Mauro Vecchio

L'audience TV passa da Twitter

Accordo pluriennale tra Nielsen e tecnofringuello. Nascerà un nuovo strumento di misurazione del gradimento dei programmi televisivi. In diretta

Roma - Uno strumento di valutazione della popolarità sul piccolo schermo, un inedito meccanismo di analisi della audience dei più svariati programmi e serie televisive. In un accordo pluriennale con la piattaforma di microblogging Twitter, la nota società di rating Nielsen sfrutterà i commenti cinguettati per la misurazione degli spettatori negli Stati Uniti.

Con 140 milioni di utenti attivi e oltre un miliardo di micropost ogni due giorni e mezzo, la platea statunitense di Twitter può risultare un bacino interessante - e statisticamente valido - per la misurazione delle audience televisive. I responsabili di Nielsen hanno dunque considerato le forti attività cinguettanti degli utenti in 140 caratteri, in particolare quelle di commento e critica ai vari format del piccolo schermo.

Il nuovo Nielsen Twitter TV Rating andrà così a valutare una serie di fattori ovviamente legati alla piattaforma californiana, a partire da informazioni base come il numero di follower di un determinato broadcaster o serial televisivo. Si procederà poi con l'analisi dei cosiddetti trending topic, insieme al flusso dei commenti - dopo, ma anche durante la messa in onda - relativi ad un determinato contenuto.
"I nostri utenti amano guadare la televisione e condividere pareri in tempo reale con altri spettatori" ha spiegato Chloe Sladden, vicepresidente della divisione media di Twitter. Per Steve Hasker di Nielsen, il meccanismo di rating cinguettato è "un passo in avanti significativo", uno strumento prezioso per tutti quegli inserzionisti pubblicitari a caccia di nuove campagne e, ovviamente, di feedback da parte degli spettatori.

La visione di Hasker è ovviamente mirata al miglior piazzamento di messaggi pubblicitari all'interno dei vari programmi televisivi. Secondo gli ultimi dati snocciolati dalla stessa Nielsen, il 33 per cento degli utenti iscritti a Twitter è solito cinguettare nel corso di un programma sul piccolo schermo.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàCensis, dalla TV al consumo digitaleAumenta la fruizione di programmi televisivi online, grazie all'esplosione di smartphone e tablet. Gli internauti d'Italia crescono a valanga, mentre continuano a stentare editoria e stampa
  • AttualitàPew, il mondo sui social network 21 paesi al centro dell'ultimo studio che analizza le abitudini degli utenti rispetto ai social media. Le chiamate vocali rimangono l'attività più diffusa tra cellulari e smartphone, mentre persiste il gap anagrafico ed educativo