Hollywood: smettetela, pirati!

Le major scoprono che nel 2010 potrebbero introitare 1,3 miliardi di dollari vendendo film via internet. Ma, se non muore, il P2P eroderÓ moltissimi ricavi

Roma - C'Ŕ un mercato lÓ fuori, anzi qui dentro, su internet, e le major di Hollywood lo sanno, tanto che da qualche tempo hanno iniziato a fare i conti. Nel 2010, infatti, ritengono di poter incassare fino a 1,3 miliardi di dollari l'anno per la distribuzione cinematografica via internet. Una somma che per˛ scende a 800 milioni di dollari se viene preso in considerazione il vorticoso giro di film che giÓ oggi anima il peer-to-peer.

A mettere queste cifre sul piatto delle riflessioni degli studios Ŕ l'Informa Media Group britannico, societÓ di rilevazione secondo cui nonostante la diffusione relativamente contenuta della banda larga, giÓ oggi ogni giorno gli utenti internet scambiano tra di loro attraverso i network di scambio la bellezza di 144mila film.

Lo sviluppo del broad band, che corre parallelo allo sviluppo del peer-to-peer e del porno, Ŕ dunque la chiave che consentirebbe ad Hollywood e ai produttori internazionali di proporsi nei prossimi anni in modo nuovo al pubblico mondiale. Ma come ha fatto i conti Informa Media Group?
A quanto pare gli esperti si sono chiesti cosa accadrebbe se metÓ dei 144mila download odierni fossero a pagamento, diciamo con una media di prezzo per ogni utente che scarica di 3,5 dollari americani a film. Uno scenario secondo cui gli studios giÓ oggi perderebbero 92 milioni di dollari. Ma rimane da vedere se, a fronte di un pagamento del genere, gli utenti che oggi scaricano film farebbero lo stesso. Una questione che non sembra essere stata esplicitamente affrontata dalla societÓ di rilevazione.

Forse anche per questo l'osservatorio ritiene che nel 2010 il mercato cinematografico al di lÓ delle sale sarÓ ancora dominato da DVD e video che porteranno almeno 2,62 miliardi di dollari nelle tasche delle major del cinema.
18 Commenti alla Notizia Hollywood: smettetela, pirati!
Ordina
  • se e solo se:

    1. fosse un FILE VERO, non uno stream farlocco
    2. non ci fossero limiti al numero di volte che lo posso vedere
    3. non ci fossero limiti al numero di copie che ne posso fare
    4. il film fosse in un formato standard e HQ (diciamo 640x480 con audio 5.1 e bitrate >512kbps)

    Con questi presupposti la cosa potrebbe anche esistere (con molte riserve), ma credo che la maggior parte degli utenti, che certo non sono maghi della configurazione software e quindi non sono capaci di installare ed usare una roba come eMule, sarebbero d'accordo.

    Tutto ciò, ovviamente, IMHOSorride

  • - Scritto da: aureliano
    > se e solo se:
    >
    > 1. fosse un FILE VERO, non uno stream
    > farlocco
    > 2. non ci fossero limiti al numero di volte
    > che lo posso vedere
    > 3. non ci fossero limiti al numero di copie
    > che ne posso fare
    > 4. il film fosse in un formato standard e HQ
    > (diciamo 640x480 con audio 5.1 e bitrate
    > >512kbps)
    >
    > Con questi presupposti la cosa potrebbe
    > anche esistere (con molte riserve), ma credo
    > che la maggior parte degli utenti, che certo
    > non sono maghi della configurazione software
    > e quindi non sono capaci di installare ed
    > usare una roba come eMule, sarebbero
    > d'accordo.
    >
    > Tutto ciò, ovviamente, IMHOSorride
    Non e' accettabile per nulla! per un fatto ovvio.
    La distribuzione di content digitali (a differenza degli altri processi distributivi e industriali) non ha costi o valori "aggiunti" rispetto al content stesso ed e' quindi pura rendita parassitaria (non produce e non fa circolare "nuova" ricchezza si limita a "catturare" soldi togliendoli dal circuito "consumer" e a tuffarli nelle capienti tasche di qualche monopolista) questo modello di business e' inaccettabile non solo da un punto di vista "etico" ma anche da un punto di vista "capitalista"...
    Qualcuno farebbe bene a rileggere "la ricchezza delle nazioni" ... (che non e' certo "il capitale" di Karl Marx)...

    I veri "pirati" sono quelli che pensano ad una economia non "di mercato" ma di rapina (non e' certo la stessa cosa).!
    non+autenticato
  • Forse solo l'1% di quelli che scaricano pagherebbe, è vero... ma dobbiamo riconoscere che 3,5$ a film sono veramente equi per non dire addirittura pochi!
    Rendiamoci conto che una VHS costa 20-25 euro e un DVD 25-30!
    Adesso si sono anche inventati i film in due metà, come matrix 2, il signore degli anelli (3 parti), ecc... te lo spezzano in parti così ti paghi per intero ognuno dei DVD che lo compongono e quindi in pratica per averlo tutto lo paghi n volte.

    A me 3.5$ a film andrebbe benone!
    Naturalmente se poi di quel film potessi farmi legalmente le mie 80 copie di sicurezza sul supporto che voglio (supporto senza costi aggiunti dalla siae, ovviamente), guardarlo con il PC che voglio, con il sistema operativo che voglio, ecc...

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > riconoscere che 3,5$ a film sono veramente
    > equi per non dire addirittura pochi!
    > Rendiamoci conto che una VHS costa 20-25
    > euro e un DVD 25-30!

    Sì ma non far l'errore di credere che con quei soldi ti fanno scaricare una copia e finisce lì...
    Prima di tutto la qualità di un film compresso (dubito che ti proporranno di scaricare files del peso di n giga come da contenuto dvd) non raggiunge quella di un dvd.
    Inoltre, speri davvero che la copia scaricata per 3 dollarucci e mezzo non "scada" dopo pochi giorni?
    Ricordati che stai parlando di avvoltoi succhiasangue, non di esseri umaniSorride
    non+autenticato

  • > Prima di tutto la qualità di un film
    > compresso (dubito che ti proporranno di
    > scaricare files del peso di n giga come da
    > contenuto dvd) non raggiunge quella di un
    > dvd.

    E questo dubbio è venuto anche a me.
    Comunque si può ottenere una qualità molto godibile (magari pure con audio 5.1) senza andare oltre le dimensioni di 1-2 cd come il dvix insegna. Sorride
    Naturalmente pensando a 2 cd sto pensando ad un utilizzo futuro... quando la banda larga ci sarà davvero, forse...

    > Inoltre, speri davvero che la copia
    > scaricata per 3 dollarucci e mezzo non
    > "scada" dopo pochi giorni?

    Questo infatti volevo scriverlo alla fine dei "...che voglio" del primo post... ma probabilmente è rmasto sotto la tastiera. Sorride
    ... per tutto il tempo che voglio, ecc...

    > Ricordati che stai parlando di avvoltoi
    > succhiasangue, non di esseri umaniSorride

    Comunque è notevole l'ammissione, de facto, che con 3.5$ a film ritengano di guadagnarci ancora...
    Che se ne fanno quindi dei 30euro ??? Non mi dicano che servono per stampare e trasportare il dvd...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > E questo dubbio è venuto anche a me.
    > Comunque si può ottenere una qualità molto
    > godibile (magari pure con audio 5.1) senza
    > andare oltre le dimensioni di 1-2 cd come il
    > dvix insegna. Sorride
    audio 5.1 su 1 cd la vedo duretta, ma sui 2, lunghezza film permettendo, direi che sono d'accordo

    > Naturalmente pensando a 2 cd sto pensando ad
    > un utilizzo futuro... quando la banda larga
    > ci sarà davvero, forse...
    Su questo non ci pioveSorride

    > Questo infatti volevo scriverlo alla fine
    > dei "...che voglio" del primo post... ma
    > probabilmente è rmasto sotto la tastiera.
    > Sorride
    > ... per tutto il tempo che voglio, ecc...
    immaginavoSorride tuttavia su questo punto rimago scettico (non è che non mi fidi delle major... è solo che non mi fido delle major)A bocca aperta


    > Comunque è notevole l'ammissione, de facto,
    > che con 3.5$ a film ritengano di guadagnarci
    > ancora...
    Che si siano resi conto che tanto ormai lo sanno tutti che sono sempre stati eccessivamente esosi? Mah.... tarda illuminazione? VedremoSorride

    > Che se ne fanno quindi dei 30euro ??? Non
    > mi dicano che servono per stampare e
    > trasportare il dvd...
    Ovviamente diranno che era tutto per rifarsi delle stratosferiche perdite dovute alla pirateria, che domandeA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • > Che se ne fanno quindi dei 30euro ??? Non
    > mi dicano che servono per stampare e
    > trasportare il dvd...

    se mi faranno scaricare un film a quel prezzo per me potranno anche dirlo e prometto che farò finta di crederci Sorride
    non+autenticato
  • Come al solito ...
    ... previsioni grandi invenzioni ...

    magari nel 2010 incassano 2 MLD $ nonostante un P2P galoppante, perchè hanno capito il mercato ... o molto meno perchè non l'hanno capito e lo vogliono solo spennare ...

    una cosa è certa, uno che scarica col P2P un film non è detto che sia disposto a pagarlo, magari lo scarica per la curiosità di conoscere se quel film gli piace o no, poi se gli piace il genere, magari ne compra un altro dai negozi ecc.. ecc..

    sono sempre il CLIENTE e i suoi GUSTI che comandano, non le majors.
    non+autenticato
  • Abbassate i prezzi, così anzichè avere 1 miliardo e rotti di dollari, arrivate ai 800 milioni che avete stimato.

    Se nel 2010 ci sarà un pay per download vantaggiosa da usare (inteso come pagamenti, per ora la carta di credito in Italia ha notevoli svantaggi ed è poco diffusa), io sarò un loro cliente per i (pochi) film che mi interessano.

  • - Scritto da: Locke
    > Abbassate i prezzi, così anzichè avere 1
    > miliardo e rotti di dollari, arrivate ai 800
    > milioni che avete stimato.
    >
    > Se nel 2010 ci sarà un pay per download
    > vantaggiosa da usare (inteso come pagamenti,
    > per ora la carta di credito in Italia ha
    > notevoli svantaggi ed è poco diffusa), io
    > sarò un loro cliente per i (pochi) film che
    > mi interessano.

    C'è la prepagata che fa "finta" di essere una VISA. Chiedi a banca Intesa. Io la uso da anni e me l'hanno rifiutata una sola volta (emette un warning sul nome, perchè è anonima, e ho trovato un sito che non inviava la sua merce se c'era questo warning).
    non+autenticato
  • .....senza l'oste.

    "Quanto guadagneremmo se........ Potremmo incassare ma......."

    I "ma" ed i "se" sono il patrimonio dei bischeri.

    non+autenticato
  • Sono proprio ridicoli!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)