30mila geni in un chip

I ricercatori di due diverse imprese americane annunciano il medesimo risultato: dentro un chip dalla dimensione di una piccola moneta si possono inserire tutti i dati sui 30mila geni dell'uomo

Roma - La chiamano "medicina personalizzata" ed è una branca della medicina per la quale sono previsti importanti sviluppi di mercato e di tecnologia. Anche per questo ha sollevato non poca attenzione l'annuncio di due diverse aziende americane, giunte contemporaneamente al medesimo risultato: infilare in un chip di piccole dimensioni tutte le informazioni relative ai 30mila geni dell'essere umano.

Agilent Technologies e Affymetrix ritengono entrambe di aver raggiunto un traguardo essenziale per il futuro della medicina, perché consentirà ai ricercatori di tutto il mondo di acquistare l'intera mappa dei geni dell'uomo ad un prezzo compreso tra i 300 e i 500 dollari.

La chiave per arrivare ad un singolo genoma chip è stata l'impiego delle tecnologie di produzione dei semiconduttori, che hanno consentito ai produttori di stampare una molecola alla volta su vetro, determinando "caratteri" alti non più di 25 molecole ciascuno, ognuno dei quali capaci di "descrivere" un gene.
Per comprendere la portata dello strumento per l'analisi medica, basti pensare che secondo Affymetrix è sufficiente far cadere sul chip una porzione di materiale genetico preventivamente trattato per verificare quali interazioni si formano con la "mappa" compresa nel chip, individuando dunque i geni che possono avere problemi sui quali investigare. In futuro, per fare un esempio, il sangue di un neonato potrebbe essere utilizzato per creare un chip genomico da confrontare con il modello teorico per evidenziare eventuali anomalie da correggere.

Va detto che i chip di Affymetrix, la leader del settore, proprio come quelli fin qui sviluppati dai rivali, non contengono tutte le informazioni sui geni, ma soltanto quella parte di informazione per ogni gene ritenuta essenziale. Ci vorranno ancora alcuni anni prima che vengano sviluppati chip capaci di contenere l'informazione genomica nel suo complesso.
TAG: hw
7 Commenti alla Notizia 30mila geni in un chip
Ordina
  • Tutto cio' mi ricorda un certo film... mica tanto allegro pero'.

    Tutto dipende da come e da chi verranno usate queste tecnologie, e lasciarle in mano unicamente a un solo governo o a qualche multinazionale e' estremamente pericoloso.
    Con cio' non dico che non si dovrebbe fare ricerca nel campo della genetica, al contrario....
    Funz
    12989

  • - Scritto da: Funz
    > Tutto cio' mi ricorda un certo film... mica
    > tanto allegro pero'.
    >
    > Tutto dipende da come e da chi verranno
    > usate queste tecnologie, e lasciarle in mano
    > unicamente a un solo governo o a qualche
    > multinazionale e' estremamente pericoloso.
    > Con cio' non dico che non si dovrebbe fare
    > ricerca nel campo della genetica, al
    > contrario....

    Mi sa che hai visto troppi film di fantascienza...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Funz
    > > Tutto cio' mi ricorda un certo film...
    > mica
    > > tanto allegro pero'.
    > >
    > > Tutto dipende da come e da chi verranno
    > > usate queste tecnologie, e lasciarle in
    > mano
    > > unicamente a un solo governo o a qualche
    > > multinazionale e' estremamente pericoloso.
    > > Con cio' non dico che non si dovrebbe fare
    > > ricerca nel campo della genetica, al
    > > contrario....
    >
    > Mi sa che hai visto troppi film di
    > fantascienza...

    Motivazioni di quanto dici?
    Funz
    12989

  • - Scritto da: Funz
    > Tutto cio' mi ricorda un certo film... mica
    > tanto allegro pero'.
    >
    > Tutto dipende da come e da chi verranno
    > usate queste tecnologie, e lasciarle in mano
    > unicamente a un solo governo o a qualche
    > multinazionale e' estremamente pericoloso.
    > Con cio' non dico che non si dovrebbe fare
    > ricerca nel campo della genetica, al
    > contrario....


    Beh, da quel che mi ricordo, in quel film selezionavano esseri umani particolarmente abili per fare viaggi spaziali. Io non ci vedo niente di male, visto che per fare cose eccezionali ci vogliono persone eccezionali (o no?)

    ciao

    non+autenticato
  • >Beh, da quel che mi ricordo, in quel film selezionavano >esseri umani particolarmente abili per fare viaggi spaziali. Io >non ci vedo niente di male, visto che per fare cose >eccezionali ci vogliono persone eccezionali (o no?)

    Non e' proprio esatto.
    Il film parte dal fatto che una coppia di genitori puo' decidere a tavolino, tramite l'ingegneria genetica, come sara' il loro nuovo nascituro (colore degli occhi, dei capelli, altezza, ...).
    La storia della selezione serve solo a come un uomo non "creato" a tavolino che combatte contro questo status quo per realizzare il proprio sogno, cioe' andare nello spazio. Ovvio quindi che debba superare delle prove e "scontrarsi" con avversari nati dall'ingegneria genetica.

    Navarre 2k1
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Funz
    > > Tutto cio' mi ricorda un certo film...
    > mica
    > > tanto allegro pero'.
    > >
    > > Tutto dipende da come e da chi verranno
    > > usate queste tecnologie, e lasciarle in
    > mano
    > > unicamente a un solo governo o a qualche
    > > multinazionale e' estremamente pericoloso.
    > > Con cio' non dico che non si dovrebbe fare
    > > ricerca nel campo della genetica, al
    > > contrario....
    >
    >
    > Beh, da quel che mi ricordo, in quel film
    > selezionavano esseri umani particolarmente
    > abili per fare viaggi spaziali. Io non ci
    > vedo niente di male, visto che per fare cose
    > eccezionali ci vogliono persone eccezionali
    > (o no?)
    >
    > ciao

    Ah si? E che in quel film venivano discriminati quelli, che per così dire nascevano ancora "in modo naturale" come la vedi?
    non+autenticato