Mauro Vecchio

UE, maxi-multa per il cartello del tubo catodico

Il commissario per la concorrenza Joaquín Almunia ha annunciato la sanzione pecuniaria per sette società che per dieci anni avevano controllato il mercato. Totale: 1,4 miliardi

Roma - Una multa salatissima per sette giganti dell'elettronica di consumo, da Panasonic a LG Electronics. Le autorità antitrust nella Commissione Europea hanno dunque punito due differenti cartelli nella distribuzione globale dei tubi catodici (CRT), avviati da produttori e fornitori tra il 1996 e il 2006. Per dieci anni le società incriminate hanno stipulato accordi per bloccare i prezzi, dividendosi il mercato e i consumatori nell'area economica europea (EEA).

Complessivamente il commissario europeo alla concorrenza Joaquín Almunia ha annunciato una sanzione pecuniaria pari a 1,47 miliardi di euro. L'unica società che non verserà un solo centesimo sarà la taiwanese Chunghwa, che per prima aveva denunciato il cartello alle autorità antitrust del Vecchio Continente. La multa più salata sarà per il binomio Philips/LG, che dovrà pagare un totale di 391 milioni di euro per aver partecipato a due cartelli nel settore CRT.

Per la precisione, al cartello per gli apparecchi televisivi a tubi catodici si aggiunge quello per i monitor dei computer con la medesima tecnologia. Produttori come Panasonic e Toshiba hanno partecipato solo al primo cartello, e verseranno una multa complessiva di 185 milioni di dollari, non avendo ottenuto alcuna riduzione prevista dalla Commissione Europea in caso di collaborazione con le autorità antitrust.
Come sottolineato dal commissario Almunia, le attività illecite del gruppo di produttori e fornitori avrebbero causato "danni molto gravi" al mercato dei CRT, danneggiando i consumatori e ritardando il processo d'adozione dei nuovi schermi al plasma o LCD. Il costo delle tecnologie a tubo catodico ha notevolmente gravato - tra il 50 e il 70 per cento - sul prezzo finale degli schermi televisivi o monitor.

Evitata la multa europea, la società taiwanese Chunghwa Picture Tubes - insieme alla sussidiaria statunitense Tatung Company of America - è stata denunciata dal produttore HP per la sua partecipazione ad un altro cartello nel settore degli schermi LCD. Chunghwa aveva già accettato di pagare una sanzione di 65 milioni di dollari per patteggiare e far cadere le accuse. Sentitasi danneggiata dalle strategie di blocco artificiale dei prezzi, HP vuole ora un risarcimento non meglio specificato.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
7 Commenti alla Notizia UE, maxi-multa per il cartello del tubo catodico
Ordina
  • Ma perchè, il sodalizio Microsoft - produttori PC non è un cartello?
    Con quale diritto farci pagare un sistema operativo e un browser preinstallati senza darci possibilità di scelta, se non a posteriori?
    Persino le case automobilistiche offrono diverse motorizzazioni e diversi optional, il prezzo della "macchina" cambia, eccome se cambia!
    non+autenticato
  • - Scritto da: rico
    > Ma perchè, il sodalizio Microsoft - produttori PC
    > non è un cartello?

    > Con quale diritto farci pagare un sistema
    > operativo e un browser preinstallati senza darci
    > possibilità di scelta, se non a posteriori?
    > Persino le case automobilistiche offrono diverse
    > motorizzazioni e diversi optional, il prezzo
    > della "macchina" cambia, eccome se cambia!

    Infatti si e' beccata e continua a beccarsi un sacco di multe tra UE ed USA.
    krane
    22544
  • 2 pesi e 2 misure, vero?
    Bloccare una nuova e più risparmiosa tecnologia (LCD) a favore dell'antidiluviano CRT per ben 10 anni è così economico?
    Solo 140 milioni all'anno, da pagare con un ritardo di ben 16 anni, un affareSorride
    Cavolo, e pensare che alla UE qualcuno per un ballot screen mancante chiede addirittura 5 miliardi di Euro...
  • il fanboy di microsoft che si mette a piangere.

    a parte che LCD sotto molti aspetti e inferiore al CRT.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > il fanboy di microsoft che si mette a piangere.
    >
    > a parte che LCD sotto molti aspetti e inferiore
    > al
    > CRT.


    Si si ho un Tv LCD della Samsung preso di recente a 349 euro (un serie 5 da 40 pollici led full HD), beh rispetto al CRT che avevo prima si vede nettamente meglio, risoluzione nettamente più elevata, immagine non ballerina (sai mica tutti i CRT era no dei 100 Mhz trinitron o simili) e audio stereofonico decisamente migliore, non ultimi ingombri e pesi, questo peserà 10 Kg e mi sta nello spazio che occupava il vecchio 28 pollici che di chili ne pesava almeno 20 e sono buono!
    Le cose bisogna dirle tutte e bene, il CRT sarà anche migliore per certi aspetti, ma per tanti altri e sono la grande maggioranza l'LCD è nettamente meglio... altrimenti si rischia di fare come col disco di vinile, con qualcuno che ancora sostiene che la qualità audio era superiore di quella di un CD, paragonando magari la cineseria da 20 euro con l'impianto sourround della Tecnicks pagato qualche milionata...
  • multa: 1,4 miliardi
    guadagni in 10 anni: almeno il doppio
    guadagni futuri ora che hanno tolto di mezzo la concorrenza: tutto il mercato
    non+autenticato
  • - Scritto da: abcde
    > multa: 1,4 miliardi
    > guadagni in 10 anni: almeno il doppio
    > guadagni futuri ora che hanno tolto di mezzo la
    > concorrenza: tutto il
    > mercato

    No, la Chunghwa Picture Tubes, che aveva denunciato l'esistenza del cartello, esiste ancora.
    non+autenticato