Cristina Sciannamblo

Kickstarter, Apple acconsente al caricatore universale

Le difficoltà, spiega Cupertino, riguardavano esclusivamente problemi di tipo tecnico. Non è ancora chiaro se il progetto sarà recuperato

Roma - La dura invettiva nei confronti del protezionismo di Apple sembra aver indotto Cupertino a cambiare idea circa l'opportunità di concedere l'autorizzazione a utilizzare le proprie specifiche tecniche, utili a consentire il pieno funzionamento di un progetto per un caricabatterie universale lanciato su Kickstarter.

Secondo gli ultimi aggiornamenti, la Mela avrebbe acconsentito all'integrazione delle specifiche Lightning e qualsiasi altro tipo di alimentatore.

Tom Neumayr, portavoce di Apple, ha spiegato che le difficoltà dell'azienda riguardavano esclusivamente problemi tecnici che impedivano una corretta integrazione con gli accessori a 30 pin e i connettori Lightning, difficoltà che sembrano essere superate.
Non è chiaro se il progetto naufragato da qualche giorno riprenderà ora la propria corsa verso l'effettiva realizzazione. (C.S.)
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia Kickstarter, Apple acconsente al caricatore universale
Ordina
  • Il gg della notizia dicevo

    <<
    - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: Capitan Ovvio
    > > ...quindi Apple caccapupù e tutte quelle
    > > cose
    > > lì.
    > >
    > > Però sondare il terreno PRIMA di chiedere i
    > > finanziamenti pareva
    > > brutto?
    > eh, pareva abbastanza brutto si. Si chiama
    > "pressione".

    Sì, buonanotte, la pistola alla tempia.

    > E inoltre i kickstarter potevano
    > supporre minima lungimiranza da parte di qualcuno
    > della Chiesa di
    > Cupertino.

    Lungiche?

    Nelle grosse realtà aziendali, un esterno che voglia accedere alla minima scorreggia protocollata deve come minimo firmare un NDA, seguito il più delle volte da una trafila di "cartacce", "certificazioni", le immancabili ripicchette interne al personale e altri "casi di varia umanità", che se la racconti in giro ti prendono per matto.
       blabla altre amenita'.>>

    OVVIAMENTE fare pressione conta (non e' detto ovviamente che riesci sempre a ottenere il risultato,magari). E l'idiozia apple viene nuovamente conclamanta. E anche quella degli adeptiCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > Il gg della notizia dicevo
    >
    > <<
    > - Scritto da: bubba
    > > - Scritto da: Capitan Ovvio
    > > > ...quindi Apple caccapupù e tutte quelle
    > > > cose
    > > > lì.
    > > >
    > > > Però sondare il terreno PRIMA di chiedere i
    > > > finanziamenti pareva
    > > > brutto?
    > > eh, pareva abbastanza brutto si. Si chiama
    > > "pressione".
    >
    > Sì, buonanotte, la pistola alla tempia.
    >
    > > E inoltre i kickstarter potevano
    > > supporre minima lungimiranza da parte di
    > qualcuno
    > > della Chiesa di
    > > Cupertino.
    >
    > Lungiche?
    >
    > Nelle grosse realtà aziendali, un esterno che
    > voglia accedere alla minima scorreggia
    > protocollata deve come minimo firmare un NDA,
    > seguito il più delle volte da una trafila di
    > "cartacce", "certificazioni", le immancabili
    > ripicchette interne al personale e altri "casi di
    > varia umanità", che se la racconti in giro ti
    > prendono per matto.
    >
    >    blabla altre amenita'.>>
    >
    > OVVIAMENTE fare pressione conta (non e' detto
    > ovviamente che riesci sempre a ottenere il
    > risultato,magari). E l'idiozia apple viene
    > nuovamente conclamanta. E anche quella degli
    > adepti
    >Con la lingua fuori

    Il t-1000 ha falciato abbondantemente anche a natale, a quanto pare.