Mauro Vecchio

USA: nessuna trappola per Megaupload

Il Dipartimento di Giustizia degli States non avrebbe mai chiesto al cyberlocker di mantenere online gli stessi contenuti pirata poi sfruttati per dimostrare la sua negligenza. Nessuna comunicazione tra le due parti in causa

Roma - Nella estenuante sfida legale al mega-impero del file hosting, i vertici del Dipartimento di Giustizia (DoJ) statunitense hanno contestato le accuse di Ira Rothken, avvocato del boss di Megaupload Kim Dotcom. Le autorità a stelle e strisce non avrebbero mai tentato di incastrare i responsabili del popolare cyberlocker, non avendo mai chiesto alla piattaforma di mantenere online quegli stessi file successivamente sfruttati come prova per dimostrare la sua negligenza nella tutela del copyright.

Stando alla ricostruzione offerta da Rothken, il governo degli States avrebbe bocciato la proposta di cancellazione dei file illeciti, ordinando a Megaupload di non toccare in alcun modo i contenuti caricati in collaborazione con gli admin del sito di indexing NinjaVideo. Opere che sarebbero servite agli inquirenti per identificare gli uploader o comunque per condurre al meglio le indagini.
Nella risposta fornita dal procuratore Neil MacBride, i contenuti in questione sarebbero stati caricati e condivisi da oltre 2mila utenti del sito.

Stando alle dichiarazioni ufficiali rilasciate da MacBride, la posizione sbandierata da Megaupload sarebbe priva di fondamento, senza prove concrete sulle comunicazioni con il DoJ in merito alla rimozione dei 39 file.
In aggiunta, nel mandato di perquisizione impugnato dalle autorità federali alla società di hosting Carpathia non vi sarebbe alcuna traccia degli stessi contenuti indicati dal cyberlocker per dimostrare le strategie ingannevoli architettate dal governo di Washington con l'industria audiovisiva.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàMegaupload, il sequestro non era validoL'Alta Corte neozelandese stabilisce che il mandato di perquisizione ordinato dai federali statunitensi è stato troppo generico e privo di accuse specifiche. Illecito anche il trasferimento degli hard drive appartenenti al boss Dotcom
  • AttualitàMegaupload, in arrivo le prove a stelle e strisceLe autorità statunitensi dovranno consegnare tutto il materiale incriminante all'avvocato di Kim Dotcom Ira Rothken. Mentre il boss del file hosting tornerà in libertà perché ritenuto non a rischio fuga prima del processo d'estradizione
  • AttualitàMega, ritorno al futuroKim Dotcom pubblica in anteprima alcune immagini relative al suo nuovo servizio di file hosting. Tra chiavi di cifratura e cartelle in the cloud, per la rinascita del celebre cyberlocker
6 Commenti alla Notizia USA: nessuna trappola per Megaupload
Ordina
  • Una simile circostanza è perfetta per i media: e infatti, quando Ira Rothken l'ha tirata fuori dal cilindro, i giornali di mezzo mondo ne hanno parlato, spesso con enfasi. Ma ha un peso pressoché nullo nel caso il processo si svolga davvero. Ecco una possibile previsione del dibattimento:

    "Il Dipartimento di giustizia aveva chiesto a Megaupload di mantenere i file pur sapendo che erano copie illecite".

    "Con quest'ordinanza incrimino formalmente l'ufficio del Dipartimento di Giustizia responsabile di tale richiesta per istigazione a delinquere. Visto, si stampi. Prego, il dibattimenti può procedere".

    Niente di più. Aver ottemperato a una richiesta illegittima non è un'attenuante. Deluso
    non+autenticato
  • AnnoiatoAnnoiatoAnnoiato
    - Scritto da: Leguleio
    > Una simile circostanza è perfetta per i media: e
    > infatti, quando Ira Rothken l'ha tirata fuori dal
    > cilindro, i giornali di mezzo mondo ne hanno
    > parlato, spesso con enfasi. Ma ha un peso
    > pressoché nullo nel caso il processo si svolga
    > davvero. Ecco una possibile previsione del
    > dibattimento:
    >
    > "Il Dipartimento di giustizia aveva chiesto a
    > Megaupload di mantenere i file pur sapendo che
    > erano copie
    > illecite".
    >
    > "Con quest'ordinanza incrimino formalmente
    > l'ufficio del Dipartimento di Giustizia
    > responsabile di tale richiesta per istigazione a
    > delinquere. Visto, si stampi. Prego, il
    > dibattimenti può
    > procedere".
    >
    > Niente di più. Aver ottemperato a una richiesta
    > illegittima non è un'attenuante.
    >Deluso
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Leguleio
    Nomen omen...
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > - Scritto da: Leguleio
    > Nomen omen...

    È vecchia, vecchissima.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > > - Scritto da: Leguleio
    > > Nomen omen...
    >
    > È vecchia, vecchissima.

    1+1=2 e' ancora piu' vecchia, ma non per questo meno vera.
    L'eta' di una verita' non concorre alla sua negazione.

    "bruto ha ammazzato giulio cesare" non diventa "bruto NON ha ammazzato giulio cesare" solp perche e' successo tanto tempo va.

    Leguleio 0, gli altri 1.
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > - Scritto da: Leguleio
    > > - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > > > - Scritto da: Leguleio
    >

    >
    > > > Nomen omen...
    > >
    > > È vecchia, vecchissima.
    >
    > 1+1=2 e' ancora piu' vecchia, ma non per questo
    > meno
    > vera.
    > L'eta' di una verita' non concorre alla sua
    > negazione.
    >
    > "bruto ha ammazzato giulio cesare" non diventa
    > "bruto NON ha ammazzato giulio cesare" solp
    > perche e' successo tanto tempo
    > va.
    >
    > Leguleio 0, gli altri 1.

    Se per te diventa più intelligente chi proclama ai quattro venti che 1+1 fa 2, accomodati. Io ho altri scopi nella vita.
    non+autenticato