Mauro Vecchio

Di manuali, laptop e violazioni del copyright

Il produttore asiatico Toshiba contro un blogger che raccoglie manuali per la riparazione fai da te dei dispositivi portatili. L'azienda fornisce documenti e driver solo a personale autorizzato

Roma - L'ennesimo incidente in materia di copyright, con lo scontro tra un blogger australiano e la divisione locale del produttore di laptop Toshiba. Ex-addetto in un negozio di computer, Tim Hicks aveva deciso di raccogliere online una vasta serie di manuali per chi volesse ripararsi da solo il proprio dispositivo portatile.

Col passare dei mesi, il blog Future Proof si rimpinguava di documenti a disposizione degli utenti, alla ricerca di driver o più generiche informazioni di servizio per smanettare con il proprio laptop. "È piuttosto difficile reperire i documenti - ha ora spiegato Hicks - Così ho creduto che la loro raccolta fosse utile, un servizio al pubblico".

Le convinzioni del blogger aussie sono però entrate in contrasto con quelle dei legali di Toshiba, che hanno chiesto la rimozione dei manuali per violazione del copyright. Nella visione offerta dal produttore asiatico, la fornitura di manuali ad utenti "non qualificati" potrebbe creare più danni che benefici.
I manuali relativi ai prodotti Toshiba sarebbero ad esclusiva disposizione dei fornitori partner, "sotto accordi strettamente confidenziali". In aggiunta, nei documenti forniti sul blog Future Proof sarebbero incluse informazioni proprietarie come ad esempio quelle relative al design dei prodotti.

Lo stesso Hicks ha sottolineato come la maggior parte delle aziende rivali - da Dell a Lenovo - mettano a disposizione i manuali per il download pubblico. Il blogger ha comunque rimosso i documenti per evitare problematiche legali. La società asiatica ha ribadito che i suoi manuali di servizio sono a disposizione dei soli riparatori autorizzati.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • HardwareLenovo e Toshiba, tablet per tuttoIl produttore cinese punta alla fascia economica e mostra un 10 pollici con Ice Cream Sandwich. Stesso OS per Toshiba, che però scala le vette di diagonale e risoluzione: 13 pollici non si erano mai visti
  • AttualitàCopyright, il massacro dei blog australianiUn milione e mezzo di spazi online abbattuti da una singola richiesta di rimozione in base al DMCA statunitense. Polemiche sui tempi di risposta offerti alla piattaforma australiana Edublogs
27 Commenti alla Notizia Di manuali, laptop e violazioni del copyright
Ordina
  • Escludendo il fatto che per smontare qualsiasi notebook (tablet o smartphone) basta un set di cacciaviti torx e philips ed una tessera sanitaria (carta fedeltà, bancomat) ed un minimo di manualità. Toshiba fa questa figura meschina per un'operazione alla portata di chiunque abbia un minimo di manualità? Certo poi riparare quello che si è smontato è tutto un'altro paio di maniche.

    Se qualcuno mi porta un apple con le loro viti super mega chic (poi qualcuno mi spiegherà in cosa sono superiori alle torx) gli metto un sovraprezzo:
    1) Perché cliente Apple quindi gode ad essere spennato (quanto sono buono)
    2) Mi fa perdere tempo.

    Non ho menzionato i desktop perché se uno non è in grado di smontarli è messo male.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Davidoff
    > Non ho menzionato i desktop perché se uno non è
    > in grado di smontarli è messo
    > male.
    Il problema non è smontarli: ma rimontarli, possibilmente funzionanti...
    non+autenticato
  • > Il problema non è smontarli: ma rimontarli,
    > possibilmente
    > funzionanti...

    Basta usare un minimo di attenzione per rimontarli anche se nel 99% dei casi è praticamente impossibile sbagliarsi (a meno di non perdere qualche pezzo ma a questo punto non ti serve a nulla un manuale)sul farli rifunzionare beh spesso dipende dal tipo di guasto (diciamo sempre) e di norma si cambia il componente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Davidoff
    > Escludendo il fatto che per smontare qualsiasi
    > notebook (tablet o smartphone) basta un set di
    > cacciaviti torx e philips ed una tessera
    > sanitaria (carta fedeltà, bancomat) ed un minimo
    > di manualità. Toshiba fa questa figura meschina
    > per un'operazione alla portata di chiunque abbia
    > un minimo di manualità? Certo poi riparare quello
    > che si è smontato è tutto un'altro paio di
    > maniche.
    >
    > Se qualcuno mi porta un apple con le loro viti
    > super mega chic (poi qualcuno mi spiegherà in
    > cosa sono superiori alle torx) gli metto un
    > sovraprezzo:
    > 1) Perché cliente Apple quindi gode ad essere
    > spennato (quanto sono
    > buono)
    > 2) Mi fa perdere tempo.

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Visto che qualcuno vuole evitare che l'utente medio possa aggiustarsi da se il proprio notebook linko un sito molto interessante che riporta guide passo passo per tantissimi modelli circa il loro relativo smontaggio:

    http://www.insidemylaptop.com/

    Io ho smontato tranquillamente decine di notebook senza aver mai problemi.
  • - Scritto da: CHKDSK
    > Visto che qualcuno vuole evitare che l'utente
    > medio possa aggiustarsi da se il proprio notebook
    > linko un sito molto interessante che riporta
    > guide passo passo per tantissimi modelli circa il
    > loro relativo
    > smontaggio:
    >
    > http://www.insidemylaptop.com/
    >
    > Io ho smontato tranquillamente decine di notebook
    > senza aver mai
    > problemi.
    e sei poi riuscito a richiuderli? Occhiolino
    non+autenticato
  • Si ovvio.
  • - Scritto da: CHKDSK
    > Si ovvio.

    Quando lo faccio io, non con i notebook ma con robe meccaniche, alla fine mi avanza sempre qualche pezzo. E' evidentemente materia autogenerante, in questo fenomeno ci dev'essere la chiave dell'energia infinita Occhiolino
    Izio01
    4255
  • - Scritto da: Izio01
    > - Scritto da: CHKDSK
    > > Si ovvio.
    >
    > Quando lo faccio io, non con i notebook ma con
    > robe meccaniche, alla fine mi avanza sempre
    > qualche pezzo. E' evidentemente materia
    > autogenerante, in questo fenomeno ci dev'essere
    > la chiave dell'energia infinita
    > Occhiolino

    Se avanza qualche pezzo va bene, se manca è grave...A bocca aperta
    non+autenticato
  • E' assolutamente indispensabile che questi parassiti vengano messi in evidenza, cosi' il consumatore quando deve scegliere quale marca di computer acquistare, potra' valutare se piegarsi ai parassiti che negano la conoscenza del prodotto costringedo il malcapitato a rivolgersi solo alle sanguisughe autorizzate alla eventuale riparazione, oppure se preferire chi ama la condivisione della conoscenza e non ha nulla da nascondere.


    EVIL             GOOD
    ---------------------------
    Sony             Dell
    Toshiba           Lenovo
    Apple             Samsung
    Microsoft         Google
  • - Scritto da: panda rossa

    >

    > EVIL             GOOD
    > ---------------------------
    > Sony             Dell
    > Toshiba           Lenovo
    > Apple             Samsung
    > Microsoft         Google
    >


    Anche HP mi pare fornisca la documentazione
  • - Scritto da: Fulmy(nato)
    > - Scritto da: panda rossa
    >
    > >

    > > EVIL             GOOD
    > > ---------------------------
    > > Sony             Dell
    > > Toshiba           Lenovo
    > > Apple             Samsung
    > > Microsoft         Google
    > >

    >
    > Anche HP mi pare fornisca la documentazione
    Mettiamola tra i buoni!
  • Quante bambinate. L'unica cosa che deve interessare è la qualità del prodotto e l'assistenza dopo-vendita. Il resto sono solo balle per bambocci sfigati.
    Della "condivisione della conoscenza" non importa niente a nessuno. È la "customer experience" ad importare.
    Che vi piaccia o no.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Feet on the ground
    > Quante bambinate.

    Bravo. Tu si che sei adulto.

    > L'unica cosa che deve
    > interessare è la qualità del prodotto e
    > l'assistenza dopo-vendita.

    La qualita' del prodotto prevede anche la facolta' di poterci mettere le mani dentro e sapere come e' fatto ed eventualmente effettuare piccole riparazioni o migliorie.

    Se tu preferisci restare ignorante, non devi per questo impedire a chi sa di poter fare.

    Tu vuoi pagare per sopperire alla tua incapacita? Paga.

    > Il resto sono solo
    > balle per bambocci
    > sfigati.

    E' evidente a tutti chi e' lo sfigato qui.

    > Della "condivisione della conoscenza" non importa
    > niente a nessuno. È la "customer experience" ad
    > importare.
    > Che vi piaccia o no.

    Fatti non foste a viver come bruti,
    ma per seguir virtute e canoscenza

    scriveva qualcuno sette secoli fa.
    Scegli pure in quale categoria collocarti.
  • - Scritto da: Feet on the ground
    > Quante bambinate. L'unica cosa che deve
    > interessare è la qualità del prodotto e
    > l'assistenza dopo-vendita. Il resto sono solo
    > balle per bambocci
    > sfigati.
    > Della "condivisione della conoscenza" non importa
    > niente a nessuno. È la "customer experience" ad
    > importare.
    > Che vi piaccia o no.

    Amen, fratello...che ti piaccia o no c'è anche chi ama ripararsi pc e notebook da solo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: sbertuccia
    > - Scritto da: Feet on the ground
    > > Quante bambinate. L'unica cosa che deve
    > > interessare è la qualità del prodotto e
    > > l'assistenza dopo-vendita. Il resto sono solo
    > > balle per bambocci
    > > sfigati.
    > > Della "condivisione della conoscenza" non
    > importa
    > > niente a nessuno. È la "customer
    > experience"
    > ad
    > > importare.
    > > Che vi piaccia o no.
    >
    > Amen, fratello...che ti piaccia o no c'è anche
    > chi ama ripararsi pc e notebook da
    > solo!

    Sara' il solito intermediario che lavora all'assistenza, e il cui lavoro consiste nel ritirare il computer rotto del cliente, raccontargli due fregnacce, e consegnarlo al laboratorio che lo ripara, per poi restituirlo al cliente raccontando altre due fregnacce per giustificare il ritardo.

    Figura ormai parassitaria, resa inutile dalla rete che puo' mettere direttamente in contatto il cliente con chi effettivamente e' capace di riparare.

    Non ci deve essere piu' posto per incapaci e parassiti.
  • Se una persona è capace a fare qualcosa è giusto che se la faccia da solo se ha tempo altrimenti si rivolge a chi la sa fare. Se il produttore saldasse la scocca per impedirne l'apertura allora finirebbe nella mia lista nera altrimenti non ricordo l'ultima volta che ho consultato "il libro dei somari".

    Diciamo che più che la disponibilità del libro dei somari guardo alla qualità costruttiva e a quanto il produttore ha reso inutilmente complesso smontare un prodotto.


    Una postilla, ma alla toshiba sono scemi? Se una persona non è in grado di smontare un loro prodotto senza una guida pensa quanti danni potrebbe fare e quante più riparazioni e componenti nuovi venderebbero?
    non+autenticato
  • Contento te...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Feet on the ground

    > Della "condivisione della conoscenza" non importa
    > niente a nessuno. È la "customer experience" ad
    > importare.
    > Che vi piaccia o no.

    menomale che il mondo è vario e pochi la pensano come te, altrimenti non avrei mai cambiato olio+4 filtri alla mia auto imparando sul forum (tramite guide fotografiche) come si fa.... w Internet e w la condivisione delle informazioni!
  • sperando ovviamente che tu non abbia buttato l'olio vecchi onel tombino dietro il garage...
    non+autenticato