Mauro Vecchio

Mamma Jammie, la Corte Suprema dice no

Respinta la petizione presentata dalla madre di famiglia Jammie Thomas-Rasset per evitare il pagamento di una maxi-multa da 220mila dollari per 24 brani scaricati su Kazaa. "I soldi non li ho", ha ribadito la donna

Roma - Ultimo atto nella saga legale che ha coinvolto la madre di famiglia Jammie Thomas-Rasset, nelle grinfie della Recording Industry Association of America (RIAA) per aver scaricato 24 brani musicali sulla rete del defunto Kazaa. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha infatti respinto la petizione presentata dalla mamma del P2P per evitare il pagamento di una maxi-multa da 222mila dollari, ovvero 9.250 dollari per ciascun file scaricato e condiviso online.

In un sintetico documento di circa 20 pagine, la Corte Suprema statunitense ha negato alla donna il permesso di riaprire il caso, sulla base di una presunta incostituzionalità della sanzione pecuniaria ripristinata in appello alla metà dello scorso settembre. Circa un anno prima, il giudice federale Michael Davis aveva considerato assurda e soprattutto incostituzionale la sanzione da 1,5 milioni invocata dalle major, abbassando il totale per canzone a 2.250 dollari.

Nella decisione dei giudici d'appello, la Costituzione statunitense avrebbe permesso una multa superiore ai 54mila dollari totali, evitando allo stesso tempo di intralciare il principio a tutela di un processo equo. Contro il ripristino della sanzione di 220mila dollari, l'avvocato di Thomas-Rasset aveva accusato le case discografiche di voler lucrare oltremodo sulla condivisione illecita di appena 24 brani.
La Corte Suprema ha ora confermato quanto stabilito in sede d'appello: le attività pirata di Jammie Thomas-Rasset non potrebbero affatto ricadere nel ruolo giuridico dell'innocent infringer, ovvero del colpevole che non si è reso conto del suo stesso reato contro il diritto d'autore. In quest'ultimo caso, mamma Jammie sarebbe stata costretta a versare un totale di 200 dollari per brano.

Grande frustrazione nelle dichiarazioni alla stampa della madre del Minnesota, che non potrà mai disporre del denaro sufficiente a rimborsare la RIAA. "Ho quattro figli, mio marito non sta lavorando", ha spiegato Thomas-Rasset. Le potenti etichette discografiche non hanno escluso la possibilità di un accordo (settlement) per il pagamento di una cifra forfettaria, dal momento che la grande vittoria in aula è la vera musica alle orecchie delle major.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Diritto & InternetGli States contro mamma JammieL'amministrazione Obama suggerisce alla Corte Suprema di ignorare le richieste con cui la mamma del P2P vorrebbe ottenere uno sconto dei danni. Se il copyright non fa paura, che copyright č?
  • AttualitàMamma Jammie chiede lo sconto sul P2PI legali di Jammie Thomas-Rasset chiedono alla Corte Suprema di ridurre la compensazione richiesta dalle major discografiche. La RIAA vorrebbe punire la madre di famiglia per educare tutti gli scariconi
  • AttualitàRIAA, appello contro Jammie ThomasNon sono abbastanza i 54mila dollari di multa stabiliti dal ricorso: per dimostrare la concretezza delle conseguenze della pirateria l'industria chiede ancora una cifra irrealistica
75 Commenti alla Notizia Mamma Jammie, la Corte Suprema dice no
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)