statunitense mette a segno un importante vittoria contro due gang di cyber-criminali dediti a spargere finti antivirus online
12 Commenti alla Notizia USA, punizione esemplare per lo scareware
Ordina
  • ...tocchi a Symantec!
    http://www.forbes.com/sites/andygreenberg/2012/01/.../

    Accidenti, ogni volta che mi capita sottomano un computer nuovo nuovo, c'è su installato "in regalo" quell'accidenti di loro antivirus, che mette in guardia da orrori et pericoli, dai quali solo lui può difendere l'utente, ovviamente se questo paga cifre piuttosto alte per tale protezione.
    Io personalmente sul PC di casa uso un antivirus a pagamento e mi trovo bene, non critico il programma in sé ma questa dannata pratica della preinstallazione forzata.
    Izio01
    4674
  • ahhh ecco...

    forse ho capito: state parlando di certi software come quelli che lo stesso PI pubblicizza nella sezione PI download???

    robette come queste:

    Fake antivirus Remover: Addio agli antivirus fasulli...
    http://punto-informatico.it/s_3613291/Download/New...

    Privacy Agent: Per eliminare ogni traccia delle proprie...
    http://punto-informatico.it/s_3607491/Download/New...

    Crystal Security: Per eliminare i programmi dannosi...
    http://punto-informatico.it/s_3596693/Download/New...
    non+autenticato
  • già, questa cosa non l'ho mai capita ( non mi riferisco a pi ovviamente )

    perchè certi fuffaware sono regolari, legali e acclamati ed altri vengono bollati come scareware? notare che sono le grosse compagnie che producono antivirus a bollare i software!!! un pò come accade con le agenzie di rating insommaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > già, questa cosa non l'ho mai capita ( non mi
    > riferisco a pi ovviamente
    > )
    >
    > perchè certi fuffaware sono regolari, legali e
    > acclamati ed altri vengono bollati come
    > scareware? notare che sono le grosse compagnie
    > che producono antivirus a bollare i software!!!
    > un pò come accade con le agenzie di rating
    > insomma
    >A bocca aperta

    Io non so che dire.
    Quello che so e' che su linux lo scareware non gira.
    Non c'e' neanche un emulatore, ed e' una vera vergogna.

    Bisogna per forza averci winsozz per poter usare gli scareware.
  • Io non è che me ne vanto. Mi sento solo fortunato che il mio sistema non è così diffuso da attrarre i produttori di malware.
  • Questa volta ti do torto.
    Questa volta non è colpa di windows.

    C'é tanta gente che quando passa ad Android o Linux va immediatamente a cercare un antivirus.

    Ti sarà capitato anche a te di leggere messaggi allarmisti (rilasciati da note software house) riguardo la necessità di installare Antivirus anche su sistemi linux

    (Tipicamente cadono nella trappola solo gli utenti windows)
    non+autenticato
  • - Scritto da: vac
    > Questa volta ti do torto.
    > Questa volta non è colpa di windows.
    >
    > C'é tanta gente che quando passa ad Android o
    > Linux va immediatamente a cercare un
    > antivirus.

    Chi? Dove? Quando?
    Link?

    > Ti sarà capitato anche a te di leggere messaggi
    > allarmisti (rilasciati da note software house)
    > riguardo la necessità di installare Antivirus
    > anche su sistemi linux

    Qualunque messaggio che provenga da "note software house" fa la stessa fine dei messaggi che vendono viagra, nelle mie regole di posta elettronica.

    Quando sara' la FSF a sostenere questa causa (ma allora ci sara' un antivirus di default in ogni distribuzione) mi porro' il problema.

    > (Tipicamente cadono nella trappola solo gli
    > utenti
    > windows)

    E il cerchio si chiude.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Io non so che dire.
    > Quello che so e' che su linux lo scareware non
    > gira.
    > Non c'e' neanche un emulatore, ed e' una vera
    > vergogna.
    >
    > Bisogna per forza averci winsozz per poter usare
    > gli
    > scareware.

    Magari qualcuno puoi farlo girare con Wine. Poi credo che ci siano anche delle web app che ti fanno la finta scansione nel browser (però magari ti dicono che hai Windows, e tu sai che non è vero e la magia scompare.
    Oppure, visto che sei uno sviluppatore, smetti di lagnarti e lo scareware scrivitelo da te. Vedi se può andare bene questo primo abbozzo:

    #!/usr/bin/env python
    from time import sleep
    print "Benvenuto su LinuxCleaner,"
    print "il primo antivirus capace di trovare virus su Linux."
    raw_input("Non ci credi? Premi invio e ti faccio vedere.")
    print "\n---scansione in corso---"
    for i in range(30):
        print "*",
        sleep(0.5)
    print "\n\nALLARME! ALLARME! Sono stati trovati 10 virus!"
    print "OMMIODDIOMORIREMOTUUUUUUUUUTTTTIIIIIIIIII!"
    sleep(1)
    print "\nPer evitarlo andate su www.linuxcleaner.com e seguite le istruzioni"
    print "per acquistare la versione completa del nostro software."
    raw_input()

    EDIT: il risultato del tag [code] in questo forum non è il massimo.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 04 ottobre 2012 14.51
    -----------------------------------------------------------
    jaro
    321
  • - Scritto da: jaro
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Io non so che dire.
    > > Quello che so e' che su linux lo scareware
    > non
    > > gira.
    > > Non c'e' neanche un emulatore, ed e' una vera
    > > vergogna.
    > >
    > > Bisogna per forza averci winsozz per poter
    > usare
    > > gli
    > > scareware.
    >
    > Magari qualcuno puoi farlo girare con Wine.

    E che cosa troverebbe?
    Wine e' concettualmente una sandbox.

    > Poi
    > credo che ci siano anche delle web app che ti
    > fanno la finta scansione nel browser (però magari
    > ti dicono che hai Windows, e tu sai che non è
    > vero e la magia
    > scompare.

    Rotola dal ridere

    > Oppure, visto che sei uno sviluppatore, smetti di
    > lagnarti e lo scareware scrivitelo da te. Vedi se
    > può andare bene questo primo
    > abbozzo:
    >
    > #!/usr/bin/env python
    > from time import sleep
    > print "Benvenuto su LinuxCleaner,"
    > print "il primo antivirus capace di trovare virus
    > su
    > Linux."
    > raw_input("Non ci credi? Premi invio e ti faccio
    > vedere.")
    > print "\n---scansione in corso---"
    > for i in range(30):
    >     print "*",
    >     sleep(0.5)
    > print "\n\nALLARME! ALLARME! Sono stati trovati
    > 10
    > virus!"
    > print "OMMIODDIOMORIREMOTUUUUUUUUUTTTTIIIIIIIIII!"
    > sleep(1)
    > print "\nPer evitarlo andate su
    > www.linuxcleaner.com e seguite le
    > istruzioni"
    > print "per acquistare la versione completa del
    > nostro
    > software."
    > raw_input()
    >
    > EDIT: il risultato del tag [code] in questo forum
    > non è il
    > massimo.

    Azz... dopo il virus albanese, abbiamo l'antivirus albanese!
    Rotola dal ridere
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: jaro
    > > - Scritto da: panda rossa
    > > > Io non so che dire.
    > > > Quello che so e' che su linux lo
    > scareware
    > > non
    > > > gira.
    > > > Non c'e' neanche un emulatore, ed e'
    > una
    > vera
    > > > vergogna.
    > > >
    > > > Bisogna per forza averci winsozz per
    > poter
    > > usare
    > > > gli
    > > > scareware.
    > >
    > > Magari qualcuno puoi farlo girare con Wine.
    >
    > E che cosa troverebbe?
    > Wine e' concettualmente una sandbox.

    E che gli frega a lui? E' uno scareware, quindi deve solo fare finta.

    > Azz... dopo il virus albanese, abbiamo
    > l'antivirus
    > albanese!
    > Rotola dal ridere

    Come diceva un tale: think different.
    jaro
    321
  • - Scritto da: collione
    > perchè certi fuffaware sono regolari, legali e
    > acclamati ed altri vengono bollati come
    > scareware? notare che sono le grosse compagnie
    > che producono antivirus a bollare i software!!!

    diciamo che questo succede per ragioni solo commerciali e/o di marketing


    > un pò come accade con le agenzie di rating insomma

    si... anche un po' come accade per certi "prodotti" come per esempio i vari schifosissimi iCosi: più che sopravvalutati qualitativamente e venduti a prezzi assolutamente esagerati (ma di brutto) rispetto a altre porcherie simili... tutto "grazie" al marketing e al "mercato" e ai tantissimi che si lasciano abbindolare
    non+autenticato
  • - Scritto da: ah ecco
    > ahhh ecco...
    >
    > forse ho capito: state parlando di certi
    > software come quelli che lo stesso PI
    > pubblicizza nella sezione PI
    > download
    ???
    >
    > robette come queste:
    >
    > Fake antivirus Remover: Addio agli antivirus
    > fasulli...
    > http://punto-informatico.it/s_3613291/Download/New
    >
    > Privacy Agent: Per eliminare ogni traccia delle
    > proprie...
    > http://punto-informatico.it/s_3607491/Download/New
    >
    > Crystal Security: Per eliminare i programmi
    > dannosi...
    > http://punto-informatico.it/s_3596693/Download/New

    Questo post sara' rimosso in 5... 4... 3... 2....
    non+autenticato