Londra pagherà l'email senza web

La formula viene proposta da Amstrad e British Telecom: si tratta di un telefono avanzato che permette di inviare e ricevere email pagando soltanto la trasmissione. Ma, aaargh!, non c'è il web

Londra - Mancano i newsgroup, manca il web e mancano tutte le altre funzionalità offerte dalla rete all'e-m@ailer lanciato nelle scorse ore da Amstrad, in pratica un telefono avanzato con un piccolo schermo e una rubrica elettronica. Un telefono che consentirà di inviare e ricevere posta elettronica pagando soltanto le operazioni di trasmissione e ricezione. Secondo l'azienda questo consentirà di portare l'email a tutte le famiglie britanniche.

Nel progetto crede fermamente British Telecom, che ha pensato tariffe speciali per il servizio. Il prodotto costa 80 sterline circa ma non sono previsti né canoni di abbonamento né tariffe di connessione. Le operazioni di invio e ricezione saranno invece contabilizzate nella normale bolletta telefonica.

Va detto che gli analisti, che attendevano da tempo il lancio di e-m@iler, sono rimasti molto delusi dalla mancanza di funzionalità internet oltre alla posta elettronica, come la navigazione su web, al punto che l'azienda in Borsa ha perso il 14 per cento in poche ore dopo aver guadagnato parecchio nelle ultime settimane capitalizzando "l'attesa" per il lancio del prodotto.
Sul piano finanziario, Amstrad propone questi prodotti ad un prezzo inferiore al costo, contando di guadagnare dalla sua percentuale sull'utilizzo del servizio. Ma spera anche di arrotondare inviando pubblicità agli utenti di e-m@iler, cosa che potrebbe alienarle le simpatie di molti.
TAG: mondo