Mya, bionda telewoman virtuale

Se l'è inventata Motorola per farle leggere siti e posta elettronica al telefono. L'azienda spera che diventi la migliore amica di tutti, la confidente cyber per la famiglia

Web - Chiamare il numero dedicato e sentirsi raccontare da una voce calda e femminile i contenuti dei propri messaggi di posta elettronica o dei siti che si desidera visitare: questa è Mya, la telewoman virtuale presentata da Motorola nientemeno che alla cerimonia di assegnazione degli Oscar cinematografici.

Mya potrà essere chiamata da tutti gli abbonati ai servizi wireless di Motorola, e sarà il loro volto, voce e udito sulla rete delle reti. Mya è biondissima, dicono a Motorola, e non vede l'ora di iniziare a lavorare. L'idea di fondo è di sfruttare la narratrice cybernetica come volano per i servizi internet wireless: secondo Motorola, nel 2002 la maggioranza degli utenti accederà ad internet da reti wireless e da device alternativi al tradizionale personal computer.

"Mya - spiega una nota dell'azienda - aiuterà ad abbattere le barriere nell'accesso all'informazione offrendo un modo semplice per recuperare e utilizzare informazioni personal su internet da device mobili. Sarà la migliore amica di tutti". Ci vorranno però alcuni mesi prima di vedere il volto di Mya, ancora in elaborazione presso uno studio californiano dedito agli effetti speciali.