USA, il gran rifiuto di internet

Il 60 per cento delle famiglie americane entro la fine di quest'anno godrà di una qualche forma di accesso alla rete. Ma sarà difficile collegare il rimanente 40 per cento

Web - Il 60 per cento delle famiglie americane entro la fine di quest'anno godrà di un accesso ad internet: ci scommette sopra la società di rilevazione di mercato Cahers In-Stat.

Secondo gli esperti, però, il 40 per cento delle famiglie, quelle non collegate, rappresenta uno "zoccolo duro" che, per varie ragioni, non ha accesso alla rete e che è difficile prevede quando potrà averlo. "Oggi come oggi, spiegano alla In-Stat, chi vuole avere accesso ad internet lo può avere. Non ci sono le barriere di prezzo o gli ostacoli tecnici che c'erano una volta. Chi viene lasciato fuori oggi semplicemente non sente di volere o di aver bisogno di internet".

Secondo gli esperti, in questo 40 per cento c'è una piccola percentuale di individui che sostiene di accontentarsi della connessione alla rete che può sfruttare dal luogo di lavoro. Ma gli altri, la grande maggioranza di questa percentuale, fanno parte di un insieme di non connessi che appartengono a tutte le classi sociali e a tutti i livelli formativi.
Le ragioni di sempre del "digital divide", dunque, non sembrano essere più tali. Entro la fine del 2000 le donne rappresenteranno il 49,1 per cento della popolazione internet americana. Si vanno avvicinando anche le distanze formative tra chi è online e chi non lo è, anche se secondo In-Stat rimane importante il dato secondo cui il 72 per cento dei consumatori laureati si trova online contro il 26,7 per cento di chi ha un diploma di scuola superiore o titoli minori.
TAG: mondo