Alfonso Maruccia

Aereo, la ritrasmissione legale

La start-up nordamericana specializzata nello streaming telematico della programmazione televisiva terrestre in chiaro la spunta sui grandi gruppi del settore. E cerca partnership per crescere, dentro e fuori la Grande Mela

Roma - Si era messa contro il potente business delle televisioni statunitensi, eppure la piccola start-up Aereo è uscita vittoriosa dallo scontro legale strappando una sentenza favorevole anche in secondo grado. Il servizio di streaming televisivo offerto dalla società è salvo - almeno per il momento.

Aereo offre ai suoi utenti la possibilità di "affittare" una microantenna televisiva fra le migliaia presenti nel suo magazzino di New York, permettendo poi ai clienti di ricevere la programmazione in chiaro tramite Internet su PC, Mac e anche gadget mobile tramite apposita app.

Supportato dal miliardario magnate dei media Barry Diller, il business di Aereo è naturalmente finito quasi subito nel mirino dei grandi broadcaster USA che hanno denunciato la società tacciandola di trasmissioni pirata: Aereo è un servizio di broadcasting pubblico senza autorizzazione, avevano accusato i legali di 17 stazioni TV.
Ma la peculiare natura "distribuita" e limitata del sistema Aereo ha permesso che i giudici sentenziassero in suo favore: la società non ha bisogno di possedere licenze perché l'affitto delle micro-antenne per ogni singolo utente non la qualifica come broadcaster, ha stabilito il primo verdetto, e ora la corte di appello di New York ha riaffermato a maggioranza la validità di tale decisione.

Per il momento Aereo è salva, anche se le stazioni televisive dicono di essere convinte del fatto che alla fine prevarranno. In attesa di una nuova puntata delle querelle legale, la società pianifica di estendere il proprio servizio di streaming televisivo in altre 20 città al di fuori di New York e di stringere partnership con gruppi televisivi, provider di telefonia e broadcaster satellitari.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàCNET, va in onda la (nuova) censuraEnnesimo caso di conflitto di interessi fra il sito di informazione e il broadcaster che ne detiene la proprietà, con la notizia su un nuovo servizio di streaming telematico che finisce sotto i riflettori
9 Commenti alla Notizia Aereo, la ritrasmissione legale
Ordina
  • Ogni sentenza che tagli le unghie ai monopoli è benvenuta.
    Da noi urge eliminare la RAI e il suo inaccettabile canone. E' del tutto ingiustificato, perché fa concorrenza sleale a tutte le TV e certo non trasmette nulla di meglio delle altre
    Dio fatto paghiamo il canone solo per mantenere una pletora di giornalisti e dipendenti con la tessera dei partiti: una vergogna.
  • - Scritto da: massimo1940
    > Ogni sentenza che tagli le unghie ai monopoli è
    > benvenuta.
    > Da noi urge eliminare la RAI e il suo
    > inaccettabile canone. E' del tutto
    > ingiustificato, perché fa concorrenza sleale a
    > tutte le TV e certo non trasmette nulla di meglio
    > delle
    > altre
    > Dio fatto paghiamo il canone solo per mantenere
    > una pletora di giornalisti e dipendenti con la
    > tessera dei partiti: una
    > vergogna.
    quali "tutte le TV"? in italia, oltre la rai, esiste UN SOLO altro network televisivo (che fa dallo spillo all elefante).
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: massimo1940
    > > Ogni sentenza che tagli le unghie ai monopoli è
    > > benvenuta.
    > > Da noi urge eliminare la RAI e il suo
    > > inaccettabile canone. E' del tutto
    > > ingiustificato, perché fa concorrenza sleale a
    > > tutte le TV e certo non trasmette nulla di
    > meglio
    > > delle
    > > altre
    > > Dio fatto paghiamo il canone solo per mantenere
    > > una pletora di giornalisti e dipendenti con la
    > > tessera dei partiti: una
    > > vergogna.
    > quali "tutte le TV"? in italia, oltre la rai,
    > esiste UN SOLO altro network televisivo (che fa
    > dallo spillo all
    > elefante).

    Io conosco altri network televisi..... EUROPA7... Italia TV....
    e tanto per fare un esempio, Publishare, ha acquistato i diritti TV
    per la trasmissione delle partite della Liga Spagnola, non acquistati
    da Sky.....

    Per cui il mondo della TV, non è solo RAI e MEDIASET, come tu vuoi far credere.

    La tassa del canone, va abolita.... perchè se un piccolo circuito di TV
    locali, può acquistare le partite della Liga, non vedo perchè bisogna
    regalare i nostri soldi alla RAI.
    non+autenticato
  • Ben detto !!!
  • - Scritto da: Struppolo
    > - Scritto da: bubba
    > > - Scritto da: massimo1940
    > > > Ogni sentenza che tagli le unghie ai monopoli
    > è
    > > > benvenuta.
    > > > Da noi urge eliminare la RAI e il suo
    > > > inaccettabile canone. E' del tutto
    > > > ingiustificato, perché fa concorrenza sleale a
    > > > tutte le TV e certo non trasmette nulla di
    > > meglio
    > > > delle
    > > > altre
    > > > Dio fatto paghiamo il canone solo per
    > mantenere
    > > > una pletora di giornalisti e dipendenti con la
    > > > tessera dei partiti: una
    > > > vergogna.
    > > quali "tutte le TV"? in italia, oltre la rai,
    > > esiste UN SOLO altro network televisivo (che fa
    > > dallo spillo all
    > > elefante).
    >
    > Io conosco altri network televisi..... EUROPA7...
    > Italia
    > TV....
    parlavo di network veri. Quelli che pesano ,sfortunatamente, sono solo 2.

    > locali, può acquistare le partite della Liga, non
    > vedo perchè
    > bisogna
    > regalare i nostri soldi alla RAI.
    sfortunatamente credo che se venisse venduta la RAI, il network diventerebbe UNO solo. Tutto li'... cio non significa che non bisognerebbe migliorare molte cose... tutt'altro.. anzi il sistema radiotelevisivo e' talmente marcio che solo un Duce potrebbe militarmente ripristinare una certa equita', in barba alle sentenze farlocche (solo per citare i classici... 'europa7' e 'decoder unico')
    non+autenticato
  • Forse la tua antenna non prende bene.
    Io vedo abitualmente una decina di canali televisivi, oltre a RAI, che non guardo quasi mai e a Mediaset, di cui guardo i film.
    Tutti questi mi danno film gratis (e qualche volta qualche telefilm decente) e NON MI FANNO PAGARE NESSUN CANONE.
    Ovviamente non guardo i giochi cretini che RAI e Mediaset trasmettono in prima serata: mi domando a quale livello di depravazione è la gente che li trova interessanti.
  • cosa vuol dire essere ricchi.... roba da mat... un super-mogul dei Media (fox,paramount,ecc) ,ovviamente miliardario, ma un po anziano e un po estromesso dai Grandi Giochi, si lamenta dell'oligopolio dei media... e je fa la guerra con lo streaming.
    Ovviamente lo avessi fatto io, avrei i ceppi mani e piedi... il Nonno Ricco pero' pare averla spuntata... hihiih.. e' tutta da ridere! Vedremo quanti altri raccoglieranno lo scettro...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > cosa vuol dire essere ricchi.... roba da mat...
    > un super-mogul dei Media (fox,paramount,ecc)
    > ,ovviamente miliardario, ma un po anziano e un po
    > estromesso dai Grandi Giochi, si lamenta
    > dell'oligopolio dei media... e je fa la guerra
    > con lo
    > streaming.
    > Ovviamente lo avessi fatto io, avrei i ceppi mani
    > e piedi... il Nonno Ricco pero' pare averla
    > spuntata... hihiih.. e' tutta da ridere! Vedremo
    > quanti altri raccoglieranno lo
    > scettro...

    Abbi pazienza, se io fossi ricco farei altrettanto, e non per soldi, visto che per natura sono un idealista, ma per il piacere di fornire un servizio di cui molti sentono il bisogno (ritrasmissione fuori orario e copertura in zone non raggiunte dal segnale radio, magari con scrematura della pubblicità).

    Non capisco perchè la cosa ti dia così fastidio, e sopratutto non capisco il fatto che possa essere considerata illegale, indipendentemente da eventuali leggine e cavilli vari a disposizione dei potenti prepotenti (e "ricchi", qui si che è il caso di definirli tali con fastidio).
    non+autenticato
  • - Scritto da: rockroll
    > - Scritto da: bubba
    > > cosa vuol dire essere ricchi.... roba da mat...
    > > un super-mogul dei Media (fox,paramount,ecc)
    > > ,ovviamente miliardario, ma un po anziano e un
    > po
    > > estromesso dai Grandi Giochi, si lamenta
    > > dell'oligopolio dei media... e je fa la guerra
    > > con lo
    > > streaming.
    > > Ovviamente lo avessi fatto io, avrei i ceppi
    > mani
    > > e piedi... il Nonno Ricco pero' pare averla
    > > spuntata... hihiih.. e' tutta da ridere! Vedremo
    > > quanti altri raccoglieranno lo
    > > scettro...
    >
    > Abbi pazienza, se io fossi ricco farei
    > altrettanto, e non per soldi, visto che per
    > natura sono un idealista, ma per il piacere di
    > fornire un servizio di cui molti sentono il
    > bisogno (ritrasmissione fuori orario e copertura
    > in zone non raggiunte dal segnale radio, magari
    > con scrematura della pubblicità).
    >
    >
    > Non capisco perchè la cosa ti dia così fastidio,
    > e sopratutto non capisco il fatto che possa
    > essere considerata illegale, indipendentemente da
    > eventuali leggine e cavilli vari a disposizione
    > dei potenti prepotenti (e "ricchi", qui si che è
    > il caso di definirli tali con
    > fastidio).
    Beh e' semplice no...
    A)non e' assssolutamente un operazione idealistica... O lo e' al pari di regalare licenze windows8 al kenya e tanzania, ecco.
    B)non e' certo fatta da un filantropo o da un ricco proprietario terriero (per dire una roba "aliena") ma da uno che le Major le ha create
    C)lo facessi io, mi metterebbero i ceppi. Ma il $$ e le conoscenze fanno la differenza... trovavo amaro cio'.. e contemporaneamente ironico che uno cosi diventasse apparentemente "controsistema".. (i corsi e ricorsi ci sono sempre... basta vedere com'e' nata Hollywood ..)
    non+autenticato