Alfonso Maruccia

Intel evolve Thunderbolt

Il chipmaker prepara la prossima revisione della sua tecnologia di interconnessione globale. Promettendo retrocompatibilitÓ e velocitÓ aumentata. Resta fin qui lo scarso entusiasmo del mercato

Roma - Intel è al lavoro su "Falcon Ridge", nome in codice della prossima versione dell'interfaccia di interconnessione Thunderbolt. Quelle che sin qui erano solo indiscrezioni diventano informazioni ufficiali con la presentazione tenuta dal chipmaker in occasione dello show National Association of Broadcasters (NAB).

In arrivo per il 2014, la nuova Thunderbolt porterà in dote soprattutto il raddoppio della banda passante disponibile per il trasferimento di dati in formato digitale, arrivando così a 20Gbps rispetto ai 10 gigabit al secondo garantiti dall'attuale revisione.

Falcon Ridge sarà retrocompatibile con i dispositivi Thunderbolt già in commercio, comunica Intel, è apparentemente avrà talmente tanta capacità da poter trasferire (in multitasking) un flusso video in definizione UltraHD/4K in contemporanea alla copia di file.
Prima di Falcon Ridge, a ogni modo, Thunderbolt passerà attraverso una evoluzione di minore portata con la revisione Redwood Ridge: il controller debutterà con le CPU "Haswell" in arrivo entro quest'anno, manterrà la stessa banda passante massima di 10Gbps consumando meno energia e verrà integrato direttamente all'interno del Northbridge ma solo per i chipset di fascia alta - almeno inizialmente.

Basteranno le novità in cantiere a salvare Thunderbolt dallo stesso destino che ha vista l'interfaccia Firewire capitolare di fronte al meno performante ma più economico e diffuso standard USB? Al momento gli analisti parlano apertamente di strategia sbagliata da parte di Intel con cavi di interconnessione "attivi" (e per questo più costosi di quelli per periferiche USB 3.0) e di mancata comunicazione dei dettagli dell'interfaccia ai partner.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
3 Commenti alla Notizia Intel evolve Thunderbolt
Ordina
  • Vada per le performance dei 20Gb ma quali sono ad oggi le periferiche che usano Thunderbolt ? a malapena oggi si sta diffondendo l'USB3,la maggior parte delle periferiche sono ancora USB2. Poi non era meglio qualcosa di più semplice tipo rete Gigabit ? Eh no altrimenti Intel non poteva lucrarci così tanto in futuro...
    non+autenticato
  • Intel è riuscita negli anni a diventare quasi monopolista per le cpu, ha tentato lo stesso con motherboard, schede viseo, slot di comunicazione, e infine anche cavi.
    Per fortuna nostra non è mai riuscita completamente nei suoi intenti, altrimenti eravamo ancora al pallottoliere elettronico, al modico prezzo di 2.000 euro...
    I cavi di comunicazione (passivi) già esistono, e sono i cavi di rete in cat. 7A, con velocità di 10 Gbit/s su tratte di 100 metri (o 90 metri, se considerati come permanent link).
    Su tratte di 5 metri si possono allegramente superare i 40 Gbit/s.
    Con queste premesse è possibile realizzare un economico cavo "sottodimensionato" (per motivi di flessibilità) che propaghi il segnale a "solo" 10 o 20 Gbit/s e che sfrutti un connettore appiattito che non darebbe problemi significativi di intermodulazione, viste le corte distanze.
    Una sorta di ipnosi collettiva indotta dalle aziende/comitati interessati, impedisce però di vedere l'ovvio...
    non+autenticato
  • Hai ragione, ma la risposta ai tuoi crucci è già contenuta nell'articolo.

    Thunderbolt non decolla perché è proprietario, perché è costoso. Il mercato si influenza, ma non si controlla.

    La storia dell'informatica è costellata di belle tecnologie che hanno fallito la prova del mercato e si sono estinte.
    non+autenticato