Cristina Sciannamblo

Pirateria autorizzata contro la muraglia digitale cinese

I redattori del New Statesmen decidono di tradurre l'ultimo numero in mandarino e di caricarlo sui siti di file sharing. In questo modo, i netizen cinesi potranno accedere a contenuti sulla censura nazionale

Roma - Una sfida lanciata alla grande muraglia digitale cinese a colpi di file sharing: è l'iniziativa intrapresa dalla rivista politica britannica New Statesmen, che ha deciso di stampare l'ultimo numero in mandarino e caricarla sui siti di condivisione.

L'edizione pirata riporta notizie e storie relative allo stato di controllo in cui versano i canali di comunicazione del paese asiatico, la brutalità della procedura di custodia e dei rimpatri per coloro che non dispongono di documenti di identità validi, il confinamento e le percosse fatali subite dal 27enne Sun Zhigang. In questo modo, si augurano i redattori della rivista, gli utenti cinesi potranno aggirare i controlli e accedere ai contenuti.

Redattore d'eccezione per l'ultimo numero del New Statesmen è l'artista e attivista cinese Ai Weiwei, che è anche l'autore di un'intervista a un membro della community 50 cent party. (C.S.)
Notizie collegate
  • AttualitàAi Weiwei: la muraglia digitale crolleràTorna a parlare l'artista e dissidente cinese: il governo di Pechino non riuscirÓ a controllare la Rete, sovrastato dalle condivisioni online. Impossibile l'ipotesi di uno spegnimento totale del web
  • AttualitàCina, microblogging e censura a puntiIl popolare Sina Weibo introduce un meccanismo di sottrazione dei crediti guadagnati all'apertura dei singoli account. SarÓ vietato postare commenti che incitano alla rivolta o al dissenso. Pena l'eliminazione del profilo
  • AttualitàCina, cercasi Nobel sul Web disperatamenteIl governo di Pechino occulta tutte le informazioni sul neo-Premio Nobel, Liu Xiaobo. Un premio arrivato anche per l'uso sapiente della Rete: e che, proprio in Rete, le autoritÓ provano ad arginare
14 Commenti alla Notizia Pirateria autorizzata contro la muraglia digitale cinese
Ordina
  • Io sono in Cina e vi posso dire che sono tutte cazzate quelle che scrivono che qui non c'è libertà , piuttosto in Italia siete sotto una dittatura monetaria dove non sei libero di spendere i tuoi soldi e mentre vai al bar o al ristorante arriva la Finanza e inizia a interrogarti .....un po' come le purghe del fascio....evidentemente negli anni gli Italiani hanno perso il pelo ma non il vizio...qui in Cina se guadagni sei libero di fare quello che vuoi con i tuoi soldi.
    Con queste due righe vi saluto tutti e vi auguro un felice nuovo anno ricco di IMU e cazzate varie che i nostri governanti vorranno appiopparci e noi pecoroni Italiani a pagare...qui in Cina simili governati sparisco senza tante storie..le nostre cariatidi invece sono sempre sulla solita sedia. Hehe abbiamo tanto da fare e pensare per noi e stiamo a guardare la Cina...meditate gente meditate e agite...come i Cinesi!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ciao Xiao

    > Io sono in Cina

    Ho qualche dubbio, francamente, ma la cosa non ha importanza qui. Occhiolino

    > e vi posso dire che sono tutte
    > cazzate quelle che scrivono che qui non c'è
    > libertà ,

    Be', allora metti online un quotidiano come Punto Informatico, se c'è questa libertà, con tutti i commenti liberi però, e poi raccontaci com'è andata.


    > piuttosto in Italia siete sotto una
    > dittatura monetaria dove non sei libero di
    > spendere i tuoi soldi

    In effetti, chi di soldi non ne ha, perché ha perso il lavoro oppure il diritto alla pensione, non ha più nemmeno la libertà di spenderli. Triste È un'implicazione logica che a qualcuno sfugge, in effetti...


    > un po' come le purghe del
    > fascio....

    Hai un po' di confusione in testa. Le purghe, in senso di eliminazione dei quadri politici non più utili alla causa, sono operazioni compiute da Stalin nell'Urss. Il termine traduce il russo чистка (čistka).
    Durante l'epoca fascista si usava l'olio di ricino, ma il termine purga non si usava.


    > evidentemente negli anni gli Italiani
    > hanno perso il pelo ma non il vizio...qui in Cina
    > se guadagni sei libero di fare quello che vuoi
    > con i tuoi
    > soldi.

    L'evasione fiscale è punita anche in Cina:

    http://www.chinadaily.com.cn/china/2011-04/01/cont...

    (nota che il quotidiano in lingua inglese China daily è controllato dal governo, non si tratta di notizie fornite da dissidenti).

    > Con queste due righe vi saluto tutti e vi auguro
    > un felice nuovo anno ricco di IMU e cazzate varie
    > che i nostri governanti vorranno appiopparci e
    > noi pecoroni Italiani a pagare

    Perché dici "noi"? Se hai la casa in Cina l'Imu mica la paghi!

    > ...qui in Cina
    > simili governati sparisco senza tante storie..

    Ottimo lapsus calami , in Cina spariscono giustamente i governati, detti anche sudditi. O per loro scelta, nel senso che espatriano, o per forza maggiore, qualcuno li fa sparire.
    Il partito al governo, il partito comunista cinese, è lì dal 1949. Wen Jiabao, l'attuale primo ministro, è in carica dal marzo 2003, mentre dal 1998 al 2003 era vice primo ministro.

    > le
    > nostre cariatidi invece sono sempre sulla solita
    > sedia.

    Non proprio, Mario Monti era sulla cattedra del rettorato dell'Università Bocconi prima del 2011, e ci ritornerà dopo le elezioni del 2013.
    non+autenticato
  • Niente confusione l'olio di ricino serve anche per purgarti ....del caso puoi sempre provare se non ci credi. Per quanto riguarda quello che ho scritto cerca di cogliere il senso del discorso e informarti di quello che pensano gli Italiani in Italia del governo attuale....non si risolvono i problemi con le tasse così elevate bensì riducendole.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ciao Xiao
    > Niente confusione l'olio di ricino serve anche
    > per purgarti

    Lo so bene. Semplicemente, nella storia del fascismo (1923-1945), non si ricordano periodi denominati "purga" o "purghe", tutto qui. Come non si ricordano periodi contrassegnati dal termine Terrore, usato per una fase dalla rivoluzione francese. Ogni dittatura ha avuto la sua terminologia e metodi propri, e confondere Italia di Mussolini con Urss di Stalin significa fare confusione.


    > Per quanto riguarda quello che ho
    > scritto cerca di cogliere il senso del discorso

    Non c'è alcun senso. Solo deliri.

    > e
    > informarti di quello che pensano gli Italiani in
    > Italia del governo attuale....

    Ora mi serve la tua consulenza, di te che vivi in Cina, per sapere ciò che pensano gli italiani del governo attuale. Questa poi! Rotola dal ridere

    > non si risolvono i
    > problemi con le tasse così elevate bensì
    > riducendole.

    Bene. Dalla Cina prendi carta e penna e scrivi quello che hai appena scritto qui su Punto Informatico. Indirizzo palazzo Chigi, Roma. pensi che i membri del governo leggano Punto Informatico per sapere cosa devono fare in tema di politica fiscale?
    non+autenticato
  • Se i miei sono deliri, perché ti confondi nel rispondermi? Faresti bene tu a scrivere a Roma visto che vivi in Italia...per il resto preferisco non continuare a discutere con te per i motivi di cui sopra...alla fine faccio davvero confusione e non e' nel mio stile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ciao Xiao
    > Se i miei sono deliri, perché ti confondi nel
    > rispondermi?

    Mi tengo in allenamento.

    > Faresti bene tu a scrivere a Roma
    > visto che vivi in Italia...

    No, vivo all'estero (non in Cina), ma per fortuna so cosa pensano gli italiani delle tasse anche da qui, senza chiedere a te. Esistono la tv via satellite e internet.

    > per il resto
    > preferisco non continuare a discutere con te per
    > i motivi di cui sopra...alla fine faccio davvero
    > confusione e non e' nel mio
    > stile.

    Eh sì, finisce che confondi il maccartismo con la grande rivoluzione culturale proletaria, la prossima volta. E non è da te.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ciao Xiao
    > Io sono in Cina e vi posso dire che sono tutte
    > cazzate quelle che scrivono che qui non c'è
    > libertà , piuttosto in Italia siete sotto una
    > dittatura monetaria dove non sei libero di
    > spendere i tuoi soldi e mentre vai al bar o al
    > ristorante arriva la Finanza e inizia a
    > interrogarti .....un po' come le purghe del
    > fascio....evidentemente negli anni gli Italiani
    > hanno perso il pelo ma non il vizio...qui in Cina
    > se guadagni sei libero di fare quello che vuoi
    > con i tuoi
    > soldi.
    > Con queste due righe vi saluto tutti e vi auguro
    > un felice nuovo anno ricco di IMU e cazzate varie
    > che i nostri governanti vorranno appiopparci e
    > noi pecoroni Italiani a pagare...qui in Cina
    > simili governati sparisco senza tante storie..le
    > nostre cariatidi invece sono sempre sulla solita
    > sedia. Hehe abbiamo tanto da fare e pensare per
    > noi e stiamo a guardare la Cina...meditate gente
    > meditate e agite...come i
    > Cinesi!


    Anche io vivo in Cina. Prova ad andare in piazza con una bandiera tibetana a protestare. Noi che siamo stranieri godiamo di piu' liberta', ovvio, perche' gli facciamo comodo. E i china se ne stanno rendendo conto (vedi la storia dei 100 giorni di controllo su tutti i laowai partita da Pechino e arrivata anche qui a Shanghai). Hanno fatto controlli a sorpresa in un locale una sera (pieno di stranieri) e chi non aveva il passaporto (o fotocopia) e' stato portato via per accertamenti. Ovvio che l'hanno fatto per distogliere l'attenzione dei cinesi dal caso Bo Xilai, pero' se vai sui forum cinesi, molti di loro iniziano a stufarsi di questi laowai che fanno i loro porci comodi a dispetto dei cinesi.
    I cinesi liberta' non ne hanno (basta guardare gia' solo la politica del figlio unico). Chi ha i soldi vive meglio, certo, perche' paga la sua liberta' a suon di mazzette all'ufficiale di turno, ma anche noi dobbiamo fare attenzione a quello che diciamo in giro, perche' tu non sai mai chi hai di fronte (parlo dei cinesi). Questi venderebbero anche la loro madre pur di non finire male.
    non+autenticato
  • I controlli li hanno fatti agli stranieri perché qualche testa di c....o di inglese ha cercato di violentare una ragazza Cinese per la strada, cose che qui in Cina non succedono, anche a me mi hanno controllato ma per questo nessuno mi ha torto un capello visto che non ho nulla da temere. In quanto aPunto informatico e' liberamente fruibile qui in Cina mentre per molti siti no. Per quanto riguarda la libertà l unica cosa che non mi manca Dell Italia sono le leggi e leggine e il teatrino politico che veramente mi procura nausea....poi ogni uno di noi la vede a modo suo ..PERO' RIPETO ANCHE SE IN CINA CI SONO PROBLEMI , DATO ANCHE LA DENSIT└ DI POPOLAZIONE, IO CI STO VERAMENTE BENE !
    non+autenticato
  • Pirateria autorizzatta? Arrabbiato

    EEEEEEEHHH!?!?! Arrabbiato

    Non vi abbiami autorizzati certo noi! Ca*ate fuori i soldi altrimenti ci sono... PROBLERM! Arrabbiato
    non+autenticato
  • "...gli utenti cinesi potranno aggirare ai controlli e accedere ai contenuti."

    "...aggirare i controlli e accedere ai contenuti."
    non+autenticato
  • "il confinamento e le percosse fatali subite dalla 27enne Sun Zhigang."

    "...dal 27enne Sun Zhigang."

    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Avvocato del Diavolo
    > "il confinamento e le percosse fatali subite
    > dalla 27enne Sun
    > Zhigang."
    >
    > "...dal 27enne Sun Zhigang."
    >
    > Occhiolino

    Era già stato fatto notare, ma hanno fatto scomparire il commento.
    Aggiungo io che il confinamento italiano è altra cosa che il confinement inglese, che significa reclusione, specialmente reclusione in isolamento.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Avvocato del Diavolo
    > > "il confinamento e le percosse fatali subite
    > > dalla 27enne Sun
    > > Zhigang."
    > >
    > > "...dal 27enne Sun Zhigang."
    > >
    > > Occhiolino
    >
    > Era già stato fatto notare, ma hanno fatto
    > scomparire il
    > commento.
    > Aggiungo io che il confinamento italiano è altra
    > cosa che il confinement inglese, che
    > significa reclusione, specialmente reclusione in
    > isolamento.

    Ma avete nostalgia della maestrina con la penna rossa? Allora tornatevene alle elementari!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > - Scritto da: Leguleio
    > > - Scritto da: Avvocato del Diavolo
    > > > "il confinamento e le percosse fatali subite
    > > > dalla 27enne Sun
    > > > Zhigang."
    > > >
    > > > "...dal 27enne Sun Zhigang."
    > > >
    > > > Occhiolino
    > >
    > > Era già stato fatto notare, ma hanno fatto
    > > scomparire il
    > > commento.
    > > Aggiungo io che il confinamento italiano è altra
    > > cosa che il confinement inglese, che
    > > significa reclusione, specialmente reclusione in
    > > isolamento.
    >
    > Ma avete nostalgia della maestrina con la penna
    > rossa? Allora tornatevene alle
    > elementari!


    Ora che guardo meglio, di errore ce n'è un altro: "ha deciso di stampare l'ultimo numero in mandarino e caricarla sui siti di condivisione". Caricarlo, non caricarla.
    Alle elementari si rileggeva il compito, almeno...
    non+autenticato