Mauro Vecchio

Zynga, libertÓ dal sito in blu

Rinegoziato l'accordo firmato nel 2010 per siglare la pace tra Facebook e la societÓ californiana. Il gigante del social gaming sarÓ ora libero di abbandonare i Credit e sviluppare per altri

Roma - Modifiche contrattuali tra Facebook e il colosso del social gaming Zynga, all'interno di un pacchetto di documenti presentato alla statunitense Securities and Exchange Commission (SEC). Legami meno stretti per la società californiana, che verrà ora considerata dal sito in blu alla stregua di un qualsiasi sviluppatore esterno.

Nel maggio 2010, i due protagonisti della condivisione social avevano ratificato un accordo di pace dopo le tensioni sull'utilizzo coatto dei Credit e dunque sulle salate percentuali imposte da Facebook per ciascun pagamento tramite le varie piattaforme di gioco. Stando al nuovo round di negoziazioni, Zynga sarà libera di abbandonare l'uso della valuta in blu per le transazioni videoludiche.

In aggiunta, la società di sviluppo californiana non dovrà più predisporre la visualizzazione di pubblicità per conto di Facebook, che ha ora permesso anche la distribuzione di giochi per piattaforme diverse da quella di Menlo Park. Sull'altro piatto della bilancia, Zynga rinuncerà alle inserzioni promozionali sul social network, quei messaggi pubblicitari sotto forma di inviti ai vari profili per giocare con Farmville o Poker.
La reazione degli investitori? Per ora per Zynga non appare incoraggiante. (M.V.)
Notizie collegate
  • BusinessUSA, sullo scacchiere del social gamingLa californiana Playdom all'assalto di Zynga e Playfish su Facebook. Ha acquisito la societÓ di sviluppo Offbeat Creations. Mentre l'ex-CEO di MySpace Chris DeWolf ha messo le mani su MindJolt
  • BusinessPayPal, la banca di FacebookI casual gamer del socil network potranno ora comprare i beni virtuali tramite il sistema di pagamento di eBay. I crediti Facebook ottengono un tramite internazionale, spendibile anche per l'advertising