Cristina Sciannamblo

Cuba, l'Alba della banda larga

L'Avana conferma l'attivazione della dorsale sottomarina che collega al Venezuela. Nonostante la disponibilità della banda, il governo avverte che le restrizioni alla navigazione non saranno eliminate. L'accesso avverrà gradualmente

Roma - L'Avana ha confermato l'attivazione della dorsale sottomarina in fibra ottica che collega il Venezuela a Cuba. I lavori di installazione, cominciati circa due anni fa, hanno beneficiato dell'intervento dei sommozzatori impiegati dalla compagnia petrolifera nazionale venezuelana PDVSA.

L'attivazione della dorsale ALBA-1 è stata segnalata nei giorni scorsi dai rilevatori della società specializzata nel monitoraggio del traffico online Renesys, che ha registrato l'aumento della banda pur con limitazioni dovute all'attività di inibizione del traffico compiuta dalla compagnia telefonica di stato cubana ETECSA. Proprio ETECSA ha spiegato che il funzionamento del cavo sottomarino non prevede in alcun modo l'eliminazione delle restrizioni nell'accesso a Internet.

I cubani, infatti, sono ancora costretti a convivere con la connessione satellitare per navigare, un canale lento e dai costi elevati. ETECSA ha già avvertito che sarà molto improbabile fruire della connessione veloce durante le ore notturne e che l'accesso alla Rete avverrà gradualmente e per "scopi sociali".
I primi a beneficiare dei servizi di ALBA-1 saranno dunque il governo e le istituzioni di ricerca. (C.S.)
Notizie collegate
  • AttualitàCuba, fibra sottomarina per tutti?Gli "sniffer" di traffico telematico registrano una certa attività sulla recente dorsale Cuba-Venezuela, segno del fatto che l'accesso alla rete veloce è più diffuso. Ma al momento il traffico fluisce solo in entrata.
  • AttualitàCuba, benvenuta fibra otticaLa dorsale che collegherà l'isola al Venezuela sarà attiva entro l'estate. Intanto l'Havana ha deciso di sbloccare il blog di Yoani Sanchez
4 Commenti alla Notizia Cuba, l'Alba della banda larga
Ordina
  • Cuba’s Communications Company ETECSA announced that its telecommunications system using an optic fiber cable that links the island to Venezuelan and Jamaica has been active since August 2012.

    The connection has initially been used for international telephone traffic, the company explained.

    Quality tests on internet traffic through the cable began on January 10, with real traffic from and to Cuba in order to normalize this communication system.

    Once the experimental stage concludes, the operations of the underwater cable would not imply yet the multiplication of possibilities to access the internet, since investment would have to be done in the internal telecommunication infrastructure and increase hard currency resources to pay for the Internet traffic.

    Only through these actions the progressive development of the service being offered by ETECSA can be reached, reads an article on Granma newspaper.

    http://www.radioguantanamo.icrt.cu/englishwebsite/...

    Mancano le infrastrutture e soprattutto i soldi: chi si può permettere 16 euro di canone più 20 € per la connessione ADSL ogni mese? Se anche qui in Italia la gente dismette la adsl per risparmiare, come può essere la situazione in un paese molto più povero del nostro?
  • Prima di dire che a quel cavo non possono "attaccarsi" i privati per motivi di censura ci sarebbe da sapere quanta capacità di trasmissione abbia, perchè è chiaro che se non è moltissima principalmente verrà usata dallo Stato e dai centri di ricerca cubani (che bisognano di grande quantità di trasmissione) così come è avvenuto nel resto dell'Occidente dove vi sono reti chiuse per tali scopi.
    Da qualche settimana ormai sono stati facilitati gli spostamenti all'estero e non sembra siano sbarcati sulle coste americane milioni di cubani in fuga (il famoso salire sull'albero se fosse caduto il muro di Berlino).
    Che poi la rete venga controllata (lo è pure nel resto d'occidente) è altrettanto ovvio visto che si vorrà evitare la diffusione di notiize false che provochino casini
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > Prima di dire che a quel cavo non possono
    > "attaccarsi" i privati per motivi di censura ci
    > sarebbe da sapere quanta capacità di trasmissione
    > abbia, perchè è chiaro che se non è moltissima
    > principalmente verrà usata dallo Stato e dai
    > centri di ricerca cubani (che bisognano di grande
    > quantità di trasmissione) così come è avvenuto
    > nel resto dell'Occidente dove vi sono reti chiuse
    > per tali
    > scopi.
    > Da qualche settimana ormai sono stati facilitati
    > gli spostamenti all'estero e non sembra siano
    > sbarcati sulle coste americane milioni di cubani
    > in fuga (il famoso salire sull'albero se fosse
    > caduto il muro di
    > Berlino).
    > Che poi la rete venga controllata (lo è pure nel
    > resto d'occidente) è altrettanto ovvio visto che
    > si vorrà evitare la diffusione di notiize false
    > che provochino
    > casini

    Quindi W la dittatura, va tutto bene madama la marchesa, ci sono i cattivi anche nel democratico (all'incirca) Occidente!
    Funz
    12946
  • Direttamente da Cuba vi posso dire che non è l'alba di nulla.
    Finchè ci saranno in giro scritte: Socialismo o Muerte, Scordatevi la qualsiasi cosa!!!!
    non+autenticato