Mauro Vecchio

Cina, Siri tace sulle escort

Apple disabilita la ricerca di accompagnatrici e prostitute nei vari bar e club asiatici. Bloccate altre query illecite come quelle legate alla vendita di armi da fuoco

Roma - Il fuoco delle polemiche divampa sull'assistente vocale Siri, accusato di suggerimenti a luci rosse per tutti i possessori di iPhone e iPad in terra cinese. I vertici di Apple hanno deciso di disabilitare la specifica funzione che permetteva la ricerca di escort e prostitute tra i vari bar e club del paese asiatico.

"Non riesco a trovare alcun servizio di escort", ha iniziato a rispondere Siri dalla mattinata dello scorso lunedì. Un portavoce del colosso di Cupertino ha infatti comunicato l'avvenuta rimozione della feature di ricerca su dispositivi iPhone - modelli 4S e 5 - e iPad 3. La Mela avrebbe inoltre bloccato altre tipologie di query collegate a contenuti illeciti in Cina.

Ad esempio, Siri non sarà più in grado di capire il significato della parola arma da fuoco, dal momento che la vendita di armi e munizioni è proibita dalla legge cinese. Le autorità operative nella zona di Shanghai non sono però riusciti a confermare l'effettiva presenza di escort nelle aree indicate dall'assistente vocale di Apple. (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle, la voce del search dentro iOSApple ammette sul suo store l'assistente vocale realizzato da Mountain View per sfidare Siri. Dal meteo alle mappe, Google Search sembra ben addestrato grazie a Kwnowledge Graph
  • TecnologiaiOS6, l'iPhone parlantedi D. Galimberti - Siri è senz'altro la novità più attesa. Ma non l'unica. E tra un'app delle mappe non del tutto matura e quella per i biglietti in cerca di partner, l'os di Apple fa un passo avanti
  • TecnologiaWatson: elementare, SiriIBM medita di lavorare ad una versione di Watson formato app, in grado di far fare una magra figura all'assistente vocale di Apple
10 Commenti alla Notizia Cina, Siri tace sulle escort
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)