Alfonso Maruccia

Droid DNA, HTC pensa in grande

La societÓ taiwanese presenta il suo nuovo gadget, un telefonino con mega-schermo Full HD, processore quad-core ed LTE. Pensato per il mercato statunitense, il nuovo Droid viene venduto in esclusiva con contratto Verizon

Roma - ╚ tempo di un nuovo terminale Android per la taiwanese HTC: la società ha presentato ufficialmente DROID DNA, "super-smartphone" con grande schermo e specifiche di alto livello presto in vendita negli USA assieme a un contratto esclusivo di due anni con l'operatore Verizon.



Più che uno smartphone DROID DNA è un "phatphone", visto che il gingillo è dotato di uno schermo Super LCD 3 di ben 5" e densità di 440 pixel per pollice (risoluzione Full HD) - uno dei primi smartphone ad avere un display Full HD nativo, sostiene HTC.
Non sono certo da meno le altre caratteristiche tecniche, visto che il processore è un ARM Snapdragon di Qualcomm quad-core con clock da 1,5GHz e chip di decodifica LTE integrato. HTC DROID DNA supporta la carica wireless e le chat video in HD, è dotato di una fotocamera sul retro (8 megapixel) e una sul fronte (2,1 mp) con tanto di chip per migliorare la qualità di scatto e processing delle foto (ImageChip).

Completano un piatto già ricco il supporto alle comunicazioni NFC (supposta e ancora non pervenuta nuova rivoluzione dei pagamenti elettronici senza denaro contante), e l'audio "Beats" con due amplificatori (uno per le cuffie, l'altro per lo speaker integrato).

In arrivo (tramite Verizon) il 21 novembre al prezzo di 200 dollari, DROID DNA ha il non facile compito di risollevare le sorti commerciali di HTC: ultimamente la corporation asiatica soffre la concorrenza della coreana Samsung e di Apple in un mercato mobile che non sembra volerle bene come un tempo.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
10 Commenti alla Notizia Droid DNA, HTC pensa in grande
Ordina