Alfonso Maruccia

Codec video, la pace per VP8

Google e MPEG LA trovano un accordo. Tutti potranno utilizzare il codec senza pagare nulla. Tutti quelli che npon usano già H.264 e continueranno a usarlo

Roma - Nella guerra dei codec in salsa mobile e HTML5, tra MPEG LA e Google è apparentemente scoppiata la pace: l'organizzazione dell'industria multimediale e l'azienda del search si sono accordate per la concessione in licenza delle tecnologie brevettate contenute il VP8, il codec video acquisito da Google qualche anno fa e attualmente base del progetto WebM.

Quella che minacciava di trasformarsi in una causa legale dalle conseguenze pesanti si conclude con un "agreement" commerciale, un accordo che stabilisce il diritto di Google di dare a sua volta in licenza la tecnologia VP8 e ne garantisce quindi la possibilità di uso libero e gratuito per tutti.

L'intesa fra Mountain View e MPEG LA è stata oliata con denaro sonante, anche se nessuna delle parti al momento ha quantificato il valore dell'accordo. Quello che si sa per certo è che il numero di brevetti concessi in licenza a Google è in mano a 11 diversi proprietari, e la stessa firma dell'intesa è una tacita ammissione del fatto che VP8 non era poi così scevro da infrazioni brevettuali come Mountain View aveva fatto credere all'inizio.
Con l'accordo tra Google ed MPEG LA si conclude poi il tentativo di quest'ultima di organizzare un "patent pool" da mandare (eventualmente) all'assalto legale del Googleplex, e Google strappa il diritto aggiuntivo di garantire "openness" duratura anche ai successori di VP8 già in via di realizzazione (VP9).

Se l'accordo sui brevetti chiarisce la situazione legale di VP8, dal punto di vista del mercato le cose sembrano destinate a cambiare ben poco: il codec che avrebbe dovuto affermarsi come standard per tutti è al momento solo un comprimario di poco peso rispetto al ben più popolare (e parzialmente liberato) H.264. Con il codec H.265 in arrivo, infine, le speranze di Google per VP8/WebM si riducono davvero al lumicino.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàH.264 è libero, ma non per tuttiMossa diretta a scardinare le posizioni di Mozilla e Opera nella guerra dei codec, e per sfidare Google e VP8. Accoglienza tiepida per la notizia, la partita è ancora tutta da giocare
  • BusinessMPEG LA, VP8 e i brevetti violatiL'organizzazione dell'industria multimediale sostiene di aver individuato i brevetti violati dal codec video acquisito da Google. Fare causa a Mountain View è però tutt'altra storia, pare
  • TecnologiaH.265, il codec video del prossimo futuroL'ITU approva in via definitiva le specifiche di un nuovo formato per la codifica e decodifica di flussi visivi in alta, altissima e assurdamente alta definizione. Da qui a qualche anno H.265 farà capolino ovunque, promette ITU
3 Commenti alla Notizia Codec video, la pace per VP8
Ordina