Cristina Sciannamblo

ONU, l'invasione del mobile

Secondo l'ITU, il numero di cellulari e smartphone attivi nel mondo supera i sei miliardi. Permane la disparità tra paesi ricchi e paesi poveri. Nubi sui guadagni degli operatori per i prossimi anni in materia di SMS

Roma - Uno smartphone per ogni abitante del Pianeta: è più o meno questa la proporzione che si ottiene osservando i dati pubblicati nell'ultimo report dell'International Telecommunications Union (ITU), secondo cui i contratti di telefonia mobile nel mondo superano i sei miliardi. Dunque, a voler enfatizzare, ci sono più smartphone e cellulari attivi che persone.

Secondo le valutazioni dell'agenzia delle telecomunicazioni delle Nazioni Unite, la proliferazione degli apparecchi dipenderebbe dalla drastica riduzione dei prezzi di mercato. Entrando nel merito dei dati, si scopre che in paesi come Brasile, Ghana, Ruanda e Kenya l'adozione del cellulare ha visto una crescita a doppia cifra nel 2011, mentre soltanto la Cina e l'India da sole registrano un miliardo di abbonamenti.

Si tratta di rilevazioni che lasciano ben sperare circa il ruolo della tecnologie mobile nell'offrire maggiori possibilità di connessione a Internet nei paesi in via di sviluppo, dove il costo della banda larga fissa può arrivare a richiedere il 40 per cento del reddito mensile per nucleo familiare mentre l'adozione della banda larga mobile si dimostra più economica e flessibile.
Tuttavia, nonostante le notizie positive, la stessa agenzia dell'ONU non manca di sottolineare la forte disparità tra paesi ricchi e paesi poveri in riferimento al settore ICT. Soltanto 2,3 miliardi di individui, infatti, possono essere considerati utenti della Rete stando alle stime del 2011, numeri che non contrastano con altri dati secondo cui il 70 per cento delle persone che usa Internet vive nei paesi più ricchi e industrializzati a fronte del 24 per cento che vive nelle zone più povere e sulla strada dello sviluppo.

E se la diffusione di apparecchi mobile non conosce trend negativi, è interessante scoprire il cambiamento nell'uso da parte degli utenti. Ovum, società specializzata in ricerche di mercato in campo tecnologico, prevede che nei prossimi quattro anni gli operatori mobili perderanno circa 54 miliardi di dollari (oltre 41 miliardi di euro) relativamente ai guadagni prodotti dagli SMS a causa della grande espansione dei servizi di social messaging attivi sugli smartphone. Numeri che, secondo i ricercatori, dovrebbero spingere le telco a investire in innovazione invece di riproporre in salse diverse i soliti servizi a pagamento.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • BusinessSmartphone, il grande sorpassoPer la prima volta, la spedizione globale dei dispositivi mobile connessi supererà quella dei comuni cellulari. Una crescita destinata ad aumentare, anche grazie ai dispositivi low-cost e all'espansione in Africa e Asia
  • BusinessSamsung corre per il primatoTrimestrale da record per la coreana. Secondo le stime degli analisti Samsung batte Nokia
  • Digital LifeUSA, l'inatteso ritorno degli SMSIl 31 per cento degli utenti mobile a stelle e strisce preferisce l'invio di un messaggio di testo alle chiamate vocali. Uno studio del centro Pew Research ha così smentito chi predicava l'inesorabile declino degli SMS
4 Commenti alla Notizia ONU, l'invasione del mobile
Ordina
  • come giustamente fa notare Anonimo per finta, il guadagno si sposta dagli sms ai piani dati... certo, gli sms erano una cosa vergognosa (10-12 cent per qualche centinaio di byte). Per ottenere guadagni anche solo paragonabili, senza il minimo sforzo, ce ne vorranno di "innovazioni", ma giustamente già i piani dati flat garantiscono un discreto introito (per non parlare dello "scatto alla rosposta": il giorno che lo metteranno fuorilegge saranno altri miliardi di euro facili facili che non entreranno più nelle casse delle telco)
    non+autenticato
  • "perderanno circa 54 miliardi di dollari... " mai vista una telco che perde.

    Smettiamola di dire che WhatsApp, Viber e compagnia cantando sono gratis.
    Per usarli dobbiamo avere un collegamento dati che a me cosa 10 euri al mese... dicasi 120 eurini all'anno! (Lo so che 'euro' non ha plurale)

    Le Telco prendono una tecnologia, la spremono come limone e poi, con tutta calma e quando sono con l'acqua alla gola, innovano. Oddio... innovano... vabbé cambiano.

    Quindi, per favore, nessuna lacrimuccia o colletta.

    Se qualcuno mi obbietta sul: "ma che vuoi che siano 120 euro!", gli mando subito la mia iban per l'accredito della stessa somma a me. Tanto... che vuoi che siano.
    non+autenticato
  • Io 100mb al giorno 5e al mese
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bancai
    > Io 100mb al giorno 5e al mese

    5 euro al mese con quale operatore?
    ruppolo
    33147