Mauro Vecchio

Sony chiude una fabbrica giapponese

Chiusura per il centro di Minokamo, specializzato in ottiche fotografiche, con il conseguente licenziamento di 840 dipendenti. Altri 2mila faranno la stessa fine entro la fine dell'anno

Roma - In un recente comunicato Sony ha annunciato la chiusura della propria fabbrica di Minokamo, nella prefettura giapponese di Gifu. Specializzato nella produzione di lenti - dalle reflex ai nuovi dispositivi mobile - il centro di Minokamo chiuderà i battenti entro la fine del prossimo marzo, con il conseguente licenziamento dei suoi 840 dipendenti.

Secondo la roadmap stabilita dal colosso nipponico, una parte della produzione - quella relativa ai dispositivi mobile - verrà trasferita verso le altre fabbriche acquisite dopo l'inglobamento di Sony-Ericsson, mentre il resto delle attività verrà definitivamente terminato.

Continua così il piano di ristrutturazione annunciato ai vertici dell'azienda del Sol Levante, per ridurre il totale della forza lavoro globale di circa 10mila persone. Altri 2.000 dipendenti verranno tagliati alla fine dell'anno fiscale in corso, permettendo a Sony di raggiungere l'obiettivo fissato: un risparmio di 30 miliari di yen (quasi 290 milioni di euro) all'anno. (M.V.)
Notizie collegate
  • BusinessSony si rifà il verticeSi dimette l'inventore di PlayStation Ken Kuturahi. Kaz Hirai, da CEO della divisione Computer Entertainment e probabile successore del CEO Stringer, diventa direttore di quella videogame
  • BusinessSony, addio ai drive otticiLa multinazionale nipponica annuncia la volontà di disfarsi della divisione che produce drive ottici per PC: l'obiettivo è tagliare e focalizzarsi sui settori consumer per tornare a macinare utili
  • BusinessSony, licenziamenti confermatiIl gigante nipponico ufficializza il taglio del 6 per cento della sua forza lavoro globale. Per un totale di 10mila dipendenti nelle varie divisioni. Si prevedono vendite per 10,5 miliardi di dollari entro il 2015
9 Commenti alla Notizia Sony chiude una fabbrica giapponese
Ordina
  • Sony è in grave crisi. Negli anni 70-80-90 era pioniera in molti settori (chi non ha avuto un WALKMAN)ma ora non ha molto saputo sfruttare il suo vantaggio per rimanere sulla cresta dell'onda delle vendite. Non ha dato quel valore aggiunto che una volta i suoi prodotti avevano. Merito forse di altri che l'hanno superata o lei che non si è saputa rinnovare. Un esempio su tutti: iPod e lettori MP3 vari super economici. Sony ha scommesso su formati proprietari (vedi MINIDISC, UMD, SUPERAUDIO CD) che non si sono imposti (purtroppo o per fortuna) e che hanno spianato la strada a tecnologie non sviluppate direttamente da SONY. Dispiace ma chi resta indietro può solo investire ancora (cercando di azzeccare l'investimento) o ridimensionarsi.
  • - Scritto da: Wazzamalla
    > Sony è in grave crisi. Negli anni 70-80-90 era
    > pioniera in molti settori (chi non ha avuto un
    > WALKMAN)ma ora non ha molto saputo sfruttare il
    > suo vantaggio per rimanere sulla cresta dell'onda
    > delle vendite. Non ha dato quel valore aggiunto
    > che una volta i suoi prodotti avevano. Merito
    > forse di altri che l'hanno superata o lei che non
    > si è saputa rinnovare. Un esempio su tutti: iPod
    > e lettori MP3 vari super economici. Sony ha
    > scommesso su formati proprietari (vedi MINIDISC,
    > UMD, SUPERAUDIO CD) che non si sono imposti
    > (purtroppo o per fortuna) e che hanno spianato la
    > strada a tecnologie non sviluppate direttamente
    > da SONY. Dispiace ma chi resta indietro può solo
    > investire ancora (cercando di azzeccare
    > l'investimento) o
    > ridimensionarsi.

    I prodotti Sony, tuttavia, sia smartphone che tablet, sono probabilmente tra i migliori disponibili sul mercato, anche per quel che riguarda il rapporto prezzo/prestazioni, eppure tutti comprano Samsung!
  • oltre che per prezzo/prestazioni direi anche come design e qualità dei materiali costruttivi!! Cosa non da poco!
    non+autenticato
  • Certamente. Samsung, che fino all'altro giorno era sconosciuta ai più, ha praticamente preso il posto di Sony in molti campi (uno su tutte quello dei televisori). I prodotti Sony sono calati di qualità, diciamocelo. Saranno ancora con un elevato standard rispetto ad altri ma, se anni fa avevo un televisore Sony (parlo ancora dei TRINITRON) ed era uno di quelli dove "si vedeva meglio" e si rompeva meno o aveva qualche cosa in più, oggi io stesso e molti altri predilegiamo altri marchi come Samsung, LG, Panasonic o Philips (quest'ultima la preferisco di granlunga quando si parla di TV). Sono rimasti indietro anche con il design. Parla uno che comunque in passato e anche ora ha molti prodotti Sony in casa. Ultimo fra tutti da citare è il VAIO entry level che ricorda vagamente la qualità di un vecchio Packard Bell. Ho avuto due VAIO e in tutti e due è saltato il masterizzazore dopo un paio d'anni. Non parliamo poi del resto...
  • Ah, mi ero dimenticato... Samsung poi produce anche elettrodomestici che sono molto apprezzati ed affidabili. Anche altre marche fanno elettrodomestici ed elettronica. Diciamo che Sony non può far affidamento solo su console, smartphone e tablet... il resto dei settori li ha persi proprio alla stragrande. Non dico che si metta a far frigoriferi o lavatrici ma, come si è buttata a far consolle dal nulla, potrebbe tentare di lanciarsi in altri campi o rafforzarsi dove si è indebolita tanto...
  • - Scritto da: Wazzamalla
    > Ah, mi ero dimenticato... Samsung poi produce
    > anche elettrodomestici che sono molto apprezzati
    > ed affidabili. Anche altre marche fanno
    > elettrodomestici ed elettronica. Diciamo che Sony
    > non può far affidamento solo su console,
    > smartphone e tablet... il resto dei settori li ha
    > persi proprio alla stragrande. Non dico che si
    > metta a far frigoriferi o lavatrici ma, come si è
    > buttata a far consolle dal nulla, potrebbe
    > tentare di lanciarsi in altri campi o rafforzarsi
    > dove si è indebolita
    > tanto...

    Di sicuro frigoriferi Sony non credo che li comprerebbe nessuno...A bocca aperta
  • Ragazzi, purtroppo c'è poco da fare. Sony licenzia e sposta fabbriche in Cina, Motorola licenzia, AMD licenzia 1700 persone, Nokia non ne parliamo... che si deve fare? Tranquilli che fra un paio d'anni sarà la volta di Microsoft.
    Il mondo cambia, certe aziende sono diventate enormi col tempo ma non vendono più come una volta. Sony fa ancora alcuni fra i migliori prodotti, eppure Samsung ormai è sulla cresta dell'onda. I consumatori scelgono molto anche seguendo le mode e i trend. Che devono fare?
    Queste cose ci sembrano assurde perché per la prima volta la crisi morde forte anche nell'hi-tech, e quindi vediamo migliaia di persone licenziate da aziende che mai avremmo pensato che avrebbero avuto di questi problemi.
    La verità è che le aziende hi-tech sono come le altre. Finché il mercato va bene assumono, quando il mercato va male o i trend dei consumatori si spostano da altre parti, beh... licenziano... purtroppo.
    non+autenticato
  • Mi dispiace aver appena acquistato un prodotto Sony. Come al solito, finirà tutto in caviale e champagne per i manager.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo T.
    > Mi dispiace aver appena acquistato un prodotto
    > Sony. Come al solito, finirà tutto in caviale e
    > champagne per i
    > manager

    Dispiace anche me. Il tempo per capire di che pasta sono fatti quelli di Sony ce l'avevi avuto tutto, mi chiedo dove tu sia vissuto negli ultimi 10 anni.
    non+autenticato