Mauro Vecchio

TVShack, i denari che salvano dall'estradizione

Il giovane admin Richard O'Dwyer eviterÓ l'estradizione negli Stati Uniti per violazione del copyright. Firmato un accordo per il pagamento di una multa non meglio quantificata

Roma - Dai terribili cancelli della londinese Wandsworth Prison alle grinfie delle autorità statunitensi, il giovane studente britannico Richard O 'Dwyer ha vissuto due anni di tribolazione per le sue attività di indexing sul portale TVShack. Accusato di aver guadagnato centinaia di migliaia di sterline grazie alla pubblicità online, sembrava ormai rassegnato alla capitolazione per massiva violazione del copyright.

La High Court di Londra ha annunciato che il giovane admin firmerà un accordo - deferred prosecution agreement, il termine legale in lingua inglese - per il pagamento di una sanzione economica non meglio specificata. Lo studente di Sheffield restituirà il maltolto ai vertici dell'industria cinematografia a stelle e strisce, con il governo di Washington pronto a metterci una pietra sopra.

Nelle prossime due settimane O 'Dwyer dovrebbe volare negli States per firmare l'accordo con le autorità locali, che accoglieranno il pagamento e soprattutto avviseranno lo studente delle possibili conseguenze di un ritorno alle attività digitali. Il giovane resterà sotto osservazione in caso di ulteriori violazioni del copyright, ma potrebbe definirsi un uomo libero entro l'inizio del prossimo Natale.
Oltre all'ovvio sollievo della madre del giovane, promotrice di una accorata campagna a favore del figlio, soddisfatto il founder di Wikipedia Jimmy Jimbo Wales, che aveva avviato una petizione online per evitare l'estradizione del giovane negli Stati Uniti. "Quello che ora dovrà accadere è un serio processo di revisione dei trattati britannici per l'estradizione", ha spiegato Wales.

Per i vertici del Partito Pirata britannico, le richieste degli Stati Uniti sono state eccessive fin dall'inizio, per un portale che si limitava a distribuire link a contenuti terzi.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Diritto & InternetUK, quando linkare costa il carcereL'amministratore di SurfTheChannel Ŕ stato condannato a 4 anni: il sito raccoglieva link a materiale video ospitato su altre piattaforme. L'accusa? Associazione a delinquere finalizzata alla truffa
  • AttualitàMPAA, guerra al Topolino dei linkL'industria cinematografica assolda opinionisti fantoccio per pubblicare interventi favorevoli all'estradizione del giovane admin di TVShack Richard O'Dwyer. Il suo caso non riguarderebbe affatto la libertÓ della Rete
  • AttualitàUK, i link pirata verranno estradatiNessuna speranza per il giovane admin di TVShack Richard O'Dwyer. Il Segretario di Stato britannico ha giÓ preso la sua decisione. Lo studente di Sheffield sarÓ processato negli States entro la fine di quest'anno
5 Commenti alla Notizia TVShack, i denari che salvano dall'estradizione
Ordina
  • ...tutti i problemi legali si risolvono d'incanto.

    Ricordo che anche il primo processo contro Michael Jackson, nel 1993, fu sostanzialmente risolto grazie a una grossa somma pagata al padre di un tredicenne, presunta vittima del cantante. Non ci fu alcuna causa né civile né penale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > ...tutti i problemi legali si risolvono d'incanto.

    Anche in italia funziona cosi'.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Leguleio
    > > ...tutti i problemi legali si risolvono
    > d'incanto.
    >
    > Anche in italia funziona cosi'.

    No, mi spiace contraddirti: in Italia il denaro aiuta a fare leggi ad personam , il che è una cosa un po' diversa. Perché perché le leggi ad personam funzionino, ci vogliono anche i giudici ad personam , o perlomeno indulgentes , e non sempre lo sono. Sorride
    Pagare la controparte non serve a nulla.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Leguleio
    > > > ...tutti i problemi legali si risolvono
    > > d'incanto.
    > >
    > > Anche in italia funziona cosi'.
    >
    > No, mi spiace contraddirti: in Italia il denaro
    > aiuta a fare leggi ad personam
    >
    , il che è una cosa un po' diversa.

    Non e' diversa. Alla fine il risultato e' identico.
    Il sistema giudiziaro americano permette la soluzione all'americana.
    Il sistema giudiziario italiano permette la soluzione all'italiana.
    In entrambi i sistemi la soluzione prevede tanti soldi e il risultato e' il medesimo.

    > Perché perché le leggi ad personam
    >
    funzionino, ci vogliono anche i
    > giudici ad personam , o
    > perlomeno indulgentes , e
    > non sempre lo sono.
    > Sorride
    > Pagare la controparte non serve a nulla.

    In italia si paga il legislatore.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Leguleio
    > > - Scritto da: panda rossa
    > > > - Scritto da: Leguleio
    > > > > ...tutti i problemi legali si
    > risolvono
    > > > d'incanto.
    > > >
    > > > Anche in italia funziona cosi'.
    > >
    > > No, mi spiace contraddirti: in Italia il
    > denaro
    > > aiuta a fare leggi ad personam
    > >
    , il che è una cosa un po'
    > diversa.
    >
    > Non e' diversa. Alla fine il risultato e'
    > identico.
    > Il sistema giudiziaro americano permette la
    > soluzione
    > all'americana.
    > Il sistema giudiziario italiano permette la
    > soluzione
    > all'italiana.
    > In entrambi i sistemi la soluzione prevede tanti
    > soldi e il risultato e' il
    > medesimo.

    Ah be', se tu la vedi così.
    Credo che chi ha fatto leggi ad personam , se fosse possibile e se servisse a qualche cosa, userebbe immediatamente il sistema Usa. Costa di meno, e, come dire, non lascia dietro quella scia di roba poco pulita...
    non+autenticato