Mauro Vecchio

Brevetti, Samsung chiede annullamento verdetto

Il capo della giuria ha un vecchio conto in sospeso con l'azienda. E non ne ha informato il giudice. La coreana scopre le sue carte: in ballo c'č il risarcimento da 1 miliardo

Roma - Nuovo capitolo nella saga dei brevetti che vede Apple contrapposta a Samsung. In un documento presentato dai legali della seconda al giudice californiano Lucy Kho, il colosso coreano ha chiesto alla corte di San José l'annullamento del verdetto in favore di Apple, apparentemente viziato dalla scarsa trasparenza del rappresentante dei giurati. Vent'anni fa, l'ingegnere elettronico Velvin Hogan era stato coinvolto in una causa con Seagate Technology, di cui Samsung è il più importante azionista.

Secondo gli avvocati dell'azienda coreana, Velvin Hogan avrebbe mentito al giudice, evitando di rivelare il problema legale - pare sorto in seguito alla bancarotta dello stesso professionista californiano - con una società controllata da Samsung. Un dettaglio fondamentale nel processo che ha portato alla condanna per violazione di proprietà intellettuale e alla maxi-multa da più di 1 miliardo di dollari.

Diverso il parere di Hogan, che ha sottolineato come il giudice di San José abbia semplicemente richiesto un elenco di precedenti legali in un arco temporale di soli 10 anni. Dunque, il rappresentante dei giurati non avrebbe mai avuto l'obbligo di ricordare alla corte l'episodio con Seagate. Il produttore coreano è però convinto che questi precedenti possano aver indotto Hogan ad esprimersi in favore della Mela. (M.V.)
Notizie collegate
35 Commenti alla Notizia Brevetti, Samsung chiede annullamento verdetto
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)