Alfonso Maruccia

Intel, addio alle schede madri

Storica decisione del chipmaker statunitense, che nei prossimi anni si lascerÓ alle spalle il mercato delle motherboard per PC. La transizione sarÓ graduale, e nessuno perderÓ il proprio posto di lavoro

Roma - Intel ha annunciato l'intenzione di abbandonare (lentamente ma senza via di ritorno) il mercato delle schede madri "brandizzate" per PC. C'è già chi parla della fine di un'era: la transizione verrà spalmata sui prossimi 3 anni, il personale verrà re-impiegato altrove e la concorrenza potrà giovare di nuovi margini di crescita nel mercato.

Protagonista relativamente minore all'interno del business delle motherboard per computer, in questi ultimi anni Intel ha contrastato l'agguerrita concorrenza di produttori asiatici con prodotti costosi ma di qualità: ora che il business dei PC è in affanno, il chipmaker ha ben pensato di concentrare diversamente i propri sforzi.

I dipendenti Intel sin qui impiegati sulle motherboard ATX verranno ora spostati su form factor e prodotti differenti, sistemi compatti (anche desktop "all-in-one") e schede per gadget mobile (tablet e smartphone) dove il livello di integrazione "verticale" dei componenti è molto più spinto di quanto non succeda nel mondo dei computer propriamente detti.
Quello che non cambierà con la storica decisione del chipmaker è l'impegno di progettazione e sviluppo da parte del gruppo che si occupa dei reference design delle motherboard per CPU x86: in questo caso Intel continuerà a operare come prima, e i partner potranno ancora contare su punti di riferimento da cui partire per la realizzazione delle proprie motherboard.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessIl 2012 di Intel è in calandoL'ultimo trimestre e la fine dell'anno coincidono. Santa Clara non cresce, ma resta ampiamente in positivo. E per ripartire, l'azienda pensa a cambiare pelle e obiettivi
15 Commenti alla Notizia Intel, addio alle schede madri
Ordina
  • Peccato.. ricordo ancora la mia nForce 790i Ultra, scheda da paura.. prezzo.. anche..
    non+autenticato
  • Io non le avevo mai viste.
    Sgabbio
    26178
  • Esistono, esistono. Se non ricordo male, hanno dei prezzi piuttosto alti.
  • - Scritto da: Joe Tornado
    > Esistono, esistono. Se non ricordo male, hanno
    > dei prezzi piuttosto
    > alti.

    Costano un 10-15% in più, e chi le fabbrica sono Asus ed MSI (progettazione Intel, s'intende).

    Non hanno tutte quelle opzioni di overclock delle 'cinesi' ma la stabilità è ottima. Per non parlare del supporto e della assistenza superiore a qualunque taiwanese.
  • La mia prima scheda madre è stata una Intel Zappa (la scheda preferita dai coltivatori):

    http://www.recycledgoods.com/zoom.aspx?productID=2...

    --
    Luca
    non+autenticato
  • Ne ho ancora una da qualche parte in soffitta con allegata cpu slot!
    non+autenticato
  • La scheda madre del mio Pentium II 333 Hmz era una Intel.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Io non le avevo mai viste.

    Sono anche di ottima qualità. Dopo aver passato le varie cinesate tipo Asus (3 bruciate una dietro l'altra: per fortuna la garanzia riparte ad ogni sostituzione) ho deciso di prendere una intel che viaggia alla grande da 6 anni.
    Un vero peccato...
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > Io non le avevo mai viste.
    >
    > Sono anche di ottima qualità. Dopo aver passato
    > le varie cinesate tipo Asus (3 bruciate una
    > dietro l'altra: per fortuna la garanzia riparte
    > ad ogni sostituzione) ho deciso di prendere una
    > intel che viaggia alla grande da 6 anni.
    >
    > Un vero peccato...

    Sicuro di non avergli versato una latta di benzina sopra e poi messe in forno?
    Le Asus sono sinonimo di roccia.
    non+autenticato
  • > Sicuro di non avergli versato una latta di
    > benzina sopra e poi messe in
    > forno?
    > Le Asus sono sinonimo di roccia.

    Boh forse adesso ma nel 2004 quando ne ho bruciate 3 di fila erano tra quelle che soffrivano della sindrome dei "bad caps", i famigerati condensatori elettrolitici cinesi. Ho comprato una intel all'epoca proprio perché era tra le poche a montare condensatori "made in japan". E sarà culo ma dopo aver bruciato 3 P4-800S della asus, la mia intel va alla grande da allora.
    non+autenticato
  • Confermo, ho una Intel Aneroid Lake mini-itx 775. Con su una CPU classe pentium dual core a 3Ghz è un ottimo muletto con dei discreti consumi.

    Ci sono le ultime Intel 1155 di qualità in commercio. Meglio prenderla subito.
    iRoby
    7615
  • Anche io ne ho bruciate tre di fila nel 2005 : southbridge squagliato ... era una P4P800E-Deluxe, e non ho mai capito il motivo ... in un caso, successe inserendo un dispositivo USB. Dopo il terzo guasto, ho venduto la CPU e ho riciclato il rimanente hardware.

    Con l'ultima che ho acquistato, nessun problema : P5KE-WiFiAP, cinque anni ben portati !