Alfonso Maruccia

Linux, parla Linus

Il papà del Pinguino interviene a una conferenza a tema interagendo con il pubblico e rispondendo alle domande. Torvalds parla dell'età dei mantainer del kernel, delle poche donne nel settore e di Android

Roma - Terzo giorno della conferenza LinuxCon Europe, sul palco salgono Dirk Hohndel (responsabile dello sviluppo Linux per Intel) e Linus Torvalds, "Mr. Linux" in persona. L'occasione è ghiotta per porre una serie di questioni di scottante attualità al creatore del kernel open source più popolare del pianeta, e Torvalds risponde anche se con toni meno pepati di quanto abbia avuto modo di fare nel passato recente.

Allo sviluppatore finlandese (e tutt'ora principale gestore del progetto Linux) viene infatti ancora una volta richiesto un commento sulla collaborazione tra la community FOSS e NVIDIA, ma questa volta Torvalds si limita a dire di aver già trattato la questione con abbondanza di dettagli e gestacci al seguito.

Meno problematica da affrontare la questione dell'età media degli sviluppatori del kernel Linux, un fenomeno che per Torvalds va considerato come una progressione naturale che non presenta particolari problemi: chi ha contribuito da lungo tempo al progetto continua a farlo ancora oggi, ha maggiori opportunità - in quanto esperto di eccellenza - di lavorare con le aziende attive nel settore FOSS e non pone comunque alcun vincolo all'entrata in gioco di sviluppatori volenterosi e di più giovane età.
Nella community Linux ci sono poche donne, evidenzia il pubblico, Linus ammette la carenza ma non fornisce soluzioni. Per quanto riguarda i piani per il futuro del kernel, invece, il coder preferisce evitare di fornire dettagli e si limita a dire di non aver più fatto piani a lungo termine dal lontano 1991: quel che è pronto e utile finisce nel kernel, dice Torvalds, il resto no.

E lo "scontro" fra il kernel Linux standard e quello modificato usato da Google per programmare Android? Le cose vanno meglio, dice Torvalds, e in fondo la situazione non è molto diversa da quando Red Hat e SUSE erano solite distribuire sistemi operativi con kernel personalizzati non inclusi nel ramo di sviluppo standard di Linux.

Per Linus Torvalds il Pinguino gode di ottima salute, ma c'è almeno un caso in cui lo sviluppo di nuove funzionalità da integrare in Linux perde fondi e sviluppatori: costretta dalla difficile situazione economica, AMD ha tagliato il centro di ricerca tedesco di Dresda licenziando i 25 dipendenti che avevano il compito di ottimizzare il kernel per l'uso dei nuovi processori di Sunnyvale.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàLinus Torvalds contro NvidiaSebbene la community abbia finalmente l'alternativa free e open ai driver proprietari dell'azienda di Taiwan, Linus ha il dente avvelenato. E si fa scappare più di qualche parolaccia
  • BusinessAMD conferma i licenziamentiSunnyvale ha comunicato il piano di da attuare entro la fine dell'attuale semestre. Oltre 1.700 dipendenti verranno lasciati a casa per tentare di raggiungere il pareggio di bilancio entro il 2013
  • TecnologiaValve e NVIDIA giocano su LinuxLa produttrice delle GeForce e la casa di Half-Life unite nel comune obiettivo di rendere popolare l'intrattenimento videoludico sui sistemi operativi basati su kernel Linux. Si comincia con poco, ma le prestazioni dei driver aumentano
49 Commenti alla Notizia Linux, parla Linus
Ordina
  • Adesso anche Linux deve avere le quote rosa? Linux è libero o no? Se una donna vuole svilupparci lo fa, se non lo fa amen. Se domani scopriamo che la maggioranza degli sviluppatori ha i capelli neri e mancano i biondi cosa facciamo, tingiamo loro i capelli? Ma che domande insensate...
    non+autenticato
  • Esatto. Le quote rosa sono una delle più assurde inutili controproducenti idee umane
    non+autenticato
  • ...è femmina.
    Nessuna donna è in grado di competere con lei nei confronti dei maschi che ci lavorano (e per qualche misterioso motivo, ogni volta che una femmina incontra un'altra femmina e c'è un ignaro maschietto nei dintorni, si mettono in competizione l'una con l'altra) e quindi viene snobbata.
    E' un meccanismo perverso, ma non ci sono soluzioni.
    Una femmina vuole avvicinarsi all'informatica. Magari gli piace pure la materia. Non trova altre femmine in giro, prova a rivolgersi ai maschi e questi... argh... dev'essere davvero frustrante, per una donna.

    Adesso torno al mio programmino, ho un casting da string a double che mi sta facendo girare i sacrosantissimi: è la lettura di una temperatura presa da un frigorifero che parla XML (quindi, in teoria, facilissimo) purtroppo la temperatura è in °F e usa il . come separatore dei decimali, mentre i double del mio sistema usano la , e porcapaletta vado in errore.

    Oh vabbe', troverò una soluzione... google?

    GT
  • - Scritto da: Guybrush
    > ...è femmina.
    > Nessuna donna è in grado di competere con lei
    [...]
    > ho un casting da
    > string a double che mi sta facendo girare i
    > sacrosantissimi

    Addirittura un casting?Sorpresa
    Ne hai cosi' tante da scegliere? Manco fossi su Veline InformaticheA bocca aperta
  • - Scritto da: Guybrush
    > purtroppo la temperatura è
    > in °F e usa il . come separatore dei decimali,
    > mentre i double del mio sistema usano la , e
    > porcapaletta vado in
    > errore.
    >
    > Oh vabbe', troverò una soluzione... google?

    La soluzione e' linux.
    Butta via M$.
    Qualunque accrocchio tu ti inventerai per risolvere la lettura del frigorifero, poi non funzionera' sulla versione US del sistema operativo (o su quella IT).
    Ci siamo gia' passati tutti per queste rogne.

    Butta winsozz e le sue idiotissime localizzazioni dei formati e sara' tutto piu' semplice.
  • - Scritto da: Guybrush
    > ...è femmina.
    > Nessuna donna è in grado di competere con lei nei
    > confronti dei maschi che ci lavorano (e per
    > qualche misterioso motivo, ogni volta che una
    > femmina incontra un'altra femmina e c'è un ignaro
    > maschietto nei dintorni, si mettono in
    > competizione l'una con l'altra) e quindi viene
    > snobbata.
    > E' un meccanismo perverso, ma non ci sono
    > soluzioni.
    > Una femmina vuole avvicinarsi all'informatica.
    > Magari gli piace pure la materia. Non trova altre
    > femmine in giro, prova a rivolgersi ai maschi e
    > questi... argh... dev'essere davvero frustrante,
    > per una
    > donna.
    >
    > Adesso torno al mio programmino, ho un casting da
    > string a double che mi sta facendo girare i
    > sacrosantissimi: è la lettura di una temperatura
    > presa da un frigorifero che parla XML (quindi, in
    > teoria, facilissimo) purtroppo la temperatura è
    > in °F e usa il . come separatore dei decimali,
    > mentre i double del mio sistema usano la , e
    > porcapaletta vado in
    > errore.
    >
    > Oh vabbe', troverò una soluzione... google?
    >
    > GT

    fai un replace per sostituire a "." la "," e poi fai il casting.
  • Non c'entra il sistema operativo...xml come standard prevede che il separatore dei decimali sia il . in che linguaggio stai parsando ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: piripicchio
    > Non c'entra il sistema operativo...xml come
    > standard prevede che il separatore dei decimali
    > sia il . in che linguaggio stai parsando
    > ?

    In VB 2012, ma nel frattempo ho trovato

    Public Function dotChanger(strToConvert As String) As Double

            dotChanger = Double.Parse(strToConvert, New System.Globalization.CultureInfo("en-US"))
    End Function


    System.globalization è comoda, dopotutto.

    GT

    PS: ma uno, dico uno, che abbia provato a parlare di donne invece che di variabili, sistemi operativi e quant'altro A bocca aperta
    lo dicevo io che l'informatica, per una donna, è inarrivabile.
  • - Scritto da: Guybrush
    > - Scritto da: piripicchio
    > > Non c'entra il sistema operativo...xml come
    > > standard prevede che il separatore dei decimali
    > > sia il . in che linguaggio stai parsando
    > > ?
    >
    > In VB 2012, ma nel frattempo ho trovato

    A bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da: giambo wales
    [...]
    > > In VB 2012, ma nel frattempo ho trovato
    >
    > A bocca storta

    E lo so, ma vedi pure che se mi metto a farlo in C++ non finisco più!

    GT
  • il vero programmatore scrive direttamente il codice esadecimale dell'assembler del processoreA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
  • Gestisco una azienda dove una donna sviluppa in C++ e C# software ERP per industrie manifatturiere. La precisione e la logica non ha sesso. Andate prima a lavorare sul campo per farvi esperienza vera e poi parlate.
  • - Scritto da: SpirituAleVi
    > Gestisco una azienda dove una donna sviluppa in
    > C++ e C# software ERP per industrie
    > manifatturiere. La precisione e la logica non ha
    > sesso. Andate prima a lavorare sul campo per
    > farvi esperienza vera e poi
    > parlate.

    Si ma tu non hai capito una mazza...
    non+autenticato
  • ne ha parlato a "Deejay chiama Italia"..A bocca aperta

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Vabbè... Prossima volta "parla Torvalds" Con la lingua fuori
  • - Scritto da: Alfonso Maruccia
    > Vabbè... Prossima volta "parla Torvalds" Con la lingua fuori
    eddai marù con tutta la simpatia.... l'hai pestata... adesso pulisciti la scarpa e abbozza!
    non+autenticato
  • Linus ammette la carenza ma non fornisce soluzioni.
    La soluzione te la fornisco io. Tonna, hai voluto la parità? E allora adesso se non vai a sviluppare per il pinguino ti do tanti di quei cartoni in testa ...
    non+autenticato