Cristina Sciannamblo

Francia, Twitter e l'antisemitismo

I gruppi ebraici di Parigi chiedono che Twitter si adegui alla legge francese. Svelando le identità nascoste dietro hashtag antisemiti. Facebook invece sotto accusa in Germania per la mancanza di anonimato

Roma - Una contesa in terra francese tra Twitter e le organizzazioni ebraiche: la piattaforma di microblogging ha ricevuto una richiesta formale affinché siano rimossi cinguetti contenenti messaggi antisemiti.

La controversia è finita davanti a un giudice di Parigi, al quale Twitter ha spiegato di dover ottenere il via libera da parte della giustizia statunitense per poter procedere alla comunicazione delle identità che si celano dietro gli hashtag considerati offensivi #unbonjuif ("un buon ebreo") e #siJetaisNazi ("se fossi un nazista"). Il caso legale sarebbe scoppiato in seguito alle pressioni che un gruppo di studenti avrebbe esercitato sulla corte francese affinché Twitter si conformasse alle leggi d'Oltralpe sull'odio razziale.

Una questione, quella relativa alla tutela della privacy sui social network, che è di attualità anche in Germania. Un commissario addetto alla protezione dei dati personali nello stato Schleswig-Holstein, situato a nord del paese, ha infatti minacciato Mark Zuckerberg di procedere con l'imposizione di una multa pari a 26mila dollari (19,6mila euro) poiché la policy di Facebook violerebbe la legge nazionale secondo la quale i cittadini possono utilizzare i media mantenendo l'anonimato.
Una imposizione che Menlo Park sembra non voler accettare dal momento che si tratterebbe proprio di quelle regole che garantiscono la sicurezza della piattaforma. (C.S.)
Notizie collegate
  • AttualitàLa famiglia Zuckerberg e la privacy su FacebookUna foto privata di Randi Zuckerberg finisce su Twitter. Scuse da parte dell'utente responsabile, che non avrebbe compreso il livello di riservatezza applicato alla immagine. Polemica e ironia si scatenano in 140 caratteri
  • AttualitàTwitter, cinguettii senza tracciaLa piattaforma di microblogging aderisce all'iniziativa Do Not Track voluta da Mozilla Foundation su pressione di FTC. Gli utenti in 140 caratteri potranno scegliere di rinunciare ai suggerimenti per guadagnare in privacy
  • AttualitàFacebook, altra gaffe sulla privacy?In fase di sperimentazione una nuova feature per l'aggiornamento in tempo reale delle attività di condivisione social. Ma un bug permetterebbe la visione selvaggia di contenuti ristretti ai soli amici. Il sito in blu prova a chiarire
4 Commenti alla Notizia Francia, Twitter e l'antisemitismo
Ordina