Mauro Vecchio

Ofcom, luce sui pirati d'Albione

L'authority britannica pubblica un report per studiare le abitudini di consumo dei contenuti audiovisivi illeciti. Un cittadino su quattro smetterebbe per evitare la disconnessione

Roma - Nuovi dati snocciolati dalla britannica Ofcom, autorità indipendente per la regolamentazione nel settore delle comunicazioni. Finanziato dai vertici dell'Intellectual Property Office (IPO), uno studio basato sulle interviste a più di 4mila netizen nel Regno Unito, sulle attuali abitudini di scaricamento e consumo di materiale audiovisivo in violazione del copyright.

Più del 20 per cento del campione studiato da Ofcom ha ipotizzato la fine delle attività di download e streaming illecito, qualora giungesse una missiva a paventare la disconnessione delle singole utenze dalla rete Internet. Una percentuale scesa al 14 per cento in caso di minacce sul semplice rallentamento della velocità di banda.

Modellato sulla dottrina Sarkozy e suoi tre colpi anti-pirateria, il testo di legge noto come Digital Economy Act (DEA) ha previsto l'invio a raffica di notifiche ai singoli abbonati di tutti quei provider con più di 400mila clienti. I vertici di Ofcom sono dunque stati incaricati di studiare le reali abitudini di consumo illecito degli utenti, per avere un quadro chiaro della situazione in terra d'Albione.
Nel report di Ofcom, il 39 per cento degli scariconi britannici smetterebbe in presenza di contenuti leciti a prezzi più abbordabili. Il 32 per cento preferirebbe invece una disponibilità totale dei contenuti sulle principali piattaforme della distribuzione legale.

Passando ai numeri del consumo pirata, il 47 per cento dei software per desktop PC è stato scaricato in maniera non autorizzata. Percentuali leggermente più basse per film (35 per cento), musica (26 per cento) e libri in formato elettronico (12 per cento). Tra i motivi alla base dello scaricamento, l'ovvia gratuità, seguita dalla velocità dell'acquisizione online.

Il report di Ofcom sarà comunque visto come un utile strumento per inquadrare l'ecosistema della condivisione illecita prima di ulteriori sviluppi normativi. Come sottolineato dall'esperto avvocato Guido Scorza, un modello per AGCOM, dopo il fallimento delle operazioni del comitato contro la pirateria audiovisiva affidato all'ex-Segretario alla Presidenza del Consiglio Mauro Masi, mai supportate da un'analisi dei comportamenti dei cittadini italiani.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUK, il nuovo corso dell'antipirateriaOfcom pubblica la bozza del pacchetto di regole che avvieranno il Digital Economy Act (DEA). I provider più grandi inizieranno ad inviare le notifiche. Dopo 3 avvertimenti in un anno, l'industria colpirà gli scariconi
  • AttualitàUK, diritto d'autore ma meno rigidoPrevista una sostanziale revisione del famigerato Digital Economy Act (DEA). Il blocco dei siti potrebbe finire nel dimenticatoio. E si potranno effettuare copie di CD/DVD per uso strettamente personale
10 Commenti alla Notizia Ofcom, luce sui pirati d'Albione
Ordina
  • io mi domando QUANDO cacchio inizieranno a pensare a TAGLIARE i tempi di protezione, invece di arzigogolare per anni sulle proposte piu fantasiose o indecenti, fare analisi di mercato, gruppi, comitati, societa' di persecuzione, team di avvocati, vendite freemium, ad abbonamenti, antani e supercazzora ecc..

    Sarebbe INTERESSANTE uno studio che analizzasse quante opere potevano essere rese FREE (stile Blender), usando i milioni di euro invece buttati per fare le analisi&persecuzioni suddette.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > io mi domando QUANDO cacchio inizieranno a
    > pensare a TAGLIARE i tempi di protezione, invece
    > di arzigogolare per anni sulle proposte piu
    > fantasiose o indecenti, fare analisi di mercato,
    > gruppi, comitati, societa' di persecuzione, team
    > di avvocati, vendite freemium, ad abbonamenti,
    > antani e supercazzora ecc..

    > Sarebbe INTERESSANTE uno studio che analizzasse
    > quante opere potevano essere rese FREE (stile
    > Blender), usando i milioni di euro invece buttati
    > per fare le analisi&persecuzioni suddette.

    Quando l'hanno fatto riguardo alle droghe leggere i risultati sono stati ovvi: basterebbe un decimo dei soldi attualmente spesi in repressione per
    regolamentare e gestire bene tuta la faccenda.
    krane
    22544
  • In Italia sarebbe un opzione improponibile, si tornerebbe alla pirateria da marciapiede con le conseguenze del caso. <.<
    non+autenticato
  • Ma pure:
    buongiorno, se lei fosse uno scaricatore di materiale illecito e le arrivasse una missiva contenente una minaccia di disconnessione, smetterebbe?

    ROTFLmao

    GT
  • - Scritto da: Guybrush
    > Ma pure:
    > buongiorno, se lei fosse uno scaricatore di
    > materiale illecito e le arrivasse una missiva
    > contenente una minaccia di disconnessione,
    > smetterebbe?

    No, ma in compenso scambierei il mio fustino di detersivo con due di detersivo normale! Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere


    > ROTFLmao
    >
    > GT

    Ecco, appunto!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guybrush
    > Ma pure:
    > buongiorno, se lei fosse uno scaricatore di
    > materiale illecito e le arrivasse una missiva
    > contenente una minaccia di disconnessione,
    > smetterebbe?

    Ma perche' invece non mi chiede che cosa farei appena sentissi parlare della volonta' del governo di mandare missive del genere ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: Guybrush
    > Ma pure:
    > buongiorno, se lei fosse uno scaricatore di
    > materiale illecito e le arrivasse una missiva
    > contenente una minaccia di disconnessione,
    > smetterebbe?
    >
    > ROTFLmao
    >
    > GT

    Peccato che PI, ha resto l'articolo flammoso, anche perchè Giudo Scorza ha usato TONI MOLTO DIVERSI.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > - Scritto da: Guybrush
    > > Ma pure:
    > > buongiorno, se lei fosse uno scaricatore di
    > > materiale illecito e le arrivasse una missiva
    > > contenente una minaccia di disconnessione,
    > > smetterebbe?
    > >
    > > ROTFLmao
    > >
    > > GT
    >
    > Peccato che PI, ha resto l'articolo flammoso,
    > anche perchè Giudo Scorza ha usato TONI MOLTO
    > DIVERSI.
    mhh si... pero' anche Scorza e' dentro a "matrix".
    Nessun cenno anche per lui dell'UNICA cosa che andrebbe fatta a prescindere da ogni "disposizione per rendere più efficaci mezzi regolamentari di contrasto della pirateria online" aka TAGLIARE FEROCEMENTE GLI STRAMALEDETTI TEMPI DI PROTEZIONE!
    non+autenticato
  • Tempi di protezione ?
    Sgabbio
    26178
  • - Buongiorno, lei scarica musica/film/software illegalmente?
    - certo!
    - Sel le arrivasse una lettera con minaccia di disconnessione smetterebbe?
    - Mah, non so, penso di si.

    Ma daaai...