Mauro Vecchio

Twitter paga milioni per la social TV

La piattaforma di microblogging annuncia l'acquisizione di Bluefin Labs. Dopo l'accordo con Nielsen, il tecnofringuello cerca ancora altre strade per misurare l'audience. E vendere i dati aggregati agli investitori pubblicitari

Roma - Con un presunto investimento da quasi 100 milioni di dollari, i vertici di Twitter hanno messo le mani su Bluefin Labs, società specializzata nell'analisi dei commenti social sui vari prodotti televisivi o commerciali. Alla ricerca di nuove opportunità di business, la piattaforma di microblogging ha annunciato la sua acquisizione più onerosa per entrare nel redditizio mercato della pubblicità sul piccolo schermo.

Per il tecnofringuello un ulteriore passo in avanti nell'arena della social TV, dove i grandi network sfruttano i cosiddetti trending topic per analizzare abitudini e comportamenti delle nutrite platee online. Broadcaster del calibro di CBS hanno pagato gli analisti social di Bluefin Labs per tutte le informazioni raccolte dai flussi cinguettati durante la diretta televisiva dell'ultimo Super Bowl.

La nuova acquisizione annunciata da Twitter segue la precedente partnership con Nielsen, per l'introduzione di uno strumento di valutazione della popolarità televisiva, un meccanismo inedito di analisi delle audience attraverso i commenti cinguettati in 140 caratteri. Il social network californiano avrà così a disposizione un enorme bacino di dati per la vendita di informazioni alle agenzie pubblicitarie e ai principali network. (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàCensis, dalla TV al consumo digitaleAumenta la fruizione di programmi televisivi online, grazie all'esplosione di smartphone e tablet. Gli internauti d'Italia crescono a valanga, mentre continuano a stentare editoria e stampa
  • AttualitàPew, il mondo sui social network 21 paesi al centro dell'ultimo studio che analizza le abitudini degli utenti rispetto ai social media. Le chiamate vocali rimangono l'attività più diffusa tra cellulari e smartphone, mentre persiste il gap anagrafico ed educativo