Alfonso Maruccia

NVIDIA e AMD, destini diversi

La produttrice di GPU vede il fatturato crescere e il numero di prodotti "non-PC" moltiplicarsi. Mentre il chipmaker di Sunnyvale deve fare i conti con un mercato che snobba le sue CPU

Roma - Le mutate condizioni del mercato dei microprocessori non giovano necessariamente ai principali player di settore: se per NVIDIA il periodo di transizione equivale a più vendite e più guadagni, per AMD la concorrenza di Intel è pioggia che cade sul bagnato di una situazione già non particolarmente florida.

Comunicando i risultati finanziari del terzo quadrimestre dell'anno fiscale, NVIDIA ha fatto felici gli azionisti con ricavi complessivi di 1,2 miliardi e profitti per 209,1 milioni di dollari, più 15,3 per cento anno su anno e previsioni degli analisti superate anche se di poco.

Il business di NVIDIA cresce sia nelle schede grafich discrete per PC desktop e laptop (+14,7 per cento anno su anno) che in quello dei prodotti "consumer" (+27,6 anno su anno). Il settore professionale è l'unico a essere in calo, mentre la corporation evidenzia la grande rilevanza acquisita dai ricavi sui prodotti "non-PC" (chip ARM e piattaforma Tegra in primis) che passano dal 7 per cento dell'anno scorso al 30 del terzo quadrimestre del 2012.
NVIDIA sta insomma gestendo nel migliore dei modi il periodo di transizione del mercato informatico, con il successo di nuovi form factor (tavolette e altri gadget mobile) e l'affermazione di ARM come importante player di settore. All'altro capo dello spettro c'è AMD, che nella transizione rischia di rimetterci tutto.

Non bastassero i problemi già noti, Sunnyvale è ora costretta a fronteggiare condizioni sempre più ostili con il market share nel settore delle CPU che scende oltre le peggiori previsioni (ora si assesta al 16,1 per cento, era il 18,8 un anno fa) e Cray che sceglie i chip Xeon di Intel (architettura Sandy Bridge) per i suoi prossimi supercomputer.

Come risponde AMD ai trend negativi? Con significative riduzioni dei prezzi su processori Athlon II e APU (A-series), a quanto pare, nella speranza di ridiventare competitiva nei confronti di Intel almeno nella fascia bassa del mercato.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessAMD conferma i licenziamentiSunnyvale ha comunicato il piano di da attuare entro la fine dell'attuale semestre. Oltre 1.700 dipendenti verranno lasciati a casa per tentare di raggiungere il pareggio di bilancio entro il 2013
8 Commenti alla Notizia NVIDIA e AMD, destini diversi
Ordina
  • nel settore x86 la competizione è finita da un pezzo... la nuova competizione non è tra diversi processori x86, dove il vantaggio di Intel è abissale (nonostante AMD sia stata una pioniera di tante soluzioni tecnologiche delle CPU attuali), ma tra x86 e architetture derivate da ARM, o quantomeno architetture ibride (ammesso che non sia solo teoria la CPU ibrida x86/ARM).
    qui però il problema è un altro, che mentre Intel e AMD sono vissute in regime di mono-duopolio per decenni, l'ecosistema ARM è ormai appannaggio di tutte le più grandi aziende e fab di microelettronica del mondo, per cui si finisce coll' essere "uno dei tanti" tra concorrenti che qualche anno fa nemmeno immaginavi di avere (Samsung, Qualcomm...).
    io credo che il futuro prossimo sia di SoCs in cui CPU e GPU a basso consumo gestiscono la gran parte del SW per la maggior parte degli utilizzi, mentre le GPU discrete si occupano dei grossi carichi di lavoro richiesti negli ambiti professionali design/video/3D e in quelli videoludici spinti...
    non+autenticato
  • ha sempre fatto delle ottime CPU e acquisendo ATI pensavo avrebbe spopolato... non riesco a dare una spiegazione a questo trend del mercato... qualcuno saprebbe motivarlo?
    non+autenticato
  • Mah io ti dirò che ho sempre usato processori Intel e schede video Nvidia e siccome mi sono sempre trovato bene non vedo perché passare a AMD. Poi per quanto riguarda ATI non ne ho mai avuta una anche perché le Nvidia hanno il Physix e per un gamer come me la grafica è importantissima il Physix ti garantisce effetti che con una ATI non hai. Preferisco spendere un po' di più per una Nvidia che risparmiare con una ATI.
    non+autenticato
  • - Scritto da: LOL
    > Mah io ti dirò che ho sempre usato processori
    > Intel e schede video Nvidia e siccome mi sono
    > sempre trovato bene non vedo perché passare a
    > AMD. Poi per quanto riguarda ATI non ne ho mai
    > avuta una anche perché le Nvidia hanno il Physix
    > e per un gamer come me la grafica è
    > importantissima il Physix ti garantisce effetti
    > che con una ATI non hai. Preferisco spendere un
    > po' di più per una Nvidia che risparmiare con una
    > ATI.
    Nel settore schede grafiche, primeggiano un po' una un po' l'altra, che nvidia sia superiore a prescindere è una fesseria.
    Per le cpu invece il discorso è diverso, quelle intel sono globalmente migliori. Però se si considera il rapporto prezzo/prestazioni il discorso cambia.
    Ps: Ho usato sia processori intel che amd, sia schede grafiche nvidia che ati/amd.
    non+autenticato
  • - Scritto da: LOL
    > Poi per quanto riguarda ATI non ne ho mai
    > avuta una anche perché le Nvidia hanno il Physix
    > e per un gamer come me la grafica è
    > importantissima il Physix ti garantisce effetti
    > che con una ATI non hai.

    Tu si che hai capito a cosa serve il Physix....
    .poz
    202
  • La cosa assurda è che è stata AMD a introdurre le caratteristiche attuali della piattaforma X86, e Intel si è accodata: vedi l'architettura "ibrida" 64/32 bit, la strutture fortemente parallela delle pipeline, il controller ram integrato nella cpu ecc.
    Il problema è che Intel ha una potenza di fuoco progettuale a dir poco spaventosa, che le ha sempre consentito di superare tutti i passi falsi in cui è incorsa e trarre vantaggio dalle idee della rivale. Potenza che, a quanto pare, manca ad AMD.
    non+autenticato
  • comunque sia i vishera sono ottimi processori, intel rimane molto superiore nella gestione energetica, ma le amd vanno bene per tutti. Mi aspetto un buon successo delle apu che, per un utente medio sono perfette, permettendo anche di giocare a prezzi molto bassi
    non+autenticato
  • come succede da anni, nvidia e intel si sono accordate per spartirsi il mercato, ogni tanto vengono bacchettate, ma che vuoi farci... i loro ingenieri si ingegnano sui chip, i manager si ingegnano a complottare

    https://en.wikipedia.org/wiki/AMD_v._Intel
    non+autenticato