Gaia Bottà

Sei secondi sono troppi per Prince

La sua etichetta chiede la rimozione di un pugno di frammenti postati su Vine, la piattaforma per la condivisione di microvideo di Twitter. Sono attimi di un'esibizione durata ore

Roma - Otto brandelli di registrazioni dalla durata massima di sei secondi l'una. Tutti rimossi su richiesta di NPG Records, l'etichetta di proprietà dell'artista che ora si identifica con il nome di Prince.

Vine, il servizio di condivisione di microvideo di Twitter lanciato nel mese di gennaio, è alle prese con le prime richieste di rimozione di contenuti in violazione del diritto d'autore, inoltrate dai detentori dei diritti sulla base del DMCA statunitense. E, proprio fra le prime richieste accolte, c'è quella avanzata dalla casa discografica di Prince.

Sulla base della policy per la trasparenza stabilita da Twitter, la richiesta vergata dagli avvocati è disponibile attraverso chillingeffects.org. Si denuncia la presenza di "registrazioni e sincronizzazioni non autorizzate", condivise in violazione della legge, si elencano otto link che corrispondono ai frammenti video incriminati, ora rimossi come avviene secondo le regole di Twitter.
C'è ora chi si interroga sul contenuto dei video ricordando l'epopea legale dell'Artista condotta contro Stephanie Lenz, madre di un marmocchio ipnotizzato dalle note di Let's Go Crazy, brano percepibile ai soli orecchi più allenati in un video postato su YouTube dalla donna, o evocando l'attrito creatosi fra Prince e i Radiohead per una sua cover di Creep, voluta fuori da YouTube nonostante non detenesse i diritti sul brano, ma solo su quella particolare interpretazione.

I video non più disponibili a mezzo Vine sono però rimasti imbrigliati nella cache di Google. Ed è semplice verificare che sono attimi catturati dalla stessa persona, lo conferma tale ZackTeibloom su Twitter. Non sono che una percentuale infinitesimale dell'infinito concerto tenuto presso il festival South by Southwest di Austin, Texas, da un artista orgogliosamente noto per essere analogico.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, il ritorno del bimbo del fair useEFF all'attacco di Universal Music, che dovrebbe pagare i danni per la rimozione del video con il pargolo che balla sulla canzone di Prince. Il giudice non è però convinto
  • Digital LifePrince: la pirateria come un furto d'autoThe Artist torna a parlare di pirateria: non tornerà a registrare fino a quando la questione legata al diritto d'autore non sarà risolta. La musica digitale? Siamo esseri analogici
  • AttualitàPrince e la fine di InternetDuro sfogo di The Artist contro piattaforme come iTunes. Bisognerebbe trovare nuovi modi di distribuire musica. E i computer non fanno bene, riempiono la testa di numeri. Intanto i suoi album ufficiali sono 27
  • AttualitàPiove, inondazioni viola in reteL'artista più vanesio della scena musicale internazionale ne fa un'altra delle sue, e spazza via le immagini scattate dai fan disponibili su Internet. E i fan si organizzano: lo fermeremo
  • AttualitàPrince muove guerra contro Pirate BayIl musicista prosegue la sua crociata contro Internet. Dopo i fan, tocca questa volta al celebre portale svedese a rischiare la condanna in tribunale. O almeno così spera The Artist. E AllofMp3 ritorna, con tanto di film
39 Commenti alla Notizia Sei secondi sono troppi per Prince
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)