Nuova Zelanda, SMS al bando a scuola

Secondo due scuole i messaggini venivano usati dagli studenti per minacciarsi a vicenda, al punto che alcune ragazze iniziavano a spaventarsi. Ora il messaging via telefonino viene messo al bando

Wellington (Nuova Zelanda) - L'uso dei cellulari tra i ragazzi delle scuole è sempre più diffuso non solo in Italia, dove abbondano in modo statisticamente rilevante, ma anche in molti altri paesi. E dalla Nuova Zelanda arriva la notizia che alcune scuole giudicano i telefonini pericolosi per gli studenti.

In particolare, l'Hamilton Girls High School e l'Aroha College, hanno vietato ai propri studenti di presentarsi a scuola con i cellulari. Secondo il "New Zealand Herald" la motivazione risiede nel fatto che molti studenti utilizzerebbero gli SMS per inviare, nel corso dell'orario scolastico, insulti e persino minacce ad altri studenti.

La situazione, secondo il direttore della Hamilton, è degenerata recentemente, con l'aumento dei messaggi inviati con questa logica. Alcuni SMS contenevano veri e propri "avvertimenti". "Abbiamo capito - ha spiegato il direttore - che molte ragazze non si sentivano più al sicuro".
Secondo gli esperti, in questi casi le scuole devono muoversi rapidamente e spiegare chiaramente ciò che non è accettabile.
3 Commenti alla Notizia Nuova Zelanda, SMS al bando a scuola
Ordina