Mauro Vecchio

Megaupload, l'intelligence spiona parlerà

Kim Dotcom potrà denunciare il governo neozelandese per le intercettazioni. Che dovrà consegnare tutte le informazioni raccolte sul boss del file hosting

Roma - Non sono bastate le pubbliche scuse del primo ministro neozelandese John Key, dopo il clamoroso errore dell'intelligence nazionale nell'estenuante scontro legale tra il founder di Megaupload Kim Dotcom e le autorità statunitensi. Il giudice kiwi Helen Winkelmann ha ora ordinato l'immediato rilascio di tutte le informazioni raccolte dagli agenti del Government Communications Security Bureau (GCSB) sul corpulento boss del file hosting.

Alla fine dello scorso settembre, il premier neozelandese si era scagliato contro i vertici dell'intelligence locale, accusati di aver autorizzato le operazioni d'intercettazione delle comunicazioni private di Dotcom. Pur di origini tedesche, il founder di Megaupload ha ottenuto da diversi anni la residenza agli antipodi. In Nuova Zelanda, la legge vieta le pratiche di intercettazione e sorveglianza nei confronti dei cittadini.

Come stabilito dal giudice Winkelmann, i legali di Dotcom potranno avere libero accesso a tutte le informazioni rastrellate in maniera silente dagli agenti del GCSB. Lo stesso Dotcom attende la verità sul possibile collegamento tra le autorità statunitensi e le operazioni di spionaggio non autorizzato. Una ipotesi che, se confermata, potrebbe portare ad un ulteriore rallentamento nel processo che dovrebbe ordinare l'estradizione dei responsabili del cyberlocker.
In aggiunta, l'Alta Corte neozelandese ha mostrato a Dotcom un paradossale segnale di via libera: il boss del file hosting potrà denunciare il governo locale e chiedere i danni per le attività d'intercettazione illecita.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàKim Dotcom e l'intelligence spionaIl premier neozelandese bacchetta l'agenzia di spionaggio locale, accusata di aver intercettato le comunicazioni del founder di Megaupload. Senza autorizzazione alcuna
  • AttualitàMegaupload, fondi scongelatiKim Dotcom potrà pagare i suoi avvocati con un fondo concessogli dall'Alta Corte di Auckland. Ottenuti quasi 4 milioni di euro e la possibilità di vendere le sue auto di lusso
11 Commenti alla Notizia Megaupload, l'intelligence spiona parlerà
Ordina
  • Basta boicottare le case discografiche,
    non comprandone i dischi e non scaricando più musica da siti legale,
    Ma per continuare ad ascoltare la musica è sufficiente come sempre andarle comprare,
    Dai venditori ambulanti nei parcheggi, al suono di "vuol comprare,vuol comprare"
    non+autenticato
  • Premetto che non ho mai usato Megaupload e mai userò il presto nascente Mega ne` qualsiasi altro cyberlocker.
    I siti per il download diretto non sono P2P, nel quale il punto focale è la condivisione e lo scambio, ma solo business.
    Il defunto Megaupload e suoi simili sono per chi vuole tutto e subito. Gente che è disposta a pagare per ottenere subito, velocemente, quello che potrebbe avere gratuitamente con un minimo di pazienza.
    Gente che di condividere non gliene frega un tubo ma vuole solo prendere. Roba per scariconi compulsivi.
    Pur non condividendo questa scelta dico: fatti loro. I soldi sono loro e loro decidono dove buttarli.
    Detto questo, seguo con divertimento e, non lo nego, un certo piacere, l'im*erdarsi delle cosiddette autorità in questo specifico caso.
    Giorno dopo giorno affiorano, sempre più numerose, le forzature, gli abusi e le illegalità commesse proprio da quelli che si vorrebbero presentare come i difensori della "legge".
    Lo hanno fatto per sbadataggine? Lo hanno fatto intenzionalmente? Poco importa e ognuno può pensare quel che preferisce.
    Quel che conta è che questa volta invece della solita bambina con papà spiantato, che non può certamente opporsi efficacemente allo strapotere economico di Strozzini & Picciotti Associati, hanno a che fare con un tizio avvelenato che, al di la dei suoi interessi (legittimi o meno non mi interessa) non vede l'ora di fargliela pagare e ha tutto quello che gli serve (relazioni personali, mezzi economici tecnici) per farlo.
    Il 19 gennaio 2013 nascerà il nuovo MEGA con tanto di crittografia automatica integrata, usabile anche da quelli che non distinguono una tastiera da un paracarro.
    Lo dice lo stesso KDC in questo articolo: Kim Dotcom: Mega Will Turn Encryption into a Mass Product https://torrentfreak.com/kim-dotcom-mega-will-turn.../
    Ci sarà da morir dal ridere...
    With encryption there is no way back! Questa volta è per sempre, con buona pace di chi ha spinto per arrivare a questa situazione.

    Mi siedo tranquillo e aspetto con piacere di divertirmi con le prossime puntate. A bocca apertaIndiavolato
    non+autenticato
  • - Scritto da: doc allegato velenoso

    > With encryption there is no way back! Questa
    > volta è per sempre, con buona pace di chi ha
    > spinto per arrivare a questa situazione.

    Che è quello che sostengo io. Cioe, più che lo strumento definitivo, una continua rincorsa tecnologica tra i condivisori e i tutori del copyright. Ma la sostanza non cambia. La soluzione definitiva sarebbe tagliare il cavo. La soluzione intelligente... beh, non tutti ci arrivano e purtroppo si vede.
    FDG
    11001
  • contenuto non disponibile
  • Disse il saggio: "siediti sulla spoda del fiume ed aspetta (il 13 gennaio), vedrai passare il cadavere del tuo nemico (FBI & C.)"
  • - Scritto da: doc allegato velenoso
    > Premetto che non ho mai usato Megaupload e mai
    > userò il presto nascente Mega ne` qualsiasi altro
    > cyberlocker.
    > I siti per il download diretto non sono P2P, nel
    > quale il punto focale è la condivisione e lo
    > scambio, ma solo
    > business.
    > Il defunto Megaupload e suoi simili sono per chi
    > vuole tutto e subito. Gente che è disposta a
    > pagare per ottenere subito, velocemente, quello
    > che potrebbe avere gratuitamente con un minimo di
    > pazienza.
    > Gente che di condividere non gliene frega un tubo
    > ma vuole solo prendere. Roba per scariconi
    > compulsivi.
    > Pur non condividendo questa scelta dico: fatti
    > loro. I soldi sono loro e loro decidono dove
    > buttarli.
    > Detto questo, seguo con divertimento e, non lo
    > nego, un certo piacere, l'im*erdarsi delle
    > cosiddette autorità in questo specifico
    > caso.
    > Giorno dopo giorno affiorano, sempre più
    > numerose, le forzature, gli abusi e le illegalità
    > commesse proprio da quelli che si vorrebbero
    > presentare come i difensori della
    > "legge".
    > Lo hanno fatto per sbadataggine? Lo hanno fatto
    > intenzionalmente? Poco importa e ognuno può
    > pensare quel che
    > preferisce.
    > Quel che conta è che questa volta invece della
    > solita bambina con papà spiantato, che non può
    > certamente opporsi efficacemente allo strapotere
    > economico di Strozzini & Picciotti Associati,
    > hanno a che fare con un tizio avvelenato che, al
    > di la dei suoi interessi (legittimi o meno non mi
    > interessa) non vede l'ora di fargliela pagare e
    > ha tutto quello che gli serve (relazioni
    > personali, mezzi economici tecnici) per
    > farlo.
    > Il 19 gennaio 2013 nascerà il nuovo MEGA con
    > tanto di crittografia automatica integrata,
    > usabile anche da quelli che non distinguono una
    > tastiera da un
    > paracarro.
    > Lo dice lo stesso KDC in questo articolo: Kim
    > Dotcom: Mega Will Turn Encryption into a Mass
    > Product
    > https://torrentfreak.com/kim-dotcom-mega-will-turn
    > Ci sarà da morir dal ridere...
    > With encryption there is no way back! Questa
    > volta è per sempre, con buona pace di chi ha
    > spinto per arrivare a questa
    > situazione.
    >
    > Mi siedo tranquillo e aspetto con piacere di
    > divertirmi con le prossime puntate. A bocca aperta
    >Indiavolato
    Il P2P è troppo lento, io mi accontentavo del Megaupload gratuito, non ho mai speso un centesimo per scaricare da quel sito. E non ero solo una sanguisuga, io condividevo anche e soprattutto materiale molto raro.

    Dimmi te se è possibile ad esempio aspettare 2 mesi per scaricare un file da 100 MB da eMule, te lo dico perchè è successo. Un pò a causa delle fonti LPhant che io considero leechers, un pò perchè le fonti buone non si connettono quasi mai... Meglio quindi un file hosting non credi?
    non+autenticato
  • Innanzi tutto non è vero che siti come megaupload sono solo business perchè si poteva tranquillamente utilizzare il tutto gratuitamente solo che a differenza del p2p non dovevi rimanere settimane per un episodio di un anime ma al massimo un ora (risparmi energia elettrica).
    la condivisione esiste anche al di fuori del p2p.
    come me tanti uploader sono nati con megaupload grazie al fatto che erano grati perchè tanti altri avevano condiviso con loro in passato.
    il p2p è lento, se le fonti finiscono la vita del file è finita, e consuma un casino. oltre al fatto che ormai si trova meno roba nel p2p che nei siti di file sharing quindi taci
    non+autenticato
  • "In Nuova Zelanda, la legge vieta le pratiche di intercettazione e sorveglianza nei confronti dei cittadini".

    Anche da altre fonti, pare che la legge della Nuova Zelanda ammetta ogni tipo di intercettazione e di sorveglianza a carico di cittadini non residenti, o residenti solo temporaneamente. Per i neozelandesi, invece, e per chi ha il permesso di soggiorno in regola, questa facoltà non esiste. Immagino che sia stata questa sottile linea di confine a confondere i funzionari del Government communications security bureau, il servizio segreto neozelandese, che hanno fatto un passo falso.
    Casi di intercettazioni illecite avvengono un po' ovunque nel mondo, ma i responsabili non le allegano al fascicolo di indagine, liberamente consultabile da avvocati e giudici. Certe informazioni le tengono per sé. Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > "In Nuova Zelanda, la legge vieta le pratiche di
    > intercettazione e sorveglianza nei confronti dei
    > cittadini".
    >
    > Anche da altre fonti, pare che la legge della
    > Nuova Zelanda ammetta ogni tipo di
    > intercettazione e di sorveglianza a carico di
    > cittadini non residenti, o residenti solo
    > temporaneamente. Per i neozelandesi, invece, e
    > per chi ha il permesso di soggiorno in regola,
    > questa facoltà non esiste. Immagino che sia stata
    > questa sottile linea di confine a CONFONDERE i
    > funzionari del Government communications security
    > bureau, il servizio segreto neozelandese, che
    > hanno fatto un passo
    > falso.
    Lei e' sempre cosi' magnanimo...Sorride "confondere" hiihihi
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: Leguleio
    > > "In Nuova Zelanda, la legge vieta le pratiche di
    > > intercettazione e sorveglianza nei confronti dei
    > > cittadini".
    > >
    > > Anche da altre fonti, pare che la legge della
    > > Nuova Zelanda ammetta ogni tipo di
    > > intercettazione e di sorveglianza a carico di
    > > cittadini non residenti, o residenti solo
    > > temporaneamente. Per i neozelandesi, invece, e
    > > per chi ha il permesso di soggiorno in regola,
    > > questa facoltà non esiste. Immagino che sia
    > stata
    > > questa sottile linea di confine a CONFONDERE i
    > > funzionari del Government communications
    > security
    > > bureau, il servizio segreto neozelandese, che
    > > hanno fatto un passo
    > > falso.

    > Lei e' sempre cosi' magnanimo...Sorride "confondere"
    > hiihihi

    Be', una mossa di nessuna utilità pratica, che potrebbe costare la testa a diversi dirigenti. Dubito avessero capito cosa stavano facendo, quando hanno fatto intercettazioni di quel tipo lasciando tracce palesi.
    non+autenticato