In America la prima megarete IPv6

Il consorzio che l'ha sviluppata e lanciata include nomi del calibro di Cisco Systems, 3Com e AT&T. Si tratta della prima rete nordamericana basata sulla versione 6 dell'IP. Europa più avanti

Roma - L'indispensabile passaggio dall'attuale IPv4 a IPv6, necessario per garantire stabilità ed espandibilità alla rete, ha compiuto un deciso passo avanti ieri con l'annuncio del varo della prima rete nordamericana in standard IPv6. Una notizia di estrema importanza anche perché su questo progetto hanno investito fin qui alcuni dei più grossi nomi del networking a stelle e strisce.

Ci sono infatti aziende come Cisco Systems, 3Com, AT&T, BellSouth ed altre dietro IPv6 Forum, l'entità che ha annunciato il varo della rete basata sulla nuova versione dell'Internet Protocol. Uno degli obiettivi del passaggio a IPv6 è, come noto, l'estensione pressoché ad libitum degli indirizzi di rete disponibili, per superare l'attuale protocollo che oggi limita lo sviluppo del network.

Va detto che in Europa e in Asia l'attenzione verso IPv6 è stata molto maggiore di quanto accaduto negli Stati Uniti e in Canada. Da questa parte dell'Atlantico, infatti, sono molti gli investimenti e le ricerche compiuti in questo ambito un po' ad ogni livello. L'esperienza accumulata in Europa, anche in Italia con il GARR, non ha pari negli USA. Uno dei motivi di tutto ciò è che nell'originale assegnazione degli IP agli Stati Uniti è stato riservato uno spazio IP enormemente più ampio del resto del mondo, cosa che riduce grandemente il problema del passaggio a IPv6 per quel paese.
Moonv6, questo il nome del progetto, ha l'ambizione di trascinare gli sforzi statunitensi verso l'IPv6 operando sia come "sveglia" istituzionale per un paese che non si è tempestivamente messo al lavoro su questo fronte sia come focalizzatore di energie e investimenti per la ricerca e lo sviluppo. Non è un caso che a Moonv6 partecipano anche organizzazioni come la "North American IPv6 Task Force" (NAv6TF), l'"InterOperability Lab" dell'Università del New Hampshire, il "Joint Interoperability Testing Command", "Internet2" e numerose agenzie governative.
TAG: ricerca
58 Commenti alla Notizia In America la prima megarete IPv6
Ordina
  • Chi fra voi utilizza Mozilla? Cosa ne dite?
  • indovinate il sito ?
    www.ipv6.org !!!!
    ma che strano!!
    non+autenticato
  • Premetto, non sono un sistemista, quindi capisco solo a livello generico l'argomento di cui si sta parlando.
    Da quello che ho capito la tecnologia ipv6 consentirà di avere un numero esorbitante di ip pubblici, viene da se che cerescendo l'offerta dovrebbe diminuire il prezzo.
    Ma di contro non avremo tutti un ip pubblico? Ce ne sono abbastanza per dare ad ogni pc nel mondo il suo ip fisso come se fosse un numero di telefono? Per me avere un ip fisso sarebbe un vantaggio sotto alcuni aspetti (posso esporre un sito web sul mio computer di casa senza pagare nulla a nessuno, avendo abbastanza banda in upload si intende Sorride) ma ho anche un ip che mi identifica univocamente, e questo è uno svantaggio dal punto di vista della privacy.
    Quanto tempo secondo voi sarà necessario prima che tutta internet funzioni in base a questa nuova tecnologia?
  • Ciao,

    > Premetto, non sono un sistemista, quindi
    > capisco solo a livello generico l'argomento
    > di cui si sta parlando.
    non sei l'unico .. ma almeno lo ammettiSorride onore a te

    > Da quello che ho capito la tecnologia ipv6
    > consentirà di avere un numero esorbitante di
    > ip pubblici, viene da se che cerescendo
    > l'offerta dovrebbe diminuire il prezzo.
    Sacrosanto, anche se non penso che ad ora "manchino" ip e non so se verrà il giorno in cui accadrà (con ipv4) ma in tale caso potrebbe ritorcersi il discorso.
    Leggi questo post abbastanza esplicativo e "ponderato"
    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=4624...

    > Quanto tempo secondo voi sarà necessario
    > prima che tutta internet funzioni in base a
    > questa nuova tecnologia?
    Credo ci vorrà molto tempo ancora, o come mi disse una sorta di nerd di Sun, magari mai. Ipv6 secondo lui verrà implementato solo "all'interno della rete" essendo molto complesso, oltreche molto oneroso sostituirlo a v4 fino al provider della nostra cara casalinga di voghera.
    Io sposo abbastanza questa teoria, di fatto se non ci saranno necessità "tecnologiche" implementandolo su grandi "provider" o enormi aziende mondiali la penuria di ip verrebbe scongiurata.

    Saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Io sposo abbastanza questa teoria, di fatto
    > se non ci saranno necessità "tecnologiche"
    > implementandolo su grandi "provider" o
    > enormi aziende mondiali la penuria di ip
    > verrebbe scongiurata.

    allora vediamo di scongiurare una volta per tutte questa mancanza di indirizzi IP.
    se è vero che in un certo senso in europa ci stanno pochi
    indirizzamenti in america non è cosi basta pensare che
    quando comprai un rack su un noto NOC(abovenet) mi son
    fatto allocare 1200 ip con una botta sola,questo perche
    da loro ci sta praticamente il 70% delle risorse ip
    il restante 30% se lo pappano l'europa e l'asia.
    quindi se sono fessi gli europei e non contano una sega
    a livello internazionale, non è colpa del protocollo ipv4.
    c'e da dire poi, che
    come tutte le risorse finite, non tutti possono averne accesso
    e quelli che le hanno, difficilmente passeranno all'ipv6
    perche altrimenti il 7-10% di guadagno pulito dovranno
    tirarlo fuori da un'altra parteSorride (sapete non è che ve li regalano gli ip voi li pagate )
    quindi capisci benissimo che quando ci stanno dei
    poteri economici forti difficilmente vedrai fiorire routers
    e ISP ipv6 dall'oggi al domani anzi forse non li vedrai nemmeno, perche se proprio vogliono far finire gli ip stai
    pur certo che non implementeranno l'ipv6 ma l'ipv7 o l'ipv8
    vedrai e questo per un semplice motivo,quelli che hanno
    fatto l'ipv7 erano un branco di nerds che si tiravano le caccole,se adesso una lan ipv4 la capisci al volo
    una lan ipv6 no perche devi starti a scrivere gli ottetti
    come gli ebeti.
    se questo secondo te è modo di lavorare allora smetto
    di fornire tecnologia ai comuni mortali e vado a zappare
    la terra LOL.
    con questo non sto dicendo che sono pigro dico che
    è una stronzata rimediare la carenza di ip con un sistema
    che fa perdere piu tempo che altro.
    saro stupido io ma se invece di 255.255.255.255 facevano 999.999.999.999 ......Sorride


    > Saluti
    saluti
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > saro stupido io ma se invece di
    > 255.255.255.255 facevano 999.999.999.999

    Stron%ata per stron%ata, potevano fare FFF.FFF.FFF.FFF A bocca aperta !
    11237
  • >
    > Stron%ata per stron%ata, potevano fare
    > FFF.FFF.FFF.FFF A bocca aperta !

    è veroSorride chisa perche non ci hanno pensato....
    ma scherzi guai a contraddirli, loro ( chi ha inventato l'ipv6 )
    sono dei semidei e secono la statistica chi ha 200 di QI
    fa sempre cose buone e sagge.......... salvo poi che quelli
    che ci lavorano su internet cagano di pezza alla grande
    la loro mirabolante tecnologia ipv6,vedere l'america
    e i produttori di routers LOL
    non+autenticato
  • Ma cosa state dicendo?

    Quando hanno deciso per v4 hanno "scelto" 32 bit per l'indirizzo..
    per "comodità" si può scrivere un indirizzo a 32 bit come 4 da 8.. e 2^8 fa proprio 256, che caso..
    quindi 255.255.255.255

    l'indirizzo 999,999,999,999 o FFF.FFF.FFF.FFF avrebbe una converisone in binario ben superiore ai 32 bit scelti.. tutto qui..
    non è che non ci hanno pensato.. hanno semplicemente scelto 32 bit e la "conversione" in 4 numeri binari è venuta da sè.. non è stato il contrario!! sia chiaro!!

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma cosa state dicendo?

    Credevo fosse chiaro che stavamo dicendo -uh- "stupidate" Sorride
    11237

  • > saro stupido io ma se invece di
    > 255.255.255.255 facevano 999.999.999.999
    > ......Sorride

    Mmmhhh ... 999+1, nota potenza di 2Sorride
    Ed allora perche' non fare 666.666.666.666 ?Sorride
    non+autenticato
  • > saro stupido io ma se invece di
    > 255.255.255.255 facevano 999.999.999.999

    LOL

    Una risposta seria:
    Il sistema di indirizzi di IPv6 e' fatto in modo da mantenere la compatibilita' con IPv4, ecco spiegata la sua complessita'.

    Inoltre il problema sulla lunghezza degli indirizzi IPv6 non si pone. Concordo col dire che sono decisamente ostici, ma l'utente non avra' mai la necessita' di scrivere o ricordare un indirizzo simile. Questo secondo le intenzioni degli inventori del protocollo. Infatti saranno i router a configurare tutto in automatico. Anche l'indirizzo della lampadina dell'abat-jour.

    Ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: allanon

    > Ma di contro non avremo tutti un ip
    > pubblico? Ce ne sono abbastanza per dare ad
    > ogni pc nel mondo il suo ip fisso come se
    > fosse un numero di telefono?

    Vediamo: La terra ha una superficie di ca. 510 MIO di km^2, che corrispondono a 510*10^18 millimiteri quadratiSorride
    Abbiamo a disposizione 2^128 indirizzi, quindi 6.67*10^17 indirizzi IP per ogni millimetro quadrato della terra (Oceani inclusi).
    Uh ! Ho sbagliato qualcosa ? 667'000 milioni di indirizzi IP per ogni millimetro quadrato ?

    CorreggetemiA bocca aperta !!
    11237

  • - Scritto da: allanon
    [...]
    > Ma di contro non avremo tutti un ip
    > pubblico?
    Non necessariamente - in IPv6 esitono meccanismi analoghi agli indirizzi privati IPv4 se se ne sente il bisogno...

    > Ce ne sono abbastanza per dare ad
    > ogni pc nel mondo il suo ip fisso come se
    > fosse un numero di telefono?
    Come gia` postato altrove, anche di piu`!

    > Per me avere un
    > ip fisso sarebbe un vantaggio sotto alcuni
    > aspetti (posso esporre un sito web sul mio
    > computer di casa senza pagare nulla a
    > nessuno, avendo abbastanza banda in upload
    > si intende Sorride) ma ho anche un ip che mi
    > identifica univocamente, e questo è uno
    > svantaggio dal punto di vista della privacy.
    Questo problema esiste ma e` stato affrontato e risolto (per chi ha la pazienza: RFC3041, gia` implementato ad esempio in WinXP)

    > Quanto tempo secondo voi sarà necessario
    > prima che tutta internet funzioni in base a
    > questa nuova tecnologia?
    Da 1 a 100 anni...
    non+autenticato
  • IPv4 basta ed avanza, almeno per i prossimi anni.
    La storia che gli indirizzi IP stanno per finire e' stata largamente sopravvalutata.

    ZBFan Windows
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > IPv4 basta ed avanza, almeno per i prossimi
    > anni.
    > La storia che gli indirizzi IP stanno per
    > finire e' stata largamente sopravvalutata.

    Cosa ? Sono d'accordo con ZioBill ?!?
    Per favore, finitemi in fretta, senza farmi soffrire troppoSorride

    > ZBFan Windows

    Fan Linux
    11237

  • - Scritto da: Giambo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > IPv4 basta ed avanza, almeno per i
    > prossimi
    > > anni.
    > > La storia che gli indirizzi IP stanno per
    > > finire e' stata largamente sopravvalutata.
    >
    > Cosa ? Sono d'accordo con ZioBill ?!?
    > Per favore, finitemi in fretta, senza farmi
    > soffrire troppoSorride
    >
    Ti stai convertendo...benebene....ti verro' ad installare un bellissimo WindowsME direttamente a casa. Pure gratis (ovviamente il prezzo della licenza d'uso lo paghi pero'...)!

    Tornando alla diatriba IPv6 vs IPv4, io penso che sia un'abile mossa di Cisco (impero molto piu' potente di quanto si possa credere) e affini per creare una situazione di bisogno inesistente in seguito ad obsolescenza programmata. Anche perche', con un sapiente uso dei NAT e degli IP dinamici si riesce a fare tutto anche con 'soli' 4 miliardi di indirizzi possibili...


    > > ZBFan Windows
    >
    > Fan Linux
    Fan Windows
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > > Cosa ? Sono d'accordo con ZioBill ?!?
    > > Per favore, finitemi in fretta, senza
    > farmi
    > > soffrire troppoSorride
    > >
    > Ti stai convertendo...benebene....ti verro'
    > ad installare un bellissimo WindowsME
    > direttamente a casa. Pure gratis (ovviamente
    > il prezzo della licenza d'uso lo paghi
    > pero'...)!

    No grazie: La mia SuSE funziona egregiamente, e i soldi della licenza preferisco darli a qualche opera caritatevole (Natale si avvicina, siamo tutti piu' buoni ...).
    Inolte, WinME non ha la shell, come faccio a usarlo ? Brrrrr !!

    > Tornando alla diatriba IPv6 vs IPv4, io
    > penso che sia un'abile mossa di Cisco
    > (impero molto piu' potente di quanto si
    > possa credere) e affini per creare una
    > situazione di bisogno inesistente in seguito
    > ad obsolescenza programmata. Anche perche',
    > con un sapiente uso dei NAT e degli IP
    > dinamici si riesce a fare tutto anche con
    > 'soli' 4 miliardi di indirizzi possibili...

    Amen. Senza dimenticarsi che il NAT puo' incrementare la sicurezza, e magari evitare epidemie mondiali di SQL-Worm, blaster, ...

    Aneddoto: Un conoscente da dovuto formattare e reinstallare Win2K (Ha smesso di funzionare di punto in bianco). Appena completata l'installazione si attacca ad Internet (Ha ADSL) per prelevare la collezione di SP e amenicoli vari. Beh, non fa' in tempo a prelevare le patches, che gia' era infettato da Blaster Sorride


    >
    >
    > > > ZBFan Windows
    > >
    > > Fan Linux
    > Fan Windows
    11237

  • > Aneddoto: Un conoscente da dovuto formattare
    > e reinstallare Win2K (Ha smesso di
    > funzionare di punto in bianco). Appena
    > completata l'installazione si attacca ad
    > Internet (Ha ADSL) per prelevare la
    > collezione di SP e amenicoli vari. Beh, non
    > fa' in tempo a prelevare le patches, che
    > gia' era infettato da Blaster Sorride

    Mi dicono che nelle reti fastWeb questo e' abbastanza normale !!!

    Tanto che la prima cosa da fare durante la 1a connessione e' scaricarsi le patch di sicurity... Attenzione, non i service pack, perche' son tropo grossi e Blaster ti tira giu' la linea prima di essere arrivato meta !!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > IPv4 basta ed avanza, almeno per i prossimi
    > anni.

    Con IPv6 si avrebbe un indirizzo IP per ogni sasso sulla terra. Io potrei avere i miei 1000 indirizzi IP, mentre adesso per averne uno devo chiedere, pagare, implorare. A te va bene così, a me no.
    non+autenticato
  • io ne voglio 1 peroogni cosa che attacco
    anche per chi sui attacca nella lan voglio un ippy pubblico

    ho chiesto alla zyxel se il router supportava ipv6 (nativo)
    non mi hanno risposto Triste

    cmq le schede di rete wifi lo supportano, le normali 10 100 1000 anche, win lo supporta (tutti i win) linux e' semre avanti in ip (come gui un po meno)

    quando e' che si cambia e si fa l'opposto ovvero impachettare
    i pacchetti v4 nel v6
    provider MUOVETEVI spetta a voi dare ipv6 sulle connessioni
    i pc degli utenti scaricano la patch e hanno finito (con reboot)
    non+autenticato
  • Sto cercando in tutti ipostima non ne trovo una completa che ad esempio:
    - mi spiega come avviene l'assegnazione degli ip (ho fastweb e hanno un progetto ipv6 e danno già ip ipv6)
    - Cosa soino i /64 o i /32 e che diff. c'è
    - Come funziona un tunnel broker
    - Come funziona ipv6 over ipv4
    Grazie
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sto cercando in tutti ipostima non ne trovo
    > una completa che ad esempio:
    > - mi spiega come avviene l'assegnazione
    > degli ip (ho fastweb e hanno un progetto
    > ipv6 e danno già ip ipv6)
    > - Cosa soino i /64 o i /32 e che diff. c'è
    > - Come funziona un tunnel broker
    > - Come funziona ipv6 over ipv4
    > Grazie

    Non sono utente fastweb, ma so che esiste una FAQ in merito, cerca meglio, magari nei Newsgroups.

    I /64 o /32 servono per raggruppare degli indirizzi e quindi specificare delle reti. Esempio classico: 192.68.1.0/24 significa che sono da considerare solo i primi 24 bit dell'indirizzo. In questo caso appartengono alla stessa rete tutte le macchine con indirizzo 192.168.2.x

    Ciao
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)