Reportage/ Pianeta Amiga 2003

di P. Bianchi. Novità e curiosità dalla mostra italiana dedicata all?Amiga e alle altre piattaforme alternative

Roma - Non si ferma l?esperienza di Pianeta Amiga, la principale manifestazione italiana dedicata ad Amiga e alle altre piattaforme alternative che anno dopo anno conferma i progressi del mondo Amiga e suscita emozioni.

L?atmosfera che si respira in tale evento rimane sempre quella che caratterizzava gli albori dell?informatica personale, quella della passione e dell?entusiasmo per la macchina che si possiede e per quello che si riesce ad ottenerci. Per chi ha vissuto quei momenti sembra che sia passato un?eternità da allora, prima dell?appiattimento generale sui sistemi Windows ma, in effetti, è trascorso poco più di un decennio. E nonostante ci si sia abituati a comunicare e scambiare informazioni a distanza, tramite cellulare, e-mail e chat, l'incontro personale rimane sempre fondamentale tra persone animate dalla stessa passione, che desiderano andare oltre quello che c'è di preconfezionato (qualcuno dice di precotto), specialmente nel campo dell'informatica, e vedere cosa si può fare di nuovo e di innovativo. Ancora di più se quest?innovazione ha le proprie radici piantate in un passato carico di significato, come accade per Amiga e per altre piattaforme presenti.

Anche quest?anno la manifestazione, tenutasi sabato 20 e domenica 21 settembre al Palaesposizioni di Empoli (Firenze), è stata organizzata da Jasa Comunications, ed è riuscita a far toccare con mano quelle novità che tanti amighisti aspettavano da tempo. E molti appassionati e gruppi di utenti hanno usufruito degli spazi a disposizione (gratuitamente) per esporre le loro creazioni ed i loro lavori.
Una delle principali novità esposte in fiera era l?AmigaONE, la nuova evoluzione dell?Amiga nel settore hardware. Il computer, esposto allo stand del rivenditore Soft3 in un bellissimo case semitrasparente (illuminato internamente) faceva girare, in anteprima mondiale, la prima release funzionante del nuovo sistema operativo AmigaOS 4.0 per PowerPC. Il sistema operativo, ancora in fase di beta testing, dovrebbe uscire sul mercato entro la fine dell'anno: questo aggiornamento, al passo con i tempi di quello che è stato uno dei primi sistemi operativi multimediali, è quello che la maggioranza dei visitatori aspettava da tempo, e l'affollamento di visitatori desiderosi di provarlo ne è stata la conferma. Le nuove macchine erano esposte anche presso gli stand di Virtual Works e dell'austriaca Point Design, insieme alle ultime novità software.

Genesi ha invece mostrato il rivale di AmigaONE, Pegasos, un sistema sempre basato sul processore PowerPC ma controllato da una versione quasi definitiva di MorphOS, nuovo sistema operativo ispirato ad AmigaOS (e parzialmente compatibile) per processori PowerPC. La macchina è in vendita da alcuni mesi e, secondo il suo produttore, può già essere adottata all'interno del ciclo produttivo. La dimostrazione di cosa si possa fare, con l'inventiva, su questo sistema alternativo l'ha data l'esposizione di alcune stupende stampe realizzate da Elena Novaretti con un programma di sua realizzazione per il calcolo della convergenza di funzioni matematiche, programma che attualmente non ha eguali su nessun'altra piattaforma.

Una simpatica novità è stata la presenza del C-One, un clone del Commodore 64 aggiornato alle tecnologie e basato su di una scheda madre in formato ATX. Il sistema, destinato agli appassionati del glorioso home computer di casa Commodore, può, con alcune espansioni, eseguire anche programmi di altri computer ad 8 bit, come l'Apple II, lo ZX Spectrum e il Vic 20.

Sul lato software Darkage ha mostrato Supreme, un ottimo pacchetto di videoproduzione per la generazione di effetti.

Bitplane, l?unica rivista italiana a trattare esclusivamente Amiga (oltre ad altre piattaforme alternative), ha invece presentato il nuovo numero.

Sul fronte delle piattaforme non-Amiga i più affollati erano gli stand dell'[Italian BeOS User Group [http://www.itbug.org/]], che ha dato dimostrazione delle capacità di questo sistema operativo multimediale. La novità più importante è stata la presentazione dell'anteprima di Zeta, la nuova incarnazione del BeOS realizzata dalla tedesca Yellow Tab che sarà in commercio in varie edizioni (utenti finali e sviluppatori) a partire dal 20 ottobre. Questo sistema operativo, che gira su PC standard, coniuga la potenza delle macchine attuali con un software snello, veloce e pensato per avere ottime capacità multimediali.

Molto animati erano anche i banchi occupati dai vari utenti, che esponevano un po? di tutto, compreso un affollato mercatino dell?usato. Non mancavano i vari club ed associazioni amighiste e di informatica alternativa. Segnalo, a tal proposito, il bello stand di Ikir Sector, un'associazione dedicata all'informatica libera, che ha presentato il suo nuovo sito di informazione ed approfondimento.

L?appuntamento, per tutti gli appassionati di Amiga e piattaforma alternative, si rinnova al prossimo anno con l'edizione 2004 di Pianeta Amiga.

Pietro Bianchi
42 Commenti alla Notizia Reportage/ Pianeta Amiga 2003
Ordina
  • Grazie per aver citato l'Ikir SectorA bocca aperta

    Amiga 4ever

    ikir @ www.iksnet.it
    non+autenticato
  • Ciao!

    La riapertura di Pianeta Amiga e' solo l'inizio.

    Si sono aperte nuove nicchie e soprattutto c'e' una pesante insofferenza e insoddisfazione nei confronti dei prodotti dei monopolisti. Il PC ha sempre avuto una struttura aperta ma che era anche sinonimo di "testa vuota". Un bus e degli slot con un bios minimale.

    L'evoluzione negli anni ha migliorato questi bus, ma ancora non so, non riescono ad entusiasmarmi. Sono come certe auto o moto giapponesi, belle e potenti ma senz'anima...

    Ecco qua una delle forme della rinascita:

    http://www.mini-itx.com

    In fondo la foto dei primi prototipi in formato Mini-ITX di alcune motherboard per i nuovi AmigaOne con processore G3 750CXi.
    Ci gira AmigaOS4, Linux e il MorphOS, forse anche BeOS che nativamente era per PowerPC ci si puo' riportare.
    Una CPU tanti Sistemi Operativi, tutti innovativi e soprattutto "alternativi". Vi lascio qualche minuto di riflessione sulla parola "alternativi"... Perche' ce n'e' bisogno! Nulla sarebbe "alternativo" se cio' a cui e' alternativo non ha proprio stufato, o e' talmente diffuso da essere massificato, da aver perso identita' o non suscitare piu' passione o semplice desiderio di distinguersi.

    Il formato Mini-ITX e' semplicemente splendido. Per carita' poco flessibile e' vero, ma quella motherboard se nasce e muore con quel chipset video e quegli slot e controller, ha la CPU su doughter board quindi upgradabile e c'e' anche un bello slot PCI...

    Poi nel sito trovate chiari esempi di cosa ci si potra' fare con uno di quegli AmigaOne, anche dei PC, ma a noi adesso interessa Amiga.

    Ahh dimenticavo. Io sono quello che ha pubblicato sulla rivista Amiga Magazine negli anni '96 e '97 schemi e modifiche per l'Amiga 1200 per eseguire overclock e montaggi di ventole nei luoghi piu' impensabili, adattatori per installare HD da 3,5" al posto di quelli piu' costosi da 2,5" e la prolunga per il lettore CD EIDE esterno con alimentazione dall'interno dell'A1200 e l'adattamento di alimentatori AT all'Amiga1200.

    --
    Ciao.
    Mr. Mechano
    mechano@punto-informatico.it
  • Avevo un computer che con solo mezzo mega di ram era gia:

    Multitasking preemptive.
    Gestibile con mouse e finestre (mitica Intuition)
    Audio spettacolare (per i tempi del beep)
    Grafica da paura (quando gli altri avevano la Hercules o la CGA)
    Una macchina multimediale standard che funzionava benissimo
    Plug&Play funzionante (anche se non aveva ancora un nome)
    Videogiochi fluidissimi (i coin op non facevano più invidia)
    Digitalizzatori audio e video a portata di tutti (te li potevi fare in casa)
    Non esistevano gli IRQ! ( ^____^ )
    100 MB di hard disk sembravano un'immensità
    Con 8 MB di ram non ti serviva altro ( e lo percepivi profondamente )
    Non si aveva la frustrazione dell'ultima scheda/processore disponibile
    C'erano gli schemi elettrici nel manuale!
    Il Basic microsoft fu escluso dalla 2.0 in poi perchè penoso

    E fu così che questa macchina dei desideri (che forse proprio perchè ti dava quasi tutto già col modello base, non era un bene per l'economia degli altri) fu bollata come giocattolo...Triste

    Ricordo ancora le amare frasi...

    I colori non servono per lavorare...
    La musiche non servono basta il bip...
    A che serve il "mutitasching" uso un programma alla volta io...
    quarda che piccolo, che forma, si vede che è un giocattolo...
    ma non usa il msdos 3.3...A bocca storta
    il "gioistich" e il "mauss" sono inutili per lavorare
    etc etc...

    mi ricordo poi gli slogan di windows 95Triste(((


    basta ricordi mi stò rifacendo il sangue amaro...
    non+autenticato
  • dimentichi amiga 2000 e 4000 che furono strumenti importantissimi in molti settori professionali...
    non+autenticato
  • No, non dimentico, ma il 2000 era coetaneo del 500 e aveva la stessa fama (a parte qualche studio televisivo) e il 4000 quando uscito era ormai tagliato fuori dal mercato e con una C= in disgrazia...Triste
    non+autenticato
  • Come ti capisco... In lacrime

    Io sono cresciuto con Amiga 600 In lacrime

    Bei ricordi.

    Ciao

    The Heir
    non+autenticato
  • Non sai quanto la penso come te... Io ho iniziato con amiga 500+ con la mitica Action Replay III, poi l'ho venduto e non ho fatto mai errore più grande, in compenso mi sono comprato con i soldi recuperati un Amiga 1200 che ho poi espanso parecchio e che è stato l'ultimo vero computer che io abbia mai avuto.

    TAD since 1995
    A1200 030 50Mhz 2 Mb chip, 16 Mb Fast, HD 850Mb
  • - Scritto da: Anonimo

    > quarda che piccolo, che forma, si vede che è
    > un giocattolo...

    ehehh lo usava la nasa avevo in giro pure un'immagine di un amiga con la targhetta nasaSorride
    non+autenticato

  • > ehehh lo usava la nasa avevo in giro pure
    > un'immagine di un amiga con la targhetta
    > nasaSorride

    http://www.amigaatlanta.org/AEcastro.html


    Guardate in fondo alla pagina... Non aggiungo altro.

    Amiga Rulez Forever!!!

    TAD
  • Ciao a tutti gli Amighisti... chi non ha mai posseduto e programmato una macchina di queste, non riuscirà mai a capire cosa significa... prima i problemi erano:

    riuscirò ad utilizzare per bene le librerie sotto linguaggio C?
    potrò far colloquiare bene i programmi con AREXX?

    oggi sono:

    funzionerà il nuovo gioco?
    i driver che ho installato faranno partire di nuovo il PC?

    La soddisfazione che ho provato quando ho rilasciato un programmino su Aminet è stata grandissima.
    Adesso programmo sotto PC ma la mentalità aperta che mi ha dato l'Amiga la sfrutto continuamente e giornalmente.
    E' vero che sono stati fatti tanti passi avanti, ma il problema di fondo resta sempre quello... i PC sono delle splendide macchine in fatto di hardware, quando funzionanoA bocca aperta però il software che li fa funzionare, il sistema operativo, fa acqua da tutte le parti. In lacrime

    Capisco anche lo sforzo che ha fatto la M$ per rendere il computer una realtà nella casa di tutti, data la semplicità di Windowz ma bisognerebbe rinnovare e migliorare un bel po' di cose.

    In ogni caso sono contento ed onorato di far parte della comunità Amiga, e nel mio cuore spero che un giorno possa nascere DAVVERO una macchina che possa farmi provare quelle sensazioni che ho dimenticato combattendo con riavvii, ripristini e trucchetti per sopperire a bug dei "nuovi" sistemi operativi.

    Ciao a tutti.
    Pierluca
    non+autenticato
  • Beh, se ritieni i pc ottimi a livello di hardware, ma scarsi per quanto riguarda il s.o., dovresti provarne uno con su BeOS o, appunto, Zeta. Sorride
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Beh, se ritieni i pc ottimi a livello di
    > hardware, ma scarsi per quanto riguarda il
    > s.o., dovresti provarne uno con su BeOS o,
    > appunto, Zeta. Sorride

    o linux... o bsd... o qnx... avoglia ad alternative....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Beh, se ritieni i pc ottimi a livello di
    > > hardware, ma scarsi per quanto riguarda il
    > > s.o., dovresti provarne uno con su BeOS o,
    > > appunto, Zeta. Sorride
    >
    > o linux... o bsd... o qnx... avoglia ad
    > alternative....

    c'è da dire però che, fra i quattro, quello più vicino al feeling dell'amiga (sia come filosofia che come comunità), è proprio BeOS!
    questo senza nulla togliere agli altri s.o...
    non+autenticato
  • Non sapevo del ritorno di Amiga!! Grazie PI
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)