BMG ci prova col CD mutaforma

Si compra e poi si può copiare in tre copie, ognuna delle quali copiabile a sua volta, si può ascoltare su tutti i dispositivi, si può riversare sui player portatili. The experiment

Roma - L'ultimo album di Anthony Hamilton, "Comin' from where I'm from", è stato scelto da BMG, una delle grandi della discografia internazionale, per tentare un curioso esperimento di commercializzazione della musica.

BMG ha infatti deciso di inserire nel CD, in vendita a 14 dollari sui mercati americani, tutte le tecnologie di controllo della distribuzione prese in licenza da SunnComm Technologies. Con quest'ultima, infatti, BMG ha un accordo biennale che le consente di utilizzare il software MediaMax su qualsiasi album in uscita.

Questo accordo fa sì che il CD di Hamilton si contraddistingua perché può essere ascoltato normalmente in uno riproduttore domestico ma può anche essere "visualizzato" al computer. Oltre ad ascoltarlo, infatti, su PC è anche possibile sfruttare il suo menù interattivo per scaricare una o tutte le canzoni su un player portatile oppure per masterizzare tre copie dello stesso CD. In realtà si chiede che le copie siano solo tre ma ciascuna copia può, a sua volta, essere riprodotta altre tre volte, dando così la possibilità ad infinite copie. Il prossimo MediaMax, però, non consentirà di creare ulteriori copie dalle copie. In più i brani possono essere mandati ad amici via posta elettronica. In quel caso, però, dopo dieci giorni dall'arrivo sul computer, i brani diventeranno inutilizzabili.
L'aspetto positivo della release è che, al contrario di altre tecnologie di protezione, l'album può essere ascoltato su qualsiasi dispositivo scelto dall'utente e le sue funzionalità di riproduzione consentite vanno senz'altro incontro a molte delle esigenze sottolineate dai consumatori. La scommessa, dura da vincere, è riuscire a superare la diffidenza degli utenti per tecnologie di controllo così sofisticate.

"La gente potrebbe dire - sostiene SunnComm - ma come? Mi impedisci di far più di tre copie? A loro dico: avremmo potuto decidere per zero copie. Si devono bilanciare i propri diritti e privilegi con i propri doveri e responsabilità".

La parola al mercato.
TAG: mercato
24 Commenti alla Notizia BMG ci prova col CD mutaforma
Ordina
  • Tempo fa ho regalato uno stereo molto carino alla mia ragazza (era, ed è, davvero carino, al punto che ho rosicato molto A bocca aperta).
    Per Natale le hanno fatto l'ultimo CD di Phil Collins, e a lei piace un casino.
    Alla fine ho dovuto farle una copia sprotetta (tramite un masterizzatore Plextor di un amico: io non ci sono riuscito col mio) perchè non riusciva a sentirlo, e la Warner Italia (la casa che lo distribuiva) nono ha voluto saperne, prendendomi a momenti per il culo pensando che fossi uno sprovveduto.
    Sono arrivato fin sul punto di portare la cosa da un giudice di pace: hanno cambiato subito registro divenendo mansueti come pecorelle... ma proponendomi di cambiare il CD con un altro uguale! A bocca apertaDD

    Belle le protezioni... mer**...
    non+autenticato
  • Cosa simile è successa anke a me... siccome non ho l'impianto stereo perché uso il PC per riprodurre i CD audio (perché comprare lo stereo quando si ha una buona scheda audio con le casse 5.1?) e siccome mi piacciono i Radiohead, acquistato "Hail to the thief" ho fatto la bella scoperta che il PC faceva davvero fatica a leggerlo... per fortuna dopo alcuni tentativi sono riuscito ad estrarlo in wav col mio lettore lite-on (che digerisce veramente di tutto), ma non capisco perché uno che acquista un CD debba tribolare tanto...
  • Se si può leggere... tecnicamente lo si può copiare.
    E' un dato di fatto almeno finchè non avremo le orecchie digitali con ingresso in fibra ottica.

    La copia si può rendere difficile a piacere ma, pur sottoscrivendo in pieno la frase: "
    "Si devono bilanciare i propri diritti e privilegi con i propri doveri e responsabilità", si deve tener presente che si devono bilanciare anche i sistemi di protezione con l'interesse che si ha nel riuscire ad evitarli ed al numero di persone interessate a farlo.
    In sostanza sono assolutamente convinto che qualsiasi protezione audio prima o poi cederà!

    non+autenticato
  • Copiare il cd tramite il suo menu' interattivo ...
    Protezione Software ...
    Il CD contine un programmino del cavolo che viene caricato in memoria da WINDOWS ed eseguito ... questo programmino non permette copie ripetute del CD ne estrazioni delle traccie per farne un CD audio normale .. ma come sempre ... E se il PC che copia e estrae non usa Windows ?A bocca apertaDD Fan Linux
    non+autenticato
  • 14 dollari, circa 13 Euri, circa 25 mila lire

    Prezzo direi equo per un cd

    Possibilita' di farne praticamente cio che si vuole

    Ora se a qualcuno non va bene e' pura MALAFEDE
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > 14 dollari, circa 13 Euri, circa 25 mila lire
    >
    > Prezzo direi equo per un cd
    >
    > Possibilita' di farne praticamente cio che
    > si vuole
    >
    > Ora se a qualcuno non va bene e' pura
    > MALAFEDE

    si non sarebbe male... io però non investirei sulla protezione.. una volta sceso il prezzo, risparmiato sulla protezione, ridimensionata la promozione si potrebbe vendere il cd anche a meno di 14$ e avere un introito superiore.. sia per i minori costi di produzione (nel senso + ampio) sia per i maggiorni introiti derivati da un volume di vendita superiore...(io sinceramente un cd a 10-12 euro lo compro... a 20 manco morto).
    ciao

    non+autenticato
  • cosa intendono con "su un computer" ...?
    funziona su QUALSIASI computer?

    comunque hanno rotto con le protezioni ...
    voglio dire ... vi ricordate con i giochi, negli anni 80?

    e i manuali in nero su rosso, e i codici per iniziare a giocare, e il dischetto che dopo 5 copie non funziona e la formattazione speciale microsoft, e il settore danneggiato che invece funzionava col software giusto ...
    non sono MAI-SERVITI-A-NIENTE

    Copy II PC, il mito.
    DiskDupe ...

    ce n'erano a bizzeffe.

    Scopro tristemente che CloneCD ha sbaraccato ... però ne nascono sempre di nuovi. Così come quando io mi scassavo le palle perchè avevo comprato il gioco originale e dovevo inserire codici e cagate varie e non potevo assicurarmi una partita tra 10 anni (oggi, per esempio) perchè se facevo copie non funzionavano - mentre i pirati si divertivano allegramente - così è oggi: il consumatore ha un prodotto intabbarrato di schifezze ... e il pirata ha PROPRIO il prodotto che avrebbe voluto il consumatore,

    Ma smettetela!!!
    Abbassate il prezzo e fatela finita!
    non+autenticato
  • > Scopro tristemente che CloneCD ha sbaraccato

    sul serio???? in che senso scusa? il sito e il prog ci sono ancora. per caso non funzia più?

    > ... però ne nascono sempre di nuovi.

    tipo?
    non+autenticato
  • Si saranno ispirati alla nota serie di telefilm di star trek deep space nine?
    Staremo a vedere questa sicurezza... certo se era come quella che ha usato il Robbinne williamsss con escapology... quanti cd torneranno in dietro...
    Comunque alla prossima

    Elwood chiude *bribippe* comunicatore sulla tutina...
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)