Mauro Vecchio

Siria torna su Internet

Torna la connettività per tutti gli utenti, il buio è durato meno di 24 ore. Non convince la spiegazione offerta dal Governo. Si parla di blackout per lasciare spazio a un'operazione militare

Roma - Il blackout è durato meno di 24 ore, dopo l'improvvisa sparizione lo stato siriano è tornato sui radar delle più importanti società d'analisi del traffico Internet. I tecnici di Renesys e Google hanno ora confermato il ripristino della connettività per gli utenti locali, tornati online dopo il vistoso calo nel traffico DNS da e per la Siria. Dopo la pista terroristica, l'agenzia di stato SANA aveva denunciato un serio problema tecnico alle reti in fibra ottica.

screenshot akamai

Una spiegazione che non ha affatto convinto gli analisti di Akamai: le connessioni siriane sarebbero garantite da almeno quattro provider nazionali, mentre le mappe relative ai cavi sottomarini mostrerebbero tre principali arterie in fibra ottica. Per questo motivo, un eventuale problema tecnico ad un singolo cavo non potrebbe compromettere seriamente l'intero ecosistema connesso.

Più realistica, la spiegazione offerta dagli attivisti di EFF ha puntato il dito contro il governo di al-Assad, alle prese con una sanguinosa guerra civile. In altre parole, il regime avrebbe agito per silenziare il dissenso ed evitare la formazione di sacche ribelli attraverso blog e social network. Stando alle rilevazioni dell'osservatorio britannico Syrian Observatory for Human Rights, la sparizione di Internet è rientrata all'interno di una operazione militare per ragioni di sicurezza nazionale. (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàSiria, il lento ritorno di InternetLe connessioni tornano gradualmente attive. E si scopre che alcuni siti istituzionali sono ospitati negli USA: in barba ai diktat di Obama e di Assad
  • AttualitàEgitto, la caduta di InternetIl governo egiziano sarebbe riuscito nel tentativo di spegnere Internet. Hillary Clinton chiede il ripristino della libera circolazione delle informazioni. E Anonymous annuncia un atto di sabotaggio online
17 Commenti alla Notizia Siria torna su Internet
Ordina
  • ..del perchè di Siria si occupi uno che sembra capirci meno di zero.
    Intanto in Siria c'è una sorta di Guerra Civile, ma i siriani ribelli sono molto pochi il resto sono alqaidisti e mercenari del ditattore qatarino.
    Non bisogna essere Sherlock Holmes per intuire che se di solito c'è internet ed il resto, tutta questa chiusa e feroce dittatura non c'è.
    Si dà come ragionevole la spiegazione che servisse ad impedire la formazione del dissenso.. per sole 24 ore ..proprio sensata.
    Piuttosto, ieri è stato colpito un gruppo di guerriglieri facenti parte di Al Qaeda e colpito uno dei capoccia (al Julani), quindi è più ipotizzabile che servisse a evitare che l'operazione saltasse tramite l'uso di internet da parte dei terroristi e il bersaglio grosso venisse avvisato anche quel secondo perchè sfuggisse.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0


    > Intanto in Siria c'è una sorta di Guerra Civile,
    > ma i siriani ribelli sono molto pochi il resto
    > sono alqaidisti e mercenari del ditattore
    > qatarino.

    Nei tuoi commenti il dittatore del Qatar c'è sempre, è come il prezzemolo:

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3682057&m=368...

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3662518&m=366...

    Evidentemente hai un conflitto segreto con la sua persona.
    Una prova dell'esistenza di mercenari in Siria pagati da Hamad bin Khalifa Al Thani?


    > Non bisogna essere Sherlock Holmes per intuire
    > che se di solito c'è internet ed il resto, tutta
    > questa chiusa e feroce dittatura non
    > c'è.

    Non so cosa intendi per "tutto il resto". Ormai internet è ovunque, fuorché in Corea del Nord; o meglio c'è, ma solo per i pochi membri del governo (e per un breve periodo c'è stato il Wi-Fi per i turisti). C'è in Arabia Saudita, a Cuba, in Cina, in Iran... Semplicemente è controllata. E non sempre con questi "black out" si riesce a bloccare al 100 % il traffico da e verso un Paese.
  • - Scritto da: Leguleio
    > Ormai internet è ovunque, [...]
    > C'è in Arabia Saudita, a
    > Cuba, in Cina, in Iran...

    ... negli USA, in Russia e persino in Italia...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: Surak 2.0
    >
    >
    > > Intanto in Siria c'è una sorta di Guerra
    > Civile,
    > > ma i siriani ribelli sono molto pochi il
    > resto
    > > sono alqaidisti e mercenari del ditattore
    > > qatarino.
    >
    > Nei tuoi commenti il dittatore del Qatar c'è
    > sempre, è come il
    > prezzemolo:
    >
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3682057&m=368
    >
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3662518&m=366

    Mica vero:
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3775448&m=377...

    Ovvio che parli di "prezzemolo" se si parla di salsa verde

    > Evidentemente hai un conflitto segreto con la sua
    > persona.

    Non è affatto segreto, anche se fortunatamente non lo sa lui altrimenti a quest'ora uno dei suoi terroristi mi avrebbe fatto già saltare (se gli avanza tempo tra un masacro e l'altro).
    Eh sì.. ho qualcosa di eprsonale con gli autori di crimini contro l'umanità
    Tu piuttosto.. addirittura ti ricordi i miei interventi... trovati un hobby


    > Una prova dell'esistenza di mercenari in Siria
    > pagati da Hamad bin Khalifa Al
    > Thani?

    Basta informarsi... è il segreto di Pulcinella:
    http://tinyurl.com/ingenuitacolpevole
    tra cui:
    http://www.ecodibergamo.it/stories/ansa/367576_sir.../

    Magari ti occupassi meno di me e ti guardassi più intorno...

    >
    > > Non bisogna essere Sherlock Holmes per
    > intuire
    > > che se di solito c'è internet ed il resto,
    > tutta
    > > questa chiusa e feroce dittatura non
    > > c'è.
    >
    > Non so cosa intendi per "tutto il resto". Ormai
    > internet è ovunque, fuorché in Corea del Nord; o
    > meglio c'è, ma solo per i pochi membri del
    > governo (e per un breve periodo c'è stato il
    > Wi-Fi per i turisti). C'è in Arabia Saudita, a
    > Cuba, in Cina, in Iran... Semplicemente è
    > controllata.

    In nessuno di essi c'è però un attacco armato sostenuto da potentati stranieri contro il Governo. E nesusn buffo giornalista si lamneta che il popolo non può esprimersi contro il dittatore o far usicre le informazioni (infatti comunica sempre il presunto Osservatrorio dei diritti umani siriano- in realtà i rivoltosi-..creato in GB come quello comologo che inventava roba sulla Libia)

    > E non sempre con questi "black out"
    > si riesce a bloccare al 100 % il traffico da e
    > verso un
    > Paese.

    In alcuni Paesi, come l'Italia evidentemente da quello che scrivi, basta "scollegare" gli internauti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0


    > > Nei tuoi commenti il dittatore del Qatar c'è
    > > sempre, è come il
    > > prezzemolo:
    > >
    > >
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3682057&m=368
    > >
    > >
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3662518&m=366
    >
    > Mica vero:
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3775448&m=377

    Sarà un'eccezione. Da che ti vedo qui, qualcosa contro il Qatar lo tiri fuori sempre dal cilindro, come il coniglio del prestigiatore.
    Qui però non c'è un pubblico da incantare. Si parla di web, di informatica, e poco più.



    > Ovvio che parli di "prezzemolo" se si parla di
    > salsa
    > verde

    In Qatar va di più l' harissa .


    > > Evidentemente hai un conflitto segreto con la
    > sua
    > > persona.
    >
    > Non è affatto segreto, anche se fortunatamente
    > non lo sa lui altrimenti a quest'ora uno dei suoi
    > terroristi mi avrebbe fatto già saltare (se gli
    > avanza tempo tra un masacro e
    > l'altro).

    Ti credi così importante, che pensi che l'emiro del Qatar si occupi di te.
    Pure egocentrico.


    > Eh sì.. ho qualcosa di eprsonale con gli autori
    > di crimini contro
    > l'umanità
    > Tu piuttosto.. addirittura ti ricordi i miei
    > interventi... trovati un
    > hobby

    Il mio hobby credo tu abbia già capito qual è.
    Ma ci ricaschi sempre.


    > > Una prova dell'esistenza di mercenari in Siria
    > > pagati da Hamad bin Khalifa Al
    > > Thani?
    >
    > Basta informarsi... è il segreto di Pulcinella:

    Infatti: vado a Porta Portese e chiedo: "Lei lo sa vero che il Qatar ha dei mercenari in Siria?". E l'ambulante mi snocciola i nomi dei comandanti uno ad uno, e pure quanto hanno preso dall'emiro.


    > http://tinyurl.com/ingenuitacolpevole

    Ti rispondo con un link analogo:

    http://tinyurl.com/c876hxd

    Giusto per mostrare che con una ricerca spuria di Google si trova tutto e il contrario di tutto.
    Parto dal presupposto che tu abbia fonti precise, e non voci di corridoio, come lo sono i risultati a una ricerca con Google.


    > tra cui:
    > http://www.ecodibergamo.it/stories/ansa/367576_sir


    La fonte è Jeune afrique , che per la verità parla del Qatar solo di striscio:

    "Des recruteurs adressent ces néophytes de la guerre à des associations humanitaires financées par le Qatar, lesquelles, sous couvert d'actions d'aide au peuple syrien, organisent les départs".

    Metto il link qui, così chi ha voglia si legge l'articolo in francese (c'è Google per tradurre) e si rende conto che è tutto un articolo (anzi un pastone, come si chiamava un tempo) basato sui condizionali. Non esiste un solo testimone citato con nome e cognome. Solo pareri (più o meno illustri) riferiti.

    http://www.jeuneafrique.com/Article/JA2726p043.xml.../

    > Magari ti occupassi meno di me e ti guardassi più
    > intorno...

    Preoccupati dell'emiro del Qatar e delle accuse che gli hai fatto, non di me. Tu stai rispondendo a tutti gli utenti di PI, io qui sono solo quello che redige le domande.



    > > Non so cosa intendi per "tutto il resto". Ormai
    > > internet è ovunque, fuorché in Corea del Nord; o
    > > meglio c'è, ma solo per i pochi membri del
    > > governo (e per un breve periodo c'è stato il
    > > Wi-Fi per i turisti). C'è in Arabia Saudita, a
    > > Cuba, in Cina, in Iran... Semplicemente è
    > > controllata.
    >
    > In nessuno di essi c'è però un attacco armato
    > sostenuto da potentati stranieri contro il
    > Governo.

    Attualmente no. Ma nulla esclude che capiti in futuro.
    E una volta che la popolazione sa come si usa internet, sa, all'occorrenza, quali espedienti tecnici adottare per comunicare all'estero anche con un "black out" totale.

    http://www.computerworld.com/s/article/9234183/Syr...

    Non lo possono fare tutti, perché sono costosi, ma ne basta uno...


    > E nesusn buffo giornalista si lamneta
    > che il popolo non può esprimersi contro il
    > dittatore o far usicre le informazioni (infatti
    > comunica sempre il presunto Osservatrorio dei
    > diritti umani siriano- in realtà i
    > rivoltosi-..creato in GB come quello comologo che
    > inventava roba sulla
    > Libia)


    Tutto è creato altrove, in Gran Bretagna, in Qatar, probabilmente adesso citerai anche gli Usa e la Cina...
    I popoli non hanno più la capacità di fare le loro rivolte da soli. Gliele deve pianificare qualcuno dall'esterno.


    > > E non sempre con questi "black out"
    > > si riesce a bloccare al 100 % il traffico da e
    > > verso un
    > > Paese.

    > In alcuni Paesi, come l'Italia evidentemente da
    > quello che scrivi, basta "scollegare" gli
    > internauti

    Non ho capito la battuta.
    Comunque sono un italiano residente all'estero.
  • Io invece non ti metto nessun link né ti parlo del Qatar, ma di sicuro di fanatici stranieri che combattono in Siria ce ne sono tanti.
    Chi lo dice? I genitori di ragazzi indottrinati che chiedono alle polizie di mezza europa di fermare i reclutatori, a volte li segnalano con nome e cognome. Anche in Italia c'é stato un arresto di recente.

    Poi ci sono le denunce di persone scomparse, visto che a chi va a combattere gli pagano tutto spesso escono di casa senza niente, come se andassero a prendere un caffé, e non tornano piú.
    Se non sono i genitori terrorizzati a denunciare la scomparsa comunque la polizia che controlla le moschee piú estremiste lo nota quando qualcuno di loro non si fa piú vedere in giro.

    Hanno fatto un po di conti e alcuni ufficiali hanno detto che sono centinaia, se non piú di mille quelli con un passaporto dell'unione europea che combattono in Siria.
    non+autenticato
  • - Scritto da: qualcuno

    > Io invece non ti metto nessun link né ti parlo
    > del Qatar, ma di sicuro di fanatici stranieri che
    > combattono in Siria ce ne sono tanti.

    Sì, quello è un discorso un po' diverso.
    Del resto, vedi questa grande differenza fra i "fanatici", come li chiami tu, e i volontari italiani che andarono a combattere per la repubblica in Spagna, nel 1936?
    Ogni generazione di giovani ha degli ideali. Giusti o sbagliati, non sta agli altri giudicare.


    > Poi ci sono le denunce di persone scomparse,
    > visto che a chi va a combattere gli pagano tutto
    > spesso escono di casa senza niente, come se
    > andassero a prendere un caffé, e non tornano
    > piú.

    Basta rivolgersi a "Chi l'ha visto". A bocca aperta
  • - Scritto da: Leguleio
    > - Scritto da: qualcuno
    >
    > > Io invece non ti metto nessun link né ti
    > parlo
    > > del Qatar, ma di sicuro di fanatici
    > stranieri
    > che
    > > combattono in Siria ce ne sono tanti.
    >
    > Sì, quello è un discorso un po' diverso.
    > Del resto, vedi questa grande differenza fra i
    > "fanatici", come li chiami tu, e i volontari
    > italiani che andarono a combattere per la
    > repubblica in Spagna, nel
    > 1936?
    > Ogni generazione di giovani ha degli ideali.
    > Giusti o sbagliati, non sta agli altri giudicare.
    >
    >
    Paragone sbagliato. Quelli andavano per difendere qualcosa. Non per ammazzare quelli di una religione diversa. Puoi paragonarli con tutti quelli che hanno ucciso in nome della religione nel corso dei secoli.
    non+autenticato
  • - Scritto da: qualcuno

    > > > Io invece non ti metto nessun link né ti
    > > parlo
    > > > del Qatar, ma di sicuro di fanatici
    > > stranieri
    > > che
    > > > combattono in Siria ce ne sono tanti.
    > >
    > > Sì, quello è un discorso un po' diverso.
    > > Del resto, vedi questa grande differenza fra
    > i
    > > "fanatici", come li chiami tu, e i volontari
    > > italiani che andarono a combattere per la
    > > repubblica in Spagna, nel
    > > 1936?
    > > Ogni generazione di giovani ha degli ideali.
    > > Giusti o sbagliati, non sta agli altri
    > giudicare.
    > >
    > >

    > Paragone sbagliato. Quelli andavano per difendere
    > qualcosa.

    Nella Spagna del 1936 non c'era ormai nulla da difendere, a parte forse l'unità dello Stato. Era una lotta per bande fra comunisti, fascisti e anarchici. Chiunque avesse vinto, sarebbe stata una carneficina.


    > Non per ammazzare quelli di una
    > religione diversa.

    Di un credo politico diverso. Cambia qualcosa?
    Per me, proprio nulla. Sono sempre stranieri che esercitano un'ingerenza in processi interni.


    > Puoi paragonarli con tutti
    > quelli che hanno ucciso in nome della religione
    > nel corso dei
    > secoli.

    E lo fanno tuttora, per dirla tutta:

    http://archiviostorico.corriere.it/1993/marzo/11/a...

    Ma non sempre si uccide in nome della religione nel corso di una guerra. Lo si fa anche in tempi di pace.
  • - Scritto da: Leguleio

    > > http://tinyurl.com/ingenuitacolpevole
    >
    > Ti rispondo con un link analogo:
    >
    > http://tinyurl.com/c876hxd
    >
    > Giusto per mostrare che con una ricerca spuria di
    > Google si trova tutto e il contrario di
    > tutto.

    Vabbè, sei in fase "trollona" quindi è inutile insistere

    > Parto dal presupposto che tu abbia fonti precise,
    > e non voci di corridoio, come lo sono i risultati
    > a una ricerca con
    > Google.

    Si trova articoli di stampa, non il cugino del cugino, poi ognuno può credere a chi gli pare, pure all'onesta di una parte in causa
    <taglio>

    > Non ho capito la battuta.
    > Comunque sono un italiano residente all'estero.

    In qualche petrodittatura? O come le chiamano i succubi, "monarchia petrolifera"?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0


    > > > http://tinyurl.com/ingenuitacolpevole
    > >
    > > Ti rispondo con un link analogo:
    > >
    > > http://tinyurl.com/c876hxd
    > >
    > > Giusto per mostrare che con una ricerca
    > spuria
    > di
    > > Google si trova tutto e il contrario di
    > > tutto.
    >
    > Vabbè, sei in fase "trollona" quindi è inutile
    > insistere

    Ma guarda! Mi dai un link a una ricerca generica su Google, e io sarei in fase trollona. Interessante esempio di ribaltamento della frittata.

    Ho scelto un esempio volutamente paradossale. Perché andando nello specifico, di giuochi di prestigio con Google ne potevo fare diversi, e non credo ti sarebbero piaciuti:

    http://tinyurl.com/cft3x7t

    Né credo che le seguenti ricerche con Google dimostrino qualcosa:

    http://tinyurl.com/brw83fv

    http://tinyurl.com/cs72kpy

    Dimostrare che esistono combattenti stranieri in Siria (tunisini, nel caso dell'articolo di Jeune Afrique) è facile: si contano i caduti sul campo e si constata che il loro passaporto non è siriano; quando i numeri si fanno importanti nessuna ambasciata può negare il fatto.
    Dimostrare da dove vengano i flussi di armi e di denaro è tutt'altra faccenda. E quindi si va ad antipatie: chi non sopporta il Qatar dice che è il Qatar, chi non ha gradito la mossa della Francia di iniziare i bombardamenti in Libia dice che è la Francia, altri si concentrano su Usa e Gran Bretagna... esercizi di dietrologia spicciola, e nulla più.


    > > Parto dal presupposto che tu abbia fonti
    > precise,
    > > e non voci di corridoio, come lo sono i
    > risultati
    > > a una ricerca con
    > > Google.
    >
    > Si trova articoli di stampa, non il cugino del
    > cugino, poi ognuno può credere a chi gli pare,
    > pure all'onesta di una parte in
    > causa

    Ne ho trovati che dicono cose diverse.
    Spero che basti per poter credere a chi mi pare.


    > > Non ho capito la battuta.
    > > Comunque sono un italiano residente
    > all'estero.
    >
    > In qualche petrodittatura? O come le chiamano i
    > succubi, "monarchia
    > petrolifera"?

    No.
    E la tua ossessione per le monarchie assolute di stampo islamico sconfina nel patologico, lasciatelo dire.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 maggio 2013 10.55
    -----------------------------------------------------------
  • Più realistica, la spiegazione offerta dagli attivisti di EFF

    Come no. Dopo due anni di guerra e una marea di video postati su youtube il governo siriano si é accorto di internet solo adesso.
    Cha cosa sia successo non lo sappiamo e non lo sa neanche la EFF.
    non+autenticato
  • - Scritto da: qualcuno
    > Più realistica, la spiegazione offerta dagli
    > attivisti di EFF

    >
    >
    > Come no. Dopo due anni di guerra e una marea di
    > video postati su youtube il governo siriano si é
    > accorto di internet solo
    > adesso.
    > Cha cosa sia successo non lo sappiamo e non lo sa
    > neanche la EFF.

    Tanto meno il Syrian Observatory for Human Rights
    non+autenticato
  • - Scritto da: qualcuno
    > - Scritto da: qualcuno
    > > Più realistica, la spiegazione offerta dagli
    > > attivisti di EFF

    > >
    > >
    > > Come no. Dopo due anni di guerra e una marea di
    > > video postati su youtube il governo siriano si é
    > > accorto di internet solo
    > > adesso.
    > > Cha cosa sia successo non lo sappiamo e non lo
    > sa
    > > neanche la EFF.
    >
    > Tanto meno il Syrian Observatory for Human Rights
    "non sappiamo cosa è tutto quello che sappiamo è che è verde ha le antenne e fa cri-cri"
    A bocca aperta
    Ai posteri l'ardua sentenza
    Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: qualcuno

    > Tanto meno il Syrian Observatory for Human Rights

    vuoi davvero che diffondano le informazioni sui massacri compiuti dai qaidisti pseudo ribelli?

    poi a Berry glielo dici tu?
    non+autenticato
  • - Scritto da: qualcuno
    > Più realistica, la spiegazione offerta dagli
    > attivisti di EFF

    >
    >
    > Come no. Dopo due anni di guerra e una marea di
    > video postati su youtube il governo siriano si é
    > accorto di internet solo
    > adesso.
    > Cha cosa sia successo non lo sappiamo e non lo sa
    > neanche la
    > EFF.
    "non sappiamo cosa è tutto quello che sappiamo è che è verde ha le antenne e fa cri-cri"
    A bocca aperta
    Ai posteri l'ardua sentenza
    Occhiolino
    non+autenticato