Alfonso Maruccia

AMD, la Firepro fa il rendering remoto

Sunnyvale presenta la R5000 e dice che Ŕ un piccolo capolavoro destinato al mercato professionale. Per centralizzare la capacitÓ di elaborazione grafica in un server e distribuirla in streaming ai terminali dei progettisti

Roma - Come il debutto pubblico di PlayStation 4 insegna, lo streaming di contenuti grafici e capacità di rendering è una delle tendenze più in voga del momento. AMD, non a caso già pesantemente coinvolta nel succitato (e misterioso) scatolotto ludico, ha ora presentato la scheda FirePro R5000 giust'appunto pensata per l'accesso a distanza (e in tempo reale) delle capacità di una o più GPU.

Diversamente dal target dei progettisti professionali (CAD/CAM) selezionato nelle precedenti release di schede FirePro, la R5000 si rivolge in maniera diretta e quasi esclusiva al pubblico del rendering remoto: la nuova scheda è basata su architettura Graphics Core Next (GCN) e GPU Pitcarin, è dotata di 2 Gigabyte di RAM GDDR5 e monta un processore Teradici TERA2240 per lo streaming dei contenuti.

Unita alla tecnologia proprietaria PC-over-IP (sempre di Teradici), il suddetto chip è in grado di prendere il contenuto del framebuffer della scheda - contenuto della memoria destinato all'output grafico finale - di comprimerlo per ottimizzare la trasmissione e inviarlo al client tramite connessione di rete.
L'ottimizzazione di PC-over-IP comprende la trasmissione esclusiva dei soli pixel modificati, garantisce un output remoto a 60 frame al secondo, dice AMD, e per di più offre una protezione delle trasmissioni notevole tramite cifratura con algoritmo AES e chiave a 256 bit.

Ogni singola scheda FirePro R5000 è capace di trasmettere a un solo client in modalità dual-monitor e risoluzione di 2560x1600; i monitor salgono a quattro nel caso di una più comune risoluzione simil-Full HD (1920x1200). I clienti hanno naturalmente facoltà di usare più di una scheda per aumentare la potenza di calcolo della "server farm" grafica.

A chi si rivolge l'ultima proposta cloud di AMD? Il target di Sunnyvale è quello dei professionisti che necessitano di potenza grafica accessibile a distanza, anche in piccole e medie aziende che decidano di centralizzare la potenza di calcolo per ottimizzare i costi e limitarsi a installare terminali sulle scrivanie dei progettisti, il cloud gaming non è escluso ma le esigenze di banda della tecnologia di ottimizzazione Teradici non sono esattamente alla portata delle masse: 100 Mbps sono "raccomandati" per l'editing video (a 1920x1200) e 300 Mbps nei casi di utilizzo "estremo". E per i videogiochi? Gigabit non ufficializzati.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaPlayStation 4, la presentazione senza la consoleSony svela la tanto attesa PS4, console dal cuore di PC con vocazioni social e di cloud gaming che non mancherÓ di hard disk interno e lettore Blu-ray. I giochi usati? Gireranno. Always-on? Ma anche no. Com'Ŕ la console? Non si sa
7 Commenti alla Notizia AMD, la Firepro fa il rendering remoto
Ordina