Mauro Vecchio

USA, Baidu in salvo dagli attivisti

Un giudice di Manhattan ha respinto le accuse presentate da un gruppo di cittadini contro il motore di ricerca e lo stesso governo cinese. Questione di documentazioni e sovranitÓ nazionale

Roma - Come ampiamente previsto dagli esperti di diritto internazionale, il giudice newyorchese Jesse Furman ha respinto le accuse presentate da un gruppo di attivisti locali contro il motore di ricerca cinese Baidu, denunciato - insieme allo stesso governo di Pechino - per aver oscurato numerosi contenuti digitali in evidente violazione del Primo Emendamento nella Costituzione statunitense.

Nella decisione di una corte distrettuale di Manhattan, i sei attivisti residenti non sarebbero riusciti a presentare una documentazione sufficiente per incriminare Baidu e le stesse autorità in terra asiatica. Il governo di Pechino avrebbe invocato i principi sanciti dalla Convenzione de L'Aia in merito al testo di una denuncia presentata a New York contro un'intera nazione estera.

Il giudice Furman ha dunque sottolineato come le pretese degli attivisti residenti nella Grande Mela risultino in violazione degli accordi internazionali, minacciando la sovranità di uno stato estero. Scrittori e video-maker, i sei cittadini newyorchesi avranno un mese di tempo per presentare documenti più convincenti che dimostrino un effettivo coinvolgimento del governo cinese nella censura dei contenuti online su Baidu.
Nelle accuse presentate dai querelanti nel maggio 2011, Baidu avrebbe agito da rinforzo rispetto alle regole di polizia imposte da Pechino e volte all'oscuramento di contenuti attinenti a questioni come i fatti di Piazza Tiananmen del 1989. Il gruppo di attivisti per la democrazia aveva chiesto un risarcimento pari a 16 milioni di dollari dopo i filtri attivati sul popolare motore di ricerca asiatico.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàBaidu, in manette gli spazzini del searchTre dipendenti del popolare motore di ricerca cinese sono stati arrestati per aver eliminato certi risultati sotto commissione. La societÓ si scusa e annuncia controlli pi¨ severi
  • AttualitàCina, censura o rivoluzione?I grandi protagonisti del web asiatico pronti a combattere i contenuti dannosi per il popolo. Accordi in corso con il governo di Pechino. Mentre il leader di Wikipedia Jimbo Wales prevede una nuova primavera in salsa cantonese
4 Commenti alla Notizia USA, Baidu in salvo dagli attivisti
Ordina
  • "They said Baidu and China violated the First Amendment to the U.S.
    Constitution"

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Da occidentale ingenuo, mi sono sempre chiesto a cosa servano i campi di rieducazione esistenti in Paesi comunisti come la Cina, la Corea del Nord, un tempo, credo, anche nell'Urss. Se uno è delinquente, ed è già adulto, non lo rieduchi più. Se ha idee diverse sulla politica nazionale, idem. Game over.

    Poi leggo di cause del genere da parte di cittadini di Nuova York e di risarcimenti a nove zeri, e dico: a loro sì, un campo di rieducazione farebbe mooooolto bene. Capirebbero perlomeno il valore del tempo altrui.
    Per ogni minuto impiegato dalle autorità giudiziarie per leggere e studiare la loro denuncia, un anno di campo di rieducazione. Arrabbiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio

    > Per ogni minuto impiegato dalle autorità
    > giudiziarie per leggere e studiare la loro
    > denuncia, un anno di campo di rieducazione.
    >Arrabbiato

    Ahahahhahaha!!! "i SEI cittadini newyorchesi..." Ma devono proprio usare Baidu???
  • - Scritto da: Leguleio
    > Da occidentale ingenuo, mi sono sempre chiesto a
    > cosa servano i campi di rieducazione esistenti in
    > Paesi comunisti come la Cina, la Corea del Nord,
    > un tempo, credo, anche nell'Urss. Se uno è
    > delinquente, ed è già adulto, non lo rieduchi
    > più. Se ha idee diverse sulla politica nazionale,
    > idem. Game
    > over
    .
    >
    > Poi leggo di cause del genere da parte di
    > cittadini di Nuova York e di risarcimenti a nove
    > zeri, e dico: a loro sì, un campo di rieducazione
    > farebbe mooooolto bene. Capirebbero perlomeno il
    > valore del tempo altrui.
    >
    > Per ogni minuto impiegato dalle autorità
    > giudiziarie per leggere e studiare la loro
    > denuncia, un anno di campo di rieducazione.
    >Arrabbiato
    qui se c'e' uno che deve essere rieducato, sei tuSorride

    Cmq... causa giusta argomenti (parzialmente) errati. Inutile (anzi dannoso) tirar dentro il governo di pechino. Formalmente baidu e' una societa' privata... ed e' quella da legnare (che sia eterodiretta dal governo "non importa").
    Argomenti interessanti da usare in tribunale erano che
    a)baidu e' quotata al nasdaq = usa
    b)baidu e' nel Special 301 Report dei signori del copyright... come isohunt, tpb ecc
    non+autenticato