Luca Annunziata

Liquavista per un Kindle a colori?

Amazon compra da Samsung l'azienda che fu una costola di Philips. Proprietaria di una tecnologia in grado di unire le doti della carta elettronica a colori e immagini in movimento

Roma - Per una cifra non ancora nota, Amazon ha acquisito da Samsung l'azienda che ha sviluppato i primi pannelli con tecnologia electrowetting visti in circolazione: Liquavista. La mossa ha un valore strategico: in prospettiva con i pannelli flessibili e a colori sviluppati da Liquavista sarà possibile realizzare dispositivi Kindle con tutte le peculiarità dei Kindle che montano pannelli e-paper, ma in grado anche di mostrare colori e animazioni in quasi tutte le condizioni di luce.

"Siamo sempre in cerca di nuove tecnologie che potremmo incorporare nei nostri prodotti nel lungo termine - sono le parole scelte da Amazon nel comunicato che conferma l'acquisizione - Il Team Liquavista condivide la nostra passione per l'innovazione e sta creando nuove e appassionanti tecnologie con molto potenziale. Sono ancora agli inizi, ma siamo entusiasti delle possibilità e speriamo di lavorare con Liquavista allo sviluppo di questi display".

In altre parole, contrariamente a quanto la stessa Liquavista dichiarava nel 2010, i suoi pannelli non sono ancora pronti per finire a breve nei prodotti destinati al largo consumo. Samsung, che aveva acquisito Liquavista da Philips, avrà deciso che il gioco non sarebbe valso la candela e ha ceduto ad Amazon i pannelli e la società che li ha sviluppati. Amazon, che invece ha tutto l'interesse ad avere in casa un prodotto simile anche se dovesse dare veri frutti solo tra qualche anno, ha deciso di investire. Se davvero ci sarà prima o poi un Kindle che riunisca le capacità di uno schermo LCD a colori con il basso consumo di un e-paper si vedrà. (L.A.)