Alfonso Maruccia

Il futuro di webOS in una app. Per Android

Far rivivere il defunto sistema mobile sviluppato da Palm. Trasformandolo in una app eseguibile sui dispositivi basati su Android. I progressi sono giÓ notevoli

Roma - Trasformare il defunto e redivivo webOS in una app per Android: è l'operazione in cui si stanno misurando gli sviluppatori di Phoenix International Communications, che intende far rinascere (di nuovo) dalle sue ceneri il sistema mobile creato da Palm e poi mandato al macero da una gestione non proprio oculatissima da parte di Hewlett-Packard.

Già presentato come proof-of-concept un mese addietro, il progetto "webOS-on-Android" viene ora mostrato come funzionante, pur con tutti i limiti di un livello di sviluppo ancora nelle fasi iniziali: il video seguente mostra webOS che gira su un Nexus 4G, in una versione che Phoenix definisce "pre-alpha".


Al momento la app-OS va lanciata via terminale, manca di un qualsivoglia supporto all'accelerazione hardware ed è dunque contraddistinta da prestazioni meno che dignitose.
Phoenix ha poi fatto uso di componenti realizzati per il porting open source di webOS come la tastiera virtuale per la digitazione touch.

Nondimeno si tratta di un inizio, anzi, di un progresso, e Phoenix dice di voler impegnare le energie dei suoi sviluppatori - volontari - per far rinascere non solo webOS ma anche un intero ecosistema hardware (smartphone, tablet) capace di sfruttarne le funzionalità.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaOpen webOS è 1.0HP rilascia la prima release ufficiale di quello che un tempo era il cavallo di battaglia di Palm. Ma si tratta di una release non-finita: lo sviluppo e l'ammodernamento del codice continua
7 Commenti alla Notizia Il futuro di webOS in una app. Per Android
Ordina