Mauro Vecchio

Canada, se Tetris aguzza la vista

Un gruppo di medici alla McGill University ha scoperto che i famosi tetramini sono ottimi per allenare il cosiddetto occhio pigro

Roma - Pubblicata sulla rivista scientifica Current Biology, una curiosa ricerca condotta da un gruppo di medici alla canadese McGill University, alla ricerca di un approccio clinico differente per curare quella sindrome della vista nota come occhio pigro (ambliopia). I leggendari mattoncini di Tetris sembrano un'ottima soluzione per combattere il comune deficit nell'acutezza visiva dei soggetti più piccoli.

Partendo da un campione limitato di 18 bambini canadesi, gli studiosi alla McGill University hanno fatto indossare ad un primo gruppo di nove soggetti un paio di speciali lenti per un'ora al giorno in un periodo di due settimane. Con questi occhiali, la prima parte del campione ha giocato ininterrottamente a Tetris con un occhio ai mattoncini che scendono e l'altro a quelli che si accumulano sul fondo.

La seconda metà del campione ha invece ripetuto l'esperimento con la tipica benda che viene generalmente applicata all'occhio buono per allenare quello pigro. I risultati ottenuti dal gruppo di ricerca hanno sorpreso, pur partendo da un campione statistico ridotto. I primi nove bambini hanno mostrato significativi miglioramenti nell'acutezza visiva, decisamente più evidenti di quelli con la benda. (M.V.)
Notizie collegate