Mauro Vecchio

Francia, l'obolo su tablet e smartphone salverà i media?

Il Presidente Hollande vorrebbe introdurre una tassa sull'acquisto di dispositivi in grado di connettersi alla Rete. Il tutto per rimpolpare le casse dei produttori di film, musica e libri. Spazio anche ad un addolcimento di HADOPI

Francia, l'obolo su tablet e smartphone salverà i media?Roma - Una piccola tassa per gli utenti, grandi guadagni per l'industria culturale in terra francese. Per tutelare la produzione nazionale di contenuti audiovisivi e multimediali, il Presidente della Repubblica transalpina François Hollande sembra ormai pronto all'introduzione di un obolo sull'acquisto di tutti i dispositivi in grado di connettersi alla Rete per il consumo di film, musica, show televisivi e libri in formato elettronico.

Nella celebrazione della cosiddetta "eccezione culturale", i tradizionali produttori di contenuti - dall'editoria ai principali network televisivi - dovrebbero godere di maggiore tutela dalla proliferazione di tablet, smartphone e laptop. Nel 2012 i consumatori francesi hanno infatti acquistato un totale di 13,5 milioni di smartphone e 3,6 milioni di tablet. Dispositivi considerati come una forma di concorrenza sleale alla fruizione di materiale audiovisivo tradizionale.

Il fuoco delle polemiche è perciò divampato in seguito alla pubblicazione di un rapporto commissionato dallo stesso Hollande al giornalista e imprenditore Pierre Lescure, ex-CEO del colosso televisivo Canal+ di proprietà del gruppo Vivendi-Universal. Analizzando il mercato culturale ai tempi dell'esplosione digitale, Lescure si è fatto carico di numerose proposte per modificare le attuali policy legislative e così tutelare lo sviluppo dei cosiddetti media tradizionali.
Con la nuova tassa sull'acquisto di smartphone e tablet, gli utenti transalpini potrebbero versare l'1 per cento - c'è però intenzione di aumentare l'obolo fino al 4 per cento - del valore complessivo per destinarlo a un fondo per supportare la produzione culturale nazionale. Nelle prime stime offerte dal governo transalpino, questo stesso fondo potrebbe usufruire di un totale di 86 milioni di euro all'anno. Considerando che gli utenti locali già pagano l'equo compenso sull'acquisto di supporti multimediali vergini.

La nuova tassa mobile non piace assolutamente ai produttori di dispositivi come Apple e Samsung, che tramite il consorzio europeo DigitalEurope hanno subito sottolineato come le proposte di Lescure rappresentino "un passo sbagliato nella direzione sbagliata". Parigi aveva già provato a tassare gli abbonamenti ai singoli provider per rimpolpare le finanze della TV pubblica dopo la crisi nel settore pubblicitario e le magre entrate del canone.

Il rapporto mette in luce anche la sempre più evidente spaccatura nella catena del valore del mercato della musica, in relazione al sistema di ripartizione dei denari che verranno eventualmente raggranellati: se la collecting society locale SACEM plaude alla proposta, in prospettiva di gestire il sistema di spartizione dei compensi, il Syndicat national de l'édition phonographique, che rappresenta l'industria, intravede un futuro ancora meno trasparente per coloro che la musica contribuiscono realmente a crearla.

Sempre nel pacchetto di proposte inviato da Lescure al Presidente Hollande, la famigerata Dottrina Sarkozy potrebbe presto diventare un brutto ricordo per gli utenti scariconi e gli attivisti per i diritti digitali. Dimostratosi inefficace - pochissimi gli utenti arrivati al terzo strike e dunque condannati in aula - il regime dei tre colpi potrebbe abbandonare le disconnessioni per una semplice multa a carico dei downloader, oltretutto scesa da 1500 a soli 60 euro per singola violazione, e rafforzare la qualità e la pubblicità delle alternative legali, soluzione apprezzata dalla presidente di HADOPI Marie-Françoise Marais.

Nel parere espresso da La Quadrature Du Net, il possibile addio alla ghigliottina francese potrebbe rivelarsi un bluff da parte del governo. Lo stesso Lescure vorrebbe estendere le competenze dell'organo di regolamentazione dei media audiovisivi al settore digitale, Internet compresa. Sarebbe una sorta di sorveglianza continua sulle attività di condivisione sul Web, ovviamente sospinta dagli interessi dell'industria del diritto d'autore. Un incubo orwelliano che ha fatto ricordare da vicino i disegni di legge statunitensi noti come SOPA e PIPA.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
44 Commenti alla Notizia Francia, l'obolo su tablet e smartphone salverà i media?
Ordina
  • AL CONTRARIO!

    Se a POCHISSIMI è arrivata la lettera del terzo strike significa che la gente ha capito e la dottrina ha funzionato!
    Se, invece, fossero arrivate tante terze lettere e tante condanne in aula, significherebbe che la gente non ha capito!
    O forse l'obiettivo era condannare le persone?
    ruppolo
    33147
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: ruppolo
    > AL CONTRARIO!
    >
    > Se a POCHISSIMI è arrivata la lettera del terzo strike
    >reich significa che la gente ha capito e la
    > dottrina ha
    > funzionato!
    > Se, invece, fossero arrivate tante terze lettere
    > e tante condanne in aula, significherebbe che la
    > gente non ha
    > capito!
    > O forse l'obiettivo era condannare le persone?

    Fixed.A bocca aperta Certe leggi che fanno o vogliono fare per interno sono da Terzo Reich altro che democrazia!!"
    non+autenticato
  • - Scritto da: mark
    > - Scritto da: ruppolo
    > > AL CONTRARIO!
    > >
    > > Se a POCHISSIMI è arrivata la lettera del terzo
    > strike
    > >reich significa che la gente ha capito e
    > la
    > > dottrina ha
    > > funzionato!
    > > Se, invece, fossero arrivate tante terze lettere
    > > e tante condanne in aula, significherebbe che la
    > > gente non ha
    > > capito!
    > > O forse l'obiettivo era condannare le persone?
    >
    > Fixed.A bocca aperta Certe leggi che fanno o vogliono fare
    > per interno sono da Terzo Reich altro che
    > democrazia!!"
    Invece è alta democrazia infrangere la legge depredando le risorse di un settore da sempre generatore di ricchezza e occupazione?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito

    > Invece è alta democrazia infrangere la legge
    > depredando le risorse di un settore da sempre
    > generatore di ricchezza e
    > occupazione?

    E democrazia permettere ad un settore di avere dei privilegi assurdi e permettere di far abomini come la dottrina sarkozy ?

    Vabbè non ci arrivi quale il VERO PROBLEMA.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Allibito

    > Invece è alta democrazia infrangere la legge
    > depredando le risorse di un settore da sempre
    > generatore di ricchezza e
    > occupazione?

    Da sempre?
    Guarda che le vhs sono un prodotto degli anni '80 e sono durate circa 20 anni.
    Sono scomparse quando la gente non ha piu' avuto bisogno dei supporti di plastica.

    Il cinema e' nato molto prima delle vhs ed e' sopravvissuto alle medesime.
  • - Scritto da: Allibito
    > - Scritto da: mark
    > > - Scritto da: ruppolo
    > > > AL CONTRARIO!
    > > >
    > > > Se a POCHISSIMI è arrivata la lettera del
    > terzo
    > > strike
    > > > reich significa che la gente ha capito e
    > > la
    > > > dottrina ha
    > > > funzionato!
    > > > Se, invece, fossero arrivate tante terze
    > lettere
    > > > e tante condanne in aula, significherebbe che
    > la
    > > > gente non ha
    > > > capito!
    > > > O forse l'obiettivo era condannare le persone?
    > >
    > > Fixed.A bocca aperta Certe leggi che fanno o vogliono fare
    > > per interno sono da Terzo Reich altro che
    > > democrazia!!"
    > Invece è alta democrazia infrangere la legge
    > depredando le risorse di un settore da sempre
    > generatore di ricchezza e
    > occupazione?

    Si chiama legge di mercato.
    In un settore COMMERCIALE non può non esserci concorrenza, come succede invece in quello della "cultura" e le leggi hanno contribuito a creare questo sistema in cui solo i soliti noti decidono i prezzi e ci guadagnano.
    La "pirateria" è la concorrenza a questo sistema.
  • - Scritto da: il solito bene informato

    > La "pirateria" è la concorrenza a questo sistema.
    A quanto pare non solo la "pirateria"
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito
    > - Scritto da: mark
    > > - Scritto da: ruppolo
    > > > AL CONTRARIO!
    > > >
    > > > Se a POCHISSIMI è arrivata la lettera del
    > terzo
    > > strike
    > > >reich significa che la gente ha capito e
    > > la
    > > > dottrina ha
    > > > funzionato!
    > > > Se, invece, fossero arrivate tante terze
    > lettere
    > > > e tante condanne in aula, significherebbe che
    > la
    > > > gente non ha
    > > > capito!
    > > > O forse l'obiettivo era condannare le persone?
    > >
    > > Fixed.A bocca aperta Certe leggi che fanno o vogliono fare
    > > per interno sono da Terzo Reich altro che
    > > democrazia!!"
    > Invece è alta democrazia infrangere la legge
    > depredando le risorse di un settore da sempre
    > generatore di ricchezza e
    > occupazione?
    Su questo hai ragione!
    c'è una vera esplosione di attività economiche
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Uffa, ma è uguale a questa qui:

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3793123&m=379...

    Il pubblico se ne accorge, vuole cose nuove...
  • Meno male che sei un informatico :/
    Sgabbio
    26178
  • Nel "lontano" 1965 a Milano, giravano loschi figuri come
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    anche se quello è Corso Garibaldi e non Corso San Gottardo (visto che quella in fondo è Porta Garibaldi già Porta Comasina)

    Ma già una trentina di anni prima, sempre a Milano, ma nella centrale Via del Littorio, oggi Via Giacomo Matteotti, comparivano questi mefistotelici risultati dell'Alta Tecnologia
    Clicca per vedere le dimensioni originaliche mandarono sul lastrico intere famiglie di onesti produttori di freddo.

    Non si capisce perché se oggi ci sono Webseries, Open Movies, UGC e produzioni distribuite direttamente, si debba raccogliere un obolo SPECIFICO per una sola categoria di produttori dell'audiovisuale.

    Mi aspetto che, nel 2013, una quota non indifferente vada a YouTube.fr che la girera agli uploader in funzione del numero di visualizzazioni...

    Oltre al fatto che mi chiedo: ma non è un Aiuto di Stato?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker
    > Nel "lontano" 1965 a Milano, giravano loschi
    > figuri
    > come
    > [img]http://2.bp.blogspot.com/-Fyw77ia1NBU/UAa2mb-
    > anche se quello è Corso Garibaldi e non Corso San
    > Gottardo (visto che quella in fondo è Porta
    > Garibaldi già Porta
    > Comasina)
    >
    > Ma già una trentina di anni prima, sempre a
    > Milano, ma nella centrale Via del Littorio, oggi
    > Via Giacomo Matteotti, comparivano questi
    > mefistotelici risultati dell'Alta
    > Tecnologia
    > [img]http://www.olditaly.net/PUBBLICITA/FIAT/3.jpg
    >
    > Non si capisce perché se oggi ci sono Webseries,
    > Open Movies, UGC e produzioni distribuite
    > direttamente, si debba raccogliere un obolo
    > SPECIFICO per una sola categoria di produttori
    > dell'audiovisuale.
    >
    > Mi aspetto che, nel 2013, una quota non
    > indifferente vada a YouTube.fr che la girera agli
    > uploader in funzione del numero di
    > visualizzazioni...
    >
    > Oltre al fatto che mi chiedo: ma non è un Aiuto
    > di
    > Stato?
    vada per yuotube, cose del genere a pagamento esistono già, il problema è stabilire quanto, perchè fino a che si parla di 1€ a film non si va lontano. le webseries e tutte le cose che citi nascono per il web, nulla hanno a che fare con le produzioni hollywoodiane che hanno costi ben diversi e nascono per la filiera cinema-dvd-tv ecc Le web series sono a basso costo, si è scelto il web con la pubblicità perchè non troverebbero mai spazio nei normali circuiti e hanno fatto una scelta, per me sacrosanta. Chi fa scelte diverse deve essere tutelato. Per il resto, tu confondi l'inventore del frigorifero con uno che ruba l'acqua e la corrente per fare ghiaccio a basso costo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Allibito

    > vada per yuotube, cose del genere a pagamento
    > esistono già, il problema è stabilire quanto,
    > perchè fino a che si parla di 1€ a film non si va
    > lontano. le webseries e tutte le cose che citi
    > nascono per il web, nulla hanno a che fare con le
    > produzioni hollywoodiane che hanno costi ben
    > diversi e nascono per la filiera cinema-dvd-tv
    > ecc Le web series sono a basso costo, si è scelto
    > il web con la pubblicità perchè non troverebbero
    > mai spazio nei normali circuiti e hanno fatto una
    > scelta, per me sacrosanta. Chi fa scelte diverse
    > deve essere tutelato. Per il resto, tu confondi
    > l'inventore del frigorifero con uno che ruba
    > l'acqua e la corrente per fare ghiaccio a basso
    > costo.

    Ehhh come al solito: Paragoni stupidi, il negare l'evidenza ed altre pacchianate.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Allibito
    > - Scritto da: Skywalker
    > > Nel "lontano" 1965 a Milano, giravano loschi
    > > figuri
    > > come
    > >
    > [img]http://2.bp.blogspot.com/-Fyw77ia1NBU/UAa2mb-
    > > anche se quello è Corso Garibaldi e non Corso
    > San
    > > Gottardo (visto che quella in fondo è Porta
    > > Garibaldi già Porta
    > > Comasina)
    > >
    > > Ma già una trentina di anni prima, sempre a
    > > Milano, ma nella centrale Via del Littorio, oggi
    > > Via Giacomo Matteotti, comparivano questi
    > > mefistotelici risultati dell'Alta
    > > Tecnologia
    > >
    > [img]http://www.olditaly.net/PUBBLICITA/FIAT/3.jpg
    > >
    > > Non si capisce perché se oggi ci sono Webseries,
    > > Open Movies, UGC e produzioni distribuite
    > > direttamente, si debba raccogliere un obolo
    > > SPECIFICO per una sola categoria di produttori
    > > dell'audiovisuale.
    > >
    > > Mi aspetto che, nel 2013, una quota non
    > > indifferente vada a YouTube.fr che la girera
    > agli
    > > uploader in funzione del numero di
    > > visualizzazioni...
    > >
    > > Oltre al fatto che mi chiedo: ma non è un Aiuto
    > > di
    > > Stato?
    > vada per yuotube, cose del genere a pagamento
    > esistono già, il problema è stabilire quanto,
    > perchè fino a che si parla di 1€ a film non si va
    > lontano. le webseries e tutte le cose che citi
    > nascono per il web, nulla hanno a che fare con le
    > produzioni hollywoodiane che hanno costi ben
    > diversi e nascono per la filiera cinema-dvd-tv
    > ecc Le web series sono a basso costo, si è scelto
    > il web con la pubblicità perchè non troverebbero
    > mai spazio nei normali circuiti e hanno fatto una
    > scelta, per me sacrosanta. Chi fa scelte diverse
    > deve essere tutelato.

    no.
    Se fai un film da 100 milioni di dollari e ne incassi 50, il film è una melma: non puoi pretendere di andare a piangere dal governo per essere tutelato contro "il web e la pirateria"

    > Per il resto, tu confondi
    > l'inventore del frigorifero con uno che ruba
    > l'acqua e la corrente per fare ghiaccio a basso
    > costo.

    se uno riesce a creare un sistema per creare ghiaccio ad un costo più basso dovrebbe essere preso a spunto, invece che perseguito. Vuol dire che l'attuale sistema di produzione del ghiaccio non ha più senso di esistere.

    Comunque bisogna smetterla di pensare che "fare arte" sia un lavoro e che senza carrettate di soldi non esisterebbe la cultura.
  • - Scritto da: Allibito
    > - Scritto da: Skywalker


    > vada per yuotube, cose del genere a pagamento
    > esistono già, il problema è stabilire quanto,
    > perchè fino a che si parla di 1€ a film non si
    > va lontano.

    Google parte da 0,99 al MESE...

    Vedi te... Dici che va piu' lontano google o vai piu' lontano tu ?

    Vuoi che proviamo a fare una proiezione su chi dei due fallisce prima ?
    krane
    22544
  • Dall'articolo: tutelare lo sviluppo dei cosiddetti media tradizionali.

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Secondo questo ragionamento:

    - Tassa sulle lampade a fluorescenza e led per tutelare le lampade a incandescenza tradizionali.

    - Tassa sul cinema 3D/HD per tutelare il cinema tardizionale.

    - Tasso sui biglietti dei treni ad al velocità per tutelare le locomotive diesel.

    e così via!!

    Ma lo vogliono capire che questo si chiama progresso. Se alla gente non interessa più vedere la TV come prima, usare supporti fisici..perchè preferisco lo streaming, i lettori MP3, i tablet, hard disk esterni economici, ed in generale internet perchè la rete e le nuove tecnolOGIE stanno cambiando le abitudini delle persone (in molti casi in meglio) tenere vivi i cosidetti "media tradizionali" è solo un peso sociale! Dai si capisce che vogliono come al solito tutelare gli interessi di certi dinosauri che non riescono a stare al passo con il progresso.
  • - Scritto da: thebecker
    > Dall'articolo: tutelare lo sviluppo dei
    > cosiddetti media
    > tradizionali.

    >
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    >
    > Secondo questo ragionamento:
    >
    > - Tassa sulle lampade a fluorescenza e led per
    > tutelare le lampade a incandescenza
    > tradizionali.
    >
    > - Tassa sul cinema 3D/HD per tutelare il cinema
    > tardizionale.
    >
    > - Tasso sui biglietti dei treni ad al velocità
    > per tutelare le locomotive
    > diesel.
    >
    > e così via!!
    >
    > Ma lo vogliono capire che questo si chiama
    > progresso. Se alla gente non interessa più vedere
    > la TV come prima, usare supporti fisici..perchè
    > preferisco lo streaming, i lettori MP3, i tablet,
    > hard disk esterni economici, ed in generale
    > internet perchè la rete e le nuove tecnolOGIE
    > stanno cambiando le abitudini delle persone (in
    > molti casi in meglio) tenere vivi i cosidetti
    > "media tradizionali" è solo un peso sociale! Dai
    > si capisce che vogliono come al solito tutelare
    > gli interessi di certi dinosauri che non riescono
    > a stare al passo con il
    > progresso.
    Ma tu riesci a capire che chi produce un film dopo deve anche venderlo per rientrare dell'investimento e guadagnare? Riesci anche a capire che cinema, DVD on-line legale e tv sono tutti canali che pagano i diritti per sfruttare l'opera? Già che ci sei, cerca anche di capire che invece sulla rete ci guadagna solo chi sfrutta illecitamente senza pagare nulla al produttore. Ecco adesso hai capito la differenza tra progresso e furto. Esistono siti a pagamento con qualità al 100% quello è progresso.
    non+autenticato
  • Il tuo discorso è chiaro e lo condivido, ma se questa è la strada non ha senso accettare l'obolo che arriva dal tablet/smartphone o per quanto riguarda l'Italia dalla maggiorazione dei supporti di memorizzazione. Le cose sono due; o si porta avanti il discorso della lotta alla pirateria in maniera seria oppure se si accettano gli oboli poi non bisogna rompere i maroni in quanto si è reputato giusto il compenso ricevuto. No ci sono alternative.
    non+autenticato
  • Tranquillo, metteranno una tassa sui occhi, orecchie e cervello, potresti violare il copyright raccontando la trama!11
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Allibito

    > Ma tu riesci a capire che chi produce un film
    > dopo deve anche venderlo per rientrare
    > dell'investimento e guadagnare?

    Chi produce un film, poi lo proietta in sala.
    Quello e' l'unico rientro considerato tale.
    Guardati in giro: esistono solo classifiche di incassi in sala.
    E' l'unico numero che conta.
  • - Scritto da: Allibito
    > Ma tu riesci a capire che chi produce un film
    > dopo deve anche venderlo per rientrare
    > dell'investimento e guadagnare? Riesci anche a
    > capire che cinema, DVD on-line legale e tv sono
    > tutti canali che pagano i diritti per sfruttare
    > l'opera?

    Ma infatti, è proprio perché lo capiamo, che possiamo ritenere una "tassa" come l'equo compenso o la sua versione francese, un furto.
    L'hai detto tu: il fine di chi investe è trarre un lucro. Non di creare posti di lavoro o indotti. Il lucro. L'unico motivo è quello.
    Detto anche "non c'è alcun fine sociale". Le major investono perché possono trarre lucro. Se potessero lucrare in modo uguale o superiore sulla produzione di peti, produrrebbero petafoni.

    Detto questo, è illegittimo imporre una tassa pubblica per tutelare il lucro privato di alcuni. Cosa ci sarebbe di "equo" nell'equo compenso? Cosa ottengo in cambio, come cittadino che paga una tassa, dal foraggiare questa o quella etichetta?
    Mi fanno lo sconto al cinema? No. Abbassano i prezzi dei supporti per invogliare gli acquisti? No. Forniscono un accesso gratuito, magari parziale, tramite il web ai contenuti? Nemmeno.
    Cioé, questi succhiano soldi a UFO, senza dare NIENTE in cambio?
    Nel frattempo ho le scuole pubbliche fatiscenti, la sanità "tagliata", i servizi più in generale ridotti nella quantità/qualità/accessibilità?
    MA... sto pagando dei cazzoni che mi rubano soldi se acquisto un cd, un DVD, una pennina USB, un disco rigido, un telefonino, un tablet, un PC... in cambio di COSA?

    Non mi fraintendere, si può anche fare un discorso sul ritorno/importanza che certe attività produttive, anche private, hanno sui territori. Sia in termini economici che in termini culturali.
    Tuttavia, se devo pagare una tassa, e quindi devo foraggiare non tramite il mercato, ma tramite l'intervento pubblico degli interessi privati, devo avere dei vantaggi tangibili in seguito a questo atto.
    Chi riceve quei soldi, ad esempio, si deve impegnare ad investire nei luoghi da cui riceve i soldi e deve documentare tutto quello che fa con dei piani di business, piani che devono essere valutati ed approvati da commissioni indipendenti (altrimenti farebbero delle false iniziative per stipendiare amici e parenti). Come cittadino, dopo aver dato devo anche ricevere: se il DVD è defunto (e lo è), che la distribuzione venga spostata in rete, a prezzi accessibili: non da ladri, dato che parte del biglietto l'ho già pagata.
    non+autenticato
  • - Scritto da: TopoCurioso
    > Mi fanno lo sconto al cinema? No. Abbassano i
    > prezzi dei supporti per invogliare gli acquisti?
    > No. Forniscono un accesso gratuito, magari
    > parziale, tramite il web ai contenuti?
    > Nemmeno.
    > Cioé, questi succhiano soldi a UFO, senza dare
    > NIENTE in
    > cambio?

    Guarda che in Francia con Hollande se hai sotto i 26 anni e sei studente o sei disoccupato non paghi cinema, teatro, musei (o al massimo paghi sui 3 euro e mezzo) e neanche i mezzi pubblici.
    I soldi di questa tassa non vanno solo alle produzioni cinematografiche, ma anche ai teatri e alle orchestre che rappresentano i valori culturali e storici del paese.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore

    >
    > Guarda che in Francia con Hollande se hai sotto i
    > 26 anni e sei studente o sei disoccupato non
    > paghi cinema, teatro, musei (o al massimo paghi
    > sui 3 euro e mezzo) e neanche i mezzi
    > pubblici.

    Link?
  • Sbaglio, o un tempo i link si chiedevano molto meno di adesso? Occhiolino
  • - Scritto da: Leguleio
    > Sbaglio, o un tempo i link si chiedevano
    > molto meno di adesso?
    > Occhiolino

    C'era un tempo che se non eri un tecnico qua non capivi cosa si dicesse...
    Ehhh bei tempi...
    krane
    22544
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Dottor Stranamore
    >
    > >
    > > Guarda che in Francia con Hollande se hai
    > sotto
    > i
    > > 26 anni e sei studente o sei disoccupato non
    > > paghi cinema, teatro, musei (o al massimo
    > paghi
    > > sui 3 euro e mezzo) e neanche i mezzi
    > > pubblici.
    >
    > Link?

    Me l'ha detto una che studia lì. Aspetto smentite così gliene canto quattro.
    non+autenticato
  • ... vedo che l'imbecillità almeno in Francia non ha colore... tutti pronti a tassare internet, CD e smartphone e non contenti a criminalizzare i cittadini!
    Certo l'aver messo un'aliquota fiscale al 75% sopra il milione di euro è una bestialità senza pari, un'esproprio proletario che alla fine può solo produrre danni, come tutte queste tasse e tassette "equo-solidali"!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > ... vedo che l'imbecillità almeno in Francia non
    > ha colore...
    Neppure da noi...
    In lacrime
    non+autenticato
  • hollande avrà vita breve, porterà la francia in ginocchio
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)