DIG.Eat, masticare la digitalizzazione

L'evento, che affronterà l'impatto dell'Agenda Digitale sullo scenario italiano, è in programma a Roma per il 13 marzo. Fra i temi affrontati, Pubblica Amministrazione, sanità, fiscalità, settore bancario e assicurativo

Roma - Il passaggio dalla materialità della carta all'immaterialità dei bit, processo che l'Italia sta affrontando a scossoni tra un quadro normativo che si aggiorna e nuovi strumenti da imbracciare, rivoluziona le abitudini di cittadini, professionisti e Pubbliche Amministrazioni. È questo il panorama di cui si nutrirà DIG.Eat, manifestazione che ANORC, l'Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione digitale dei documenti, dedica all'Agenda Digitale e a tutti i suoi risvolti in materia di sicurezza, di privacy, di conservazione dei dati e delle informazioni.

L'evento, composto di tavole rotonde e corsi pratici, dibattiti e confronti, si dipanerà in quattro filoni principali. Si parlerà di Pubblica Amministrazione con il focus sul Decreto Crescita 2.0 e sull'impatto e sugli attriti con il Codice dell'Amministrazione Digitale, si affronterà la tematica degli open data e della trasparenza della PA, si farà il punto su come il sistema scolastico reagirà al nuovo quadro normativo.

Una seconda area di approfondimento sarà quella della sanità. Le informazioni cliniche e i documenti quali le prescrizioni e i certificati medici, i cui bit si avviano a fluire con più facilità fra gli attori preposti alla loro gestione, necessitano di particolari attenzioni: a DIG.Eat si dibatterà di interoperabilità e standard, di soluzioni dedicate alla privacy e alla sicurezza, che sappiano tutelare dati delicati come quelli che descrivono la salute dei cittadini.
La fiscalità è un altro dei temi in programma: si discuterà dell'adeguamento al quadro europeo per le norme relative alla fatturazione elettronica introdotto con la Legge di Stabilità 2013, anche nei suoi aspetti più tecnici.

È dedicato invece ad assicurazioni e banche il quarto nucleo di approfondimenti di DIG.Eat: privacy e sicurezza sono leitmotiv per argomenti quali la relazione mediata dalla Rete tra banche e clienti, i contratti bancari online e i sistemi di identificazione biometrica, l'assegno elettronico.

Alle figure professionali emerse con la transizione verso il digitale di molte delle attività del settore pubblico e privato, figure il cui status è continuamente in divenire e il cui aggiornamento dal punto di vista tecnico è indispensabile, sono inoltre dedicati dei corsi di taglio pratico: i tre corsi si concentreranno sulla digitalizzazione e sulla conservazione dei dati della pubblica amministrazione, della sanità e del settore fiscale.

DIG.Eat si svolgerà il 13 marzo, a Roma, presso il Centro Congressi Frentani. Il programma e le informazioni relative alla registrazione sono disponibili sul sito dedicato, mentre il dibattito già ferve sulla pagina Facebook e sulla pagina LinkedIn.
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia DIG.Eat, masticare la digitalizzazione
Ordina