Mauro Vecchio

Copyright, le responsabilità di IsoHunt

Il motore di ricerca canadese perde l'appello contro l'industria cinematografica statunitense. Avrebbe incoraggiato gli utenti a violare il diritto d'autore. L'obbligo di filtraggio dei contenuti pirata resta

Roma - Più volte inserito nella lista nera dei nemici del copyright, il motore di ricerca BitTorrent IsoHunt è stato nuovamente considerato responsabile dell'indicizzazione di contenuti audiovisivi in violazione del diritto d'autore. Nella visione di una corte d'appello californiana, il risoluto CEO Gary Fung è sempre stato a conoscenza della estesa proliferazione di materiale illecito sul suo search engine del torrentismo.

In un corposo documento di quasi 60 pagine, il parere del giudice Marsha Berzon ha inchiodato Fung alle porte del safe harbor, il cosiddetto porto sicuro garantito agli intermediari del web dal Digital Millennium Copyright Act (DMCA) del 1998. IsoHunt non potrebbe così godere dell'immunità in qualità di piattaforma digitale neutrale o del tutto inconsapevole delle attività di violazione della proprietà intellettuale nei suoi link.

Secondo la corte californiana, il CEO di IsoHunt avrebbe lucrato sulla condivisione di link a materiale pirata, addirittura incoraggiando gli utenti a caricare più contenuti non autorizzati. Il giudice Berzon ha infatti riconosciuto la validità di uno studio che quantifica nel 90-96 per cento i file illeciti sul totale di quelli indicizzati sulla piattaforma canadese. E Gary Fung sarebbe stato sempre a conoscenza di questa massiccia porzione pirata.
Nel maggio 2010, IsoHunt veniva obbligato da un giudice statunitense a rimuovere i contenuti in violazione del copyright dal suo motore di ricerca. Un'operazione di filtraggio coatto, contestata da Fung con un immediato ricorso in appello. Ora, il giudice Marsha Berzon ha confermato che il sito canadese debba applicare specifici meccanismi di filtraggio dei contenuti indicati dalle potenti major di Hollywood.

"In qualità di motore di ricerca basato sui link, non siamo come YouTube o i vari filelocker - ha ricordato Fung alla rivista specializzata TorrentFreak, fermo sulle proprie posizioni - Non abbiamo né il diritto né la facoltà di controllo preventivo dei contenuti, una sorta di censura sulle parole chiave nella ricerca online. Non possiamo inoltre filtrare come vorrebbe la MPAA o la corte californiana, dal momento che non tocchiamo o gestiamo i contenuti indicizzati".

In sostanza, la gestione di IsoHunt sarebbe del tutto simile a quella di un comune motore di ricerca come Google, dunque protetto tra le placide acque del safe harbor previsto dalla legge a stelle e strisce. Posizione condivisa dall'avvocato di Fung Ira Rothken - lo stesso che tutela in aula il boss del file hosting Kim Dotcom - che ha descritto la sentenza in appello come una minaccia per l'intero business su Internet.

Decisamente diverso il parere dei vertici della Motion Picture Association of America (MPAA), che avevano denunciato IsoHunt nel lontano 2006. La legge statunitense sul diritto d'autore punisce tutte quelle piattaforme che incoraggiano attivamente i loro utenti nel caricamento o condivisione dei contenuti in violazione del copyright. Il business di Gary Fung non potrebbe affatto godere delle protezioni garantite agli intermediari dal DMCA.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàNatale amaro per IsoHunt Botte da orbi in tribunale: un colpo di spugna cancella gran parte delle tesi difensive di Gary Fung. Che ora si ritrova sul groppone una condanna che rischia di fare giurisprudenza
  • AttualitàGoogle, niente suggerimenti per la BaiaAnche The Pirate Bay nella lista nera stilata da BigG per il blocco dei suggerimenti automatici nelle feature Instant e Autocomplete. Un favore all'industria discografica?
  • AttualitàMPAA: bombardare Hotfile, adessoRichiesto l'intervento di un giudice senza aspettare l'esito dello scontro legale. L'industria del cinema vorrebbe subito chiuso il cyberlocker perché del tutto simile a Megaupload. Il 90 per cento dei suoi download sarebbe illecito
80 Commenti alla Notizia Copyright, le responsabilità di IsoHunt
Ordina
  • Ormai la situazione è drastica quindi il parlamento italiano deve adottare misure immediate ed efficaci per processare e punire le persone sospettate di aver commesso atti di pirateria! Bisogna che la gente capisca che bisogna combattere la pirateria con ogni metodo anche a costo di grossi sacrifici, inutile ronzarci intorno!
    non+autenticato
  • Perchè mai bisognerebbe combatterla? Perchè non legalizzarla, invece? I sacrifici sarebbero decisamente minori.

    Quale vantaggio si avrebbe eradicando la pirateria (ammesso che ciò sia possibile)?
    non+autenticato
  • La pirateria è un furto che va combattuto con durezza!

    - Scritto da: uno qualsiasi
    > Perchè mai bisognerebbe combatterla? Perchè non
    > legalizzarla, invece? I sacrifici sarebbero
    > decisamente
    > minori.
    >
    > Quale vantaggio si avrebbe eradicando la
    > pirateria (ammesso che ciò sia
    > possibile)?
    non+autenticato
  • - Scritto da: No alla pirateria
    > La pirateria è un furto che va combattuto con
    > durezza!

    Potresti citarmi l'articolo di legge che dichiara che la pirateria sarebbe furto?

    Altrimenti dico che firmarsi con il nick "No alla pirateria" è omicidio e va punito con l'ergastolo... se ti inventi le leggi, lo faccio anche io.
    non+autenticato
  • Certo certo adesso la pirateria è legale dovrei ridere giusto?

    - Scritto da: uno qualsiasi
    > - Scritto da: No alla pirateria
    > > La pirateria è un furto che va combattuto con
    > > durezza!
    >
    > Potresti citarmi l'articolo di legge che dichiara
    > che la pirateria sarebbe
    > furto?
    >
    > Altrimenti dico che firmarsi con il nick "No alla
    > pirateria" è omicidio e va punito con
    > l'ergastolo... se ti inventi le leggi, lo faccio
    > anche
    > io.
    non+autenticato
  • Non hai risposto: perchè dovrebbe essere illegale?

    Comincio a pensare che tu sia un po' tardo.
    non+autenticato
  • Tua madre tira
    - Scritto da: No alla pirateria
    > Certo certo adesso la pirateria è legale dovrei
    > ridere
    > giusto?
    >
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > - Scritto da: No alla pirateria
    > > > La pirateria è un furto che va combattuto
    > con
    > > > durezza!
    > >
    > > Potresti citarmi l'articolo di legge che
    > dichiara
    > > che la pirateria sarebbe
    > > furto?
    > >
    > > Altrimenti dico che firmarsi con il nick "No
    > alla
    > > pirateria" è omicidio e va punito con
    > > l'ergastolo... se ti inventi le leggi, lo faccio
    > > anche
    > > io.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tua madre respira
    > Tua madre tira
    > - Scritto da: No alla pirateria
    > > Certo certo adesso la pirateria è legale dovrei
    > > ridere
    > > giusto?
    > >
    > > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > > - Scritto da: No alla pirateria
    > > > > La pirateria è un furto che va combattuto
    > > con
    > > > > durezza!
    > > >
    > > > Potresti citarmi l'articolo di legge che
    > > dichiara
    > > > che la pirateria sarebbe
    > > > furto?
    > > >
    > > > Altrimenti dico che firmarsi con il nick "No
    > > alla
    > > > pirateria" è omicidio e va punito con
    > > > l'ergastolo... se ti inventi le leggi, lo
    > faccio
    > > > anche
    > > > io.

    Tu infatti inventi, le leggi esistono, puoi anche non chiamarlo furto, chiamarlo come vuoi anche regalo, ma sempre un reato penale rimane, immettere un'opera protetta in una rete telematica. Che ti piaccia o no, il problema da te sollevato é stato chiarito anni fa e l'hanno capito anche i più tenaci.
    non+autenticato
  • Buona notte.
    Sgabbio
    26178
  • contenuto non disponibile
  • > Tu infatti inventi, le leggi esistono

    Ok: citami una legge che vieti il download, allora.
    non+autenticato
  • La Corte si deve essere chiesta chi glielo faceva fare a Fung di tenere in piedi il sito IsoHunt se non ci avesse guadagnato sopra ? La domanda successiva e' : in che modo Fung ci guadagnava ? Gia',perche' nessuno tiene in piedi un sito se e' ad alto rischio. Chi vuole pagare multe salate ? Chi vuole andare in galera ? Ma ritorniamo alla domanda chiave : in che modo Fung ci guadagnava ? Probabilmente non c'e' un nesso diretto tra gli introiti che Fung ricava dal sito e i torrents,ma esiste a livello indiretto. Gia' per il solo fatto che il suo sito ospita gli indici ma non il materiale pirata,e' una prova sufficiente che il sito guadagna grazie agli indici. Siamo d'accordo sul fatto che Fung non sia immischiato nella compra-vendita di materiale pirata illecito,ma gli indici da soli gli procurano degli introiti perche' sono il mezzo principale con il quale il suo sito ottiene le visite da parte dell'utenza. Ripeto : se non c'era questo nesso indiretto,non ci sarebbe stato nemmeno IsoHunt. L'accusa di complicita' tiene. Fung avrebbe potuto chiudere tempo fa' e non avrebbe dovuto immischiarsi per niente in un attivita' che era collegata indirettamente con il materiale pirata. Invece l'ha fatto e ha insistito nel voler perseguire i suoi intenti. Per quanto riguarda Google il discorso e' diverso,perche' questo e' un motore di ricerca generalista,non e' specializzato solo sui links che portano a materiale illecito. Lo si vede da come e' strutturato il sito. Lo si vede dalle attivita' di cui google si occupa,che sono le piu' variegate. Lo si vede dagli accordi che google ha stipulato con le aziende del mondo dell'hi-tech,dagli accordi commerciali che ha stipulato,che la mettono al riparo da ritorsioni,perche' non ci guadagna solo google,ma anche gli altri...
    non+autenticato
  • precisazione ulteriore :

    gli indici puntano *esclusivamente* al materiale pirata,quindi sono essi stessi materiale pirata. Se puntassero anche verso un altro tipo di materiale il discorso sarebbe diverso...non esistono torrents di materiale legale,perche' e' complicatuccio creare un torrents,per cui la gente non usa questo metodo per scambiarsi materiale legale,ne usa altri...
    non+autenticato
  • > non
    > esistono torrents di materiale legale

    Praticamente tutte le distro linux hanno i loro torrent, ed anche tutti i film in creative commons.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mario mario
    > precisazione ulteriore :
    >
    > gli indici puntano *esclusivamente* al materiale
    > pirata,quindi sono essi stessi materiale pirata.
    > Se puntassero anche verso un altro tipo di
    > materiale il discorso sarebbe diverso...non
    > esistono torrents di materiale legale,perche' e'
    > complicatuccio creare un torrents,per cui la
    > gente non usa questo metodo per scambiarsi
    > materiale legale,ne usa
    > altri...

    No esistono, infatti hanno detto che il 90% erano torrent per scaricare materiale pirata. Quindi gli altri 10% erano ok.
    Comunque sono processi inutili. E' la natura di Internet che rende impossibile fermare la pirateria. Quindi o si snatura Internet o si legalizzano certi fenomeni.
    Io sono per snaturare Internet.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mario mario
    > precisazione ulteriore :
    >
    > gli indici puntano *esclusivamente* al materiale
    > pirata,quindi sono essi stessi materiale pirata.
    ma quali precisazioni? torna a videotecheforum che fai piu bella figuraCon la lingua fuori
    Tra i "criminogeni" torrent che menzioni c'e' anche tutto il materiale di archive.org. Sai cos'e' archive.org, si?
    non+autenticato
  • Se un motore di ricerca mostra dei link a contenuti illegali è giusto che paghi una salatissima multa per ogni link, così ci penseranno due volte la prossima volta. Se la loro attività chiude perché non possono pagare le multe è solo un problema loro: la pirateria va sempre e comunque fermata, costi quel che costi! Indiavolato
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: Risposta al commento
    > Se un motore di ricerca mostra dei link a
    > contenuti illegali è giusto che paghi una
    > salatissima multa per ogni link, così ci
    > penseranno due volte la prossima volta. Se la
    > loro attività chiude perché non possono pagare le
    > multe è solo un problema loro: la pirateria va
    > sempre e comunque fermata, costi quel che costi!
    >Indiavolato

    Bravo, quoto !
    Chiudiamo Bing.com e Azure !!!
    krane
    22544
  • - Scritto da: Risposta al commento
    > Se un motore di ricerca mostra dei link a
    > contenuti illegali è giusto che paghi una
    > salatissima multa per ogni link, così ci
    > penseranno due volte la prossima volta. Se la
    > loro attività chiude perché non possono pagare le
    > multe è solo un problema loro: la pirateria va
    > sempre e comunque fermata, costi quel che costi!
    >Indiavolato

    Ciao SIAE. Troll
    non+autenticato
  • - Scritto da: Risposta al commento
    > sempre e comunque fermata, costi quel che costi!
    Giusto chiudiamo tutte le videoteche!!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Risposta al commento
    > Se un motore di ricerca mostra dei link a
    > contenuti illegali è giusto che paghi una
    > salatissima multa per ogni link, così ci
    > penseranno due volte la prossima volta. Se la
    > loro attività chiude perché non possono pagare le
    > multe è solo un problema loro: la pirateria va
    > sempre e comunque fermata, costi quel che costi!
    >Indiavolato

    ...e i file .torrent si trovano meglio su un noto motore di ricerca che su TPB.
    Da non crederci eh?

    GT
  • Giusto dare un potente segnale contro questi pirati, scoraggiando queste piattaforme illegali. Chiunque neghi questa sacrosanta verità andrebbe picchiato severamente sulla capoccia.
    non+autenticato
  • Oggi manca il Arrabbiato.
    Forse la SIAE è più rilassata?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > Oggi manca il Arrabbiato.
    > Forse la SIAE è più rilassata?

    Oggi gli hanno fatto l'iniezione settimanale in psichiatria... Sorpresa
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > Oggi manca il Arrabbiato.
    > Forse la SIAE è più rilassata?

    No. E' un mistificatore.
    Non e' la vera SIAE.
    Lo si capisce dal corretto uso del congiuntivo.
  • - Scritto da: Leguleio
    > Oggi manca il Arrabbiato.
    > Forse la SIAE è più rilassata?

    O moribonda ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: La SIAE
    > Giusto dare un potente segnale contro questi
    > pirati, scoraggiando queste piattaforme
    > illegali. Chiunque neghi questa sacrosanta verità
    > andrebbe picchiato severamente sulla
    > capoccia.

    Questo è il vero motto della SIAE! A bocca aperta

    Clicca per vedere le dimensioni originali
  • - Scritto da: thebecker

    > Questo è il vero motto della SIAE! A bocca aperta
    >
    > [img]http://4.bp.blogspot.com/_BKYb9V78XsI/TTBVkYf


    Bella ma tristemente veritiera.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)