Mauro Vecchio

Italia, il fisco si mobilita per Google

La divisione tricolore di BigG sotto la lente delle Fiamme Gialle e dell'Agenzia delle Entrate. Non sarebbe stato dichiarato un reddito di 240 milioni di euro, evitando di pagare una IVA di 96 milioni. Google assicura collaborazione

Roma - Una verifica extraprogramma nei confronti di Google Italy srl, finalizzata al riscontro del corretto adempimento dei suoi obblighi fiscali nel Belpaese. La divisione tricolore del colosso di Mountain View è così finita nel mirino della Guardia di Finanza milanese, dopo l'interrogazione presentata alla Camera (Commissione Finanze) dal deputato del Partito Democratico (PD) Stefano Graziano, che si era mosso nei giorni scorsi.

Come evidenziato dal sottosegretario al ministero dell'Economia Vieri Ceriani, tra il 2002 e il 2006 Google Italy avrebbe registrato un reddito imponibile pari a 240 milioni di euro, evitando di versare un valore Iva che supera i 96 milioni di euro. Stando al testo dell'interrogazione di Graziano, la sede irlandese di Google "non presenterebbe dichiarazione dei redditi in Italia perché la filiale milanese farebbe solo assistenza (marketing services) per conto di Google Ireland".

"Al 2006 ad oggi, il fatturato realizzato in Italia sarebbe notevolmente cresciuto - ha spiegato ancora Graziani - Stando ad alcune stime del settore, e tenendo conto che Google Ireland dal 2010 non deposita più il bilancio avvalendosi di una norma locale che le consente di rifarsi a quello della capogruppo americana, in Italia i ricavi avrebbero superato i 400 milioni di euro nel 2009, 550 nel 2011 e probabilmente 700 milioni in quest'anno".
Per l'Agenzia delle Entrate, è difficile agire contro quelle "società digitali transnazionali" che sfruttano quelle che vengono definite "ingegnerie finanziarie offerte da evidenti lacune nella normativa nazionale ed internazionale" per non pagare le tasse in Italia. Il Fisco tricolore ha così avviato una prima fase di screening sulle attività di gruppi multinazionali attivi nel settore dell'elettronica e dell'e-commerce.

"Rispettiamo le leggi fiscali in tutti i paesi in cui operiamo e siamo convinti di rispettare anche la legge italiana - ha risposto a caldo un portavoce di Mountain View - Continueremo a collaborare con le autorità locali per rispondere alle loro domande relative a Google Italy e ai nostri servizi". "È normale - spiega ancora Google - che un'azienda sia sottoposta a controlli fiscali ed è da tempo che lavoriamo con le autorità italiane. Ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna richiesta di pagare ulteriori tasse in Italia".

L'Italia non è il primo paese a mettere sotto controllo le attività fiscali di Google e altri colossi high-tech. Il governo australiano ha intenzione di adottare misure più efficaci che spingano le varie aziende a versare il giusto ammontare di tributi. In Francia, le indagini condotte dalla Direction générale des finances publiques (DGFIP) potrebbe portare ad una maxi-multa per la Grande G, circa un miliardo di euro.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
56 Commenti alla Notizia Italia, il fisco si mobilita per Google
Ordina
  • - Scritto da: iRoby
    > - Scritto da: Francesco
    > > Complimenti... proprio la filosofia che ha
    > > distrutto questo paese... io queste persone
    > le
    > > chiamo delinquenti, e basta!
    >
    > Di chi parli degli evasori fiscali?
    >
    > È un concetto macro-economico. Per quanto
    > strano possa sembrare gli evasori in questo
    > momento, non dandoli allo Stato che li darebbe
    > indietro ai mercati finanziari per un debito
    > fasullo e fraudolento, li spendono per tenere in
    > piedi le aziende e il loro tenore di vita, per
    > cui mantengono in piedi le economie
    > locali.
    >

    Il concetto astratto può essere accettato... ma non chiamarlo debito
    fasullo, ce lo siamo creato noi con le politiche folli degli anni '80 e con l'atavica tolleranza verso l'evasione fiscale.

    Oggi chi si è ingrassato ed ingrassa evadendo cerca in tutti i modi di delegittimare quel poco che è stato fatto negli ultimi anni.

    > Lungi dal difendere gli evasori, ma è un
    > meccanismo
    > macro-economico.
    > E il governo Monti lo sa, per questo aumenta le
    > imposte indirette, perché non riesce a stanare
    > questi evasori. Per cui preleva come
    > può.
    >
    > Tanto la sua agenda è deindustrializzare il prima
    > possibile questo paese per fare arrivare i
    > piraña franco-tedeschi a comprare a prezzi
    > di svendita tutto ciò che è profittevole in
    > questo
    > paese.

    La deindustrializzazione l'ha già avviata il prodino quindici anni fa... i pezzi migliori sono andati, è rimasto solo da rosicchiare le ossa.

    >
    > E gli evasori gli stanno rendendo difficile
    > questo compito. A nostro vantaggio... Sembra
    > strano da dire, ma è un concetto tecnico che la
    > gente comune non riuscirà a comprendere, tale è
    > la propaganda con cui viene asfissiato il
    > cervello e la capacità di comprensione di questi
    > concetti.

    Ribadisco.. il concetto astratto lo capisco, ma tu stesso dici che poi il governo va a cercare i soldi dove li trova, ovvero nelle tasche dei soliti noti.

    Perché od usciamo dall'euro e dichiariamo bancarotta stile Argentina, oppure questi soldi li dobbiamo rendere.

    Togliendo tutto, dai contributi previdenziali all'IVA sui beni di consumo alle accise sui carburanti al consorzio di bonifica, in tasca mi rimane spendibile circa il 28% dalla ricchezza che produco ogni anno. E questo non è un concetto astratto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco
    > Il concetto astratto può essere accettato... ma
    > non chiamarlo debito fasullo, ce lo siamo creato noi con le politiche
    > folli degli anni '80 e con l'atavica tolleranza
    > verso l'evasione fiscale.

    Ma non è vero!
    Tra gli anni '70 e '80 c'è stato un tira e molla dell'Europa che ha cercato di bloccare l'Italia usando lo SME.
    La migliore crescita economica il boom più grande è stato proprio negli anni '80-'90.
    La fonte di ciò che sto dicendo è proprio Bankitalia e l'OCSE.
    Ed è spiegato in queste proiezioni che riportano grafici proprio da quei dati:
    http://goofynomics.blogspot.it/2012/03/cosa-sapete...

    Quando la moneta è sovrana il DEFICIT È BUONO, Perché il debito dello Stato rappresenta la ricchezza in circolazione tra i cittadini.
    Bloccati nell'Euro che dobbiamo prendere in prestito con gli interessi allora il DEFICIT È CATTIVO perché rappresenta il debito dei cittadini che devono restituire questa moneta con gli interessi.

    > Oggi chi si è ingrassato ed ingrassa evadendo
    > cerca in tutti i modi di delegittimare quel poco
    > che è stato fatto negli ultimi anni.

    Che cosa è stato fatto negli ultimi anni? Dal 2000 al 2008 i mercati finanziari hanno tolto ai cittadini 475 miliardi di Euro.
    Quindi cosa è stato fatto di buono?

    > La deindustrializzazione l'ha già avviata il
    > prodino quindici anni fa... i pezzi migliori sono
    > andati, è rimasto solo da rosicchiare le ossa.

    La deindustrializzazione dell'Italia è un progetto in un'agenda di industriali e banchieri francesi e tedeschi. E i politici italiani che perseguono queste politiche sono tutti corrotti! Corrotti direttamente e in malafede perché vengono letteralmente pagati. O corrotti ideologicamente perché sono inetti, incompetenti ed ignoranti di macro-economia e non capiscono nulla di questi meccanismi.

    > Ribadisco.. il concetto astratto lo capisco, ma
    > tu stesso dici che poi il governo va a cercare i
    > soldi dove li trova, ovvero nelle tasche dei
    > soliti noti.
    > Perché od usciamo dall'euro e dichiariamo
    > bancarotta stile Argentina, oppure questi soldi
    > li dobbiamo rendere.

    Ed è esattamente quella la via d'uscita. Come l'Islanda e l'Argentina. Si dichiara fallimento, si da quel che si può e si inizia subito con le nuove Lire sovrane che lo Stato inizia subito a stampare ed a tassare con quella moneta.
    Tutto il terrorismo sul ritorno alla Lira è falso. E fior di economisti possono spiegare bene il perché!
    iRoby
    9696
  • > Ed è esattamente quella la via d'uscita. Come
    > l'Islanda e l'Argentina. Si dichiara fallimento,
    > si da quel che si può e si inizia subito con le
    > nuove Lire sovrane che lo Stato inizia subito a
    > stampare ed a tassare con quella
    > moneta.
    > Tutto il terrorismo sul ritorno alla Lira è
    > falso. E fior di economisti possono spiegare bene
    > il
    > perché!
    L'Italia è un po' più grande, economicamente, di Argentina ed Islanda.
    Se dichiari bancarotta e crei una nuova moneta, poi devi anche avere qualcuno che la accetta.
    E se hai già dichiarato bancarotta, di fatto eliminandoti gran parte dei tuoi debiti, sai che bel risultato avresti?
    - cittadini italiani più poveri, giacché i loro bot varrebbero zero
    - banche italiane sul lastrico per lo stesso motivo, col rischio di essere presto mangiate dai cugini francesi e tedeschi
    - nuova moneta italiana senza alcun valore, perché quando dichiari bancarotta, nessuno ha più convenienza a prestarti denaro dall'Estero, ben sapendo che potresti nuovamente dichiarare bancarotta

    Indovina un po', puoi legiferare per farla adottare ai tuoi cittadini italiani, ma non puoi obbligare nessun altro Stato ad accettarla, chiunque la vedrà come carta straccia.

    Risultato: la nuova moneta italica comincerà a deprezzarsi a più non posso.

    Questo, teoricamente, dovrebbe far aumentare le esportazioni, peccato che l'Italia non abbia materie prime di alcuni tipo da sfruttare, pertanto per esportare qualcosa dovrebbe prima acquistare A CARO PREZZO tutto quanto le serve dall'Estero... e dovrebbe farlo con questa fantomatica nuova moneta senza valore.

    Inflazione alle stelle, Stato Italiano costretto a produrre continuamente nuova moneta che varrà sempre meno, importazioni a prezzi proibitivi, aumento della disoccupazione, mutui sempre più cari (ben più di oggi), banche senza denaro da prestare.

    Complimenti per il risultato.
    non+autenticato
  • Allora tutto é partito pochi giorni fa con il corriere, lilli gruber e vari rappresentanti dei "poteri marci" italiani che hanno cominciato ad "attenzionare" google con toni minacciosi del tipo "╔ ORA CHE GOOGLE SPARTISCA IL BOTTINO CON NOI"

    Poi é arrivato quel "brillante dirigente" di Bernabé di telecom pretendendo che google gli paghi le infrastrutture di m.. che si ritrova imbastendo ridicole scuse

    E adesso grazie alla segnalazione di un senatore professionista delle tasse piddino la finanza irrompe da google..una tra le poche che continua ad innovare e creare posti di lavoro

    Tutto per tappare la voragine del debito pubblico italiano e mantenere i faraonici stipendi di migliaia di politici trombati

    E poi c'é ancora qualche anima bella che crede che i "poteri forti/marci" non esistano...viviamo in una fottuta dittatura e manco ce ne accorgiamo
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gennarino B
    > E poi c'é ancora qualche anima bella che crede
    > che i "poteri forti/marci" non esistano...viviamo
    > in una fottuta dittatura e manco ce ne accorgiamo

    Quale quella vera delle oligarchie europee, o quella italiana con le pezze al culo arraffa arraffa?
    iRoby
    9696
  • Il dramma é cge tu, con la scusa dell'esistenza della prima, giustifichi la seconda..magari per spartire un pˇ di bottino pure te..

    Questo é il dramma del popolo italiano, loro stessi.
    non+autenticato
  • Io non giustifico la seconda.

    Dico solo che nonostante si parli solo di quello, non è quello il problema reale, perché negli anni '80 nonostante i socialisti e gli altri ladri, l'Italia è diventata 4a al mondo per risparmio privato degli italiani, 4a al mondo per riserve auree, e tra i primi 8 paesi più industrializzati al mondo battendo anche Francia e Germania.

    Quindi dove sta il problema, in Italia o fuori?
    iRoby
    9696
  • E infatti grazie ai miracolati democristiani e socialisti anni 70-80 ora raccogliamo i frutti di decenni di baby pensioni, evasione fiscale SELVAGGIA, commesse nella P.A. gonfiate, corruzione e classe politica lestofante legittimata da una popolazione connivente e analfabeta.

    Già .. ma torniamo a parlare di quello che dice in internet il bernard..sempre con l'occhio attento che non ci entri una scia chimica dalla finestra
    non+autenticato
  • Ma come li fai i conti?

    E cosa centrano le scie chimiche?

    Io ho scritto che tutte i furti e le connivenze che hai citato tu non hanno fermato l'Italia dal dopoguerra all'ingresso nell'Euro, dal diventare tra gli 8 paesi più ricchi del mondo.

    All'ingresso nell'Euro è finita!
    Non si può più fare fluttuare la moneta. E non si può più stampare quella che serviva a mantenere in sistema e metterla in circolazione nel paese.

    Quindi il problema, per quanto possano sembrare antipatiche, non è baby pensioni, furti e regalie della politica. Ma è macro-economico.

    Le proiezioni economiche di persone come il Prof. Alberto Bagnai (Univ. di Pescara), ma sono identiche anche quelle della Prof. Stefanie Kelton (Univ. Kansas City), parlano chiaro!

    http://goofynomics.blogspot.it/2012/03/cosa-sapete...

    Nota le curve di crescita ogni volta che si riusciva a "corrompere" i nostri ministri del tesoro a legare la Lira al meccanismo fraudolento dello SME. L'economia italiana si blocca e quella tedesca schizza.
    Con l'Euro è la morte definitiva!

    Per cui il problema è prettamente monetario.
    Chi ruba, in fondo poi spende e quindi fa parte del meccanismo economico della domanda aggregata, e non va a inficiare sulla ricchezza complessiva.

    La soluzione è ovvia, pure un bambino lo capirebbe. Bisogna slegarsi dall'Europa a livello monetario! Tornare a Lira sovrana, libera di fluttuare nei cambi ed essere stampata a sufficienza per progetti di piena occupazione, pieno stato sociale.
    iRoby
    9696
  • No guarda vai a predicare altrove..per me uno che dice "chi ruba/evade fa girare l'economia" per me é un sacco dell'immondizia con le gambe..sparisci dalla mia vista
    non+autenticato
  • E per me uno che come te sentenzia senza capire un razzo di economia è una persona inutile al sistema a prescindere, e merita di essere frodato come sta facendo l'istituzione europea con gli italiani come te.

    Perché se l'evasore o il ricco che spende ciò che riesce ad evadere muove comunque il denaro nelle economie locali, non è quello il problema della crisi.

    E la tua risposta è il motivo per cui sia Paolo Barnard che i miei colleghi attivisti delle Teorie Monetarie Moderne ci siamo accordati nel lasciare perdere di coinvolgere la gente comune perché è idiota, vive di preconcetti e non ha il materiale sia intellettivo che di conoscenza per potere capire queste cose.

    Anche perché la gente comune si forma le opinioni basandosi sulle ca%%ate dette in TV o lette nei giornali italiani, che sono uno schifo indescrivibile di gente viscida e prona ai padroni e pronti a vendersi al maggior offerente.

    È quindi meglio focalizzarsi su imprenditori e amministrazioni locali, che sono quelli maggiormente interessati da questi fenomeni economici.
    iRoby
    9696
  • - Scritto da: iRoby
    > E per me uno che come te sentenzia senza capire
    > un razzo di economia è una persona inutile al
    > sistema a prescindere, e merita di essere frodato
    > come sta facendo l'istituzione europea con gli
    > italiani come
    > te.
    >
    > Perché se l'evasore o il ricco che spende ciò che
    > riesce ad evadere muove comunque il denaro nelle
    > economie locali, non è quello il problema della
    > crisi.
    >
    > E la tua risposta è il motivo per cui sia Paolo
    > Barnard che i miei colleghi attivisti delle
    > Teorie Monetarie Moderne ci siamo accordati nel
    > lasciare perdere di coinvolgere la gente comune
    > perché è idiota, vive di preconcetti e non ha il
    > materiale sia intellettivo che di conoscenza per
    > potere capire queste
    > cose.
    >
    > Anche perché la gente comune si forma le opinioni
    > basandosi sulle ca%%ate dette in TV o lette nei
    > giornali italiani, che sono uno schifo
    > indescrivibile di gente viscida e prona ai
    > padroni e pronti a vendersi al maggior
    > offerente.
    >
    > È quindi meglio focalizzarsi su imprenditori
    > e amministrazioni locali, che sono quelli
    > maggiormente interessati da questi fenomeni
    > economici.

    Si vabbè io però ci ho il mutuo in euro.
    Se torniamo alla lira il mutuo come lo pago?
  • - Scritto da: SargonIII
    > Si vabbè io però ci ho il mutuo in euro.
    > Se torniamo alla lira il mutuo come lo pago?

    Il mutuo viene convertito automaticamente in Lire al tasso di cambio del momento della reintroduzione della Lira.
    Non cambia nulla, lo pagherai semplicemente nella nuova valuta.

    Lascia perdere le bugie riguardo alle quali il mutuo ti costa il 20-30% in più perché la nuova Lira sarà svalutata, questo non è vero. Anzi c'è il pericolo che inizialmente le nuove lire valgano più dell'Euro dato che gli italiani dovranno sbarazzarsi degli Euro saranno questi a perdere valore per una legge di mercato semplice che vede deprezzare ciò che nessuno vuole e apprezzarsi ciò che tutti vogliono.

    La successiva eventuale svalutazione della Lira sarà solo decisa per riattivare l'economia o per speculazione estere, ma una volta che si riacquisisce sovranità monetaria, si potrà giocare come si vuole con la moneta per favorire ora le importazioni o le esportazioni. E comunque si può tornare a permettere alle famiglie di pagare i mutui e arrivare a fine mese con una vita dignitosa.
    iRoby
    9696
  • come lo paghi? come lo pagavano i tuoi genitori prima di entrare nell'euro: con tassi intorno al 17%!!!! di solito su quelle belle paginette facebook dove starnazzano contro l'euro, monti merkel etc etc entro silenziosamente e chiedo alle scimmiette urlanti di andare di la nel salotto e chiedere ai propri genitori quanto hanno pagato di interessi sul mutuo che hanno fatto per pagare casa prima di entrare nell'euro....spariscono! Un esempio per le scimmiette: mia madre per 45.000.000 di lire chiesti, ha pagato 93.000.000 di lire solo di INTERESSI, io su 103.000 euro pagherò 23.000 euro di interessi.
  • Google, con tutte le sue mappe, non conosce ancora l'italia, patria della moda, del design e di tutto ciò che è esteriore.
    Il burosauro è in agguato!
    non+autenticato
  • Praticamente questi guadagnano soldi in Italia a palate, trasferiscono i soldi in america e non pagano niente di tasse e voi siete felici di questo ?

    Se il mondo sta andando in rovina è per colpa di queste multinazionali "buone" che voi fate tanto il tifo....
    non+autenticato
  • - Scritto da: GoDaddo
    > Praticamente questi guadagnano soldi in Italia a
    > palate, trasferiscono i soldi in america e non
    > pagano niente di tasse e voi siete felici di
    > questo
    > ?

    Le leggi lo permettono, a quanto pare...se in Italia chi legifera non ha messo in chiaro la questione, la colpa è solo sua.


    > Se il mondo sta andando in rovina è per colpa di
    > queste multinazionali "buone" che voi fate tanto
    > il
    > tifo....

    Se il mondo va in rovina è a causa di chi ci ha governato finora...
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > - Scritto da: GoDaddo
    > > Praticamente questi guadagnano soldi in
    > Italia
    > a
    > > palate, trasferiscono i soldi in america e
    > non
    > > pagano niente di tasse e voi siete felici di
    > > questo
    > > ?
    >
    > Le leggi lo permettono, a quanto pare...se in
    > Italia chi legifera non ha messo in chiaro la
    > questione, la colpa è solo
    > sua.
    >
    >
    > > Se il mondo sta andando in rovina è per
    > colpa
    > di
    > > queste multinazionali "buone" che voi fate
    > tanto
    > > il
    > > tifo....
    >
    > Se il mondo va in rovina è a causa di chi ci ha
    > governato
    > finora...

    Tutto vero, ma visto che ci sei e i tempi sono quelli che sono, che sgancino quanto ci devono.
    Poi che vadano pure dove vogliono.
    maxsix
    10850
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > Se il mondo va in rovina è a causa di chi ci ha
    > governato finora...

    E chi ci ha governato finora?
    iRoby
    9696
  • - Scritto da: iRoby
    > - Scritto da: Mela avvelenata
    > > Se il mondo va in rovina è a causa di chi ci
    > ha
    > > governato finora...
    >
    > E chi ci ha governato finora?

    vuoi tutti i nomi e cognomi?
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > vuoi tutti i nomi e cognomi?

    Me ne interessa anche solo qualcuno...
    Perché sono certo che mi darai quelli sbagliati...
    iRoby
    9696
  • - Scritto da: iRoby
    > - Scritto da: Mela avvelenata
    > > vuoi tutti i nomi e cognomi?
    >
    > Me ne interessa anche solo qualcuno...
    > Perché sono certo che mi darai quelli sbagliati...

    Indipendentemente da tutto chi è andato li è stato eletto da te e da noi.
    E ti ricordo, se non lo sai, che il non votare è comunque esprimere una preferenza.
    maxsix
    10850
  • Chi comanda oggi in Europa e quindi in Italia non è stato votato da nessuno...

    Per questo voglio i nomi di chi credete che governa oggi...

    Per esempio chi ha votato il commissario europeo Van Rompuy?

    iRoby
    9696
  • - Scritto da: iRoby
    > Chi comanda oggi in Europa e quindi in Italia non
    > è stato votato da
    > nessuno...
    >
    > Per questo voglio i nomi di chi credete che
    > governa
    > oggi...
    >
    > Per esempio chi ha votato il commissario europeo
    > Van
    > Rompuy?
    >
    Tu hai seri problemi di attaccamento alla realtà

    http://it.wikipedia.org/wiki/Commissione_europea

    http://it.wikipedia.org/wiki/Consiglio_europeo


    Poi mi tiri fuori l'unico che li dentro, oltre la faccia da giovane frustrato conta come il 2 di briscola.
    I poteri, quelli veri, quelli forti non gravitano a Bruxelles ma un bel pezzo più a est.

    E comunque che minchia centra con l'evasione delle tasse in generale e con l'iva in particolare?

    Lo sapevo che mi venivi fuori con le scie chimiche, e io anche che ti do corda.
    maxsix
    10850
  • La pagina di Wikipedia sulla Commissione Europea riporta cose false o molto superficiali. La discussione è stata eliminata.

    La realtà su cosa sia l'Europa è scritta in oltre 10 anni di giornalismo d'inchiesta che è oggi riportato in questo saggio del giornalista Paolo Barnard:
    http://paolobarnard.info/docs/ilpiugrandecrimine20...

    Alla fine del saggio c'è tutta la bibliografia.

    Quella paginetta di Wikipedia non ha alcun valore. Non ha riferimenti bibliografici seri. E nessuno ha mai letto e capito i trattati europei. Anche perché lasciati in Inglese e scritti da esperti di diritto internazionale e lasciati volutamente confusi.

    L'istituzione europea è una colossale truffa, per togliere sovranità agli Stati e soggiogarli al potere di chi controlla commissione e istituzioni finanziarie.

    http://www.enricoberlinguer.it/qualcosadisinistra/.../
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 novembre 2012 01.18
    -----------------------------------------------------------
    iRoby
    9696
  • Come laconicamente dice l'ag.delle entrate "offerte da evidenti lacune nella NORMATIVA nazionale ed internazionale"....

    INUTILE (anzi ipocrita) svegliarsi saltuariamente (di solito verso aziende estere, e non quelle partecipate dallo Stato o le banche, per es) e dire che fanno triangolazioni fiscali in europa... METTETEVI INVECE a legiferare per creare un maledetto regime fiscale comune (almeno per tutte le tasse principali), POSSIBILMENTE basato su una media tra la svezia e il lussemburgo/irlanda/lettonia (nun famo i furbi che mettiamo a tutti tasse svedesi e/o italianeCon la lingua fuoripP)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)