Signor Maestro, Bonino copia

di Massimo Mantellini. La dichiarazione della leader radicale ripresa da tutte le agenzie è la fotocopia di un articolo di Interlex. Un segno della nuova politica?

Web - La battagliera Emma Bonino alla sua prima conferenza stampa a Torino, dove è candidata alla presidenza regionale, parla di Internet. Lo fa con l'aggressività e il cipiglio che le è consueto mostrandosi assai informata sulle cose di Internet e sulla new economy, che sembra essere ormai un obbligo pre-elettorale per ogni politico che si rispetti. Leggo l'Ansa che dà conto della posizione radicale sui portali di stato e dal monitor del mio computer si sparge per la stanza quel meraviglioso profumino di "già sentito" che solo certi condimenti della mamma sanno diffondere.

Il deja vu nasce dal fatto che quanto affermato da Emma Bonino non è altro che la riproposizione quasi letterale di quanto scritto da Manlio Cammarata su Interlex qualche giorno fa. Non vi annoierò con le citazioni, chiunque voglia rendersi conto della cosa ha a disposizione l'articolo del direttore di Interlex (1) e il lancio dell'agenzia Ansa (2). Si tratta in pratica di due documenti fotocopia.

Scrivo a Cammarata per informarmi se sia diventato consulente dei radicali per le cose di Internet (e mica sarebbe una cattiva idea) e questi si mostra perfino più stupito di me su quanto accaduto. Mi suggerisce, scherzando, anche un titolo per questo articolo ("Signor Maestro, Bonino copia") che non so se la redazione di Punto Informatico deciderà di mantenere.
Questo episodio serve a me per sottolineare un paio di cose non marginali.

La prima è che in rete c'è una penuria assoluta di commenti liberi e originali. Anche sulle politica delle reti in Italia è ormai possibile trovare montagne di informazioni, statistiche, articoli un po ' ovunque sul web. Questa massa di materiale è in continua frenetica espansione eppure i giornalisti o gli esperti che si espongono in prima persona fuori da condizionamenti editoriali o pubblicitari sono rarissimi. Ho cominciato a contarli e non sono arrivato a cinque. Come mai?

La seconda è che l'umiltà non sembra essere di questo mondo. Ben venga che un partito politico faccia proprie le idee che trova espresse in giro (specie in una materia ostica come quella delle sviluppo tecnologico classicamente estranea alla classe politica, specie se queste sono interamente sottoscrivibili come quelle espresse su Interlex da Manlio Cammarata), ma suvvia, una piccola telefonata, anche solo una email di approvazione, un segno qualsiasi di condivisione, la battagliera ex commissaria europea l'avrebbe potuta dare, no?

Massimo Mantellini
TAG: italia