Alfonso Maruccia

AMD sfodera nuove APU per tablet, notebook e ibridi

Sunnyvale rivela le specifiche dei suoi nuovi processori per i sistemi portatili. Tre diverse linee che spaziano dal risparmio energetico massimo alla prestazione assoluta

Roma - Dopo averle svelate in occasione del CES, AMD torna ora a parlare delle sue nuove APU (CPU+GPU sullo stesso die) per sistemi portatili lanciando ufficialmente "Temash", "Kabini" e una versione aggiornata di "Richland" con le diciture commerciali di "Elite Mobility APU", "Mainstream APU" e "Elite Performance APU".

Le tre nuove soluzioni di computing (serie A ed E) rappresentano per AMD una soluzione ideale per l'attuale evoluzione del mercato PC, un combinato di potenza a prezzo abbordabile e (soprattutto) consumi energetici ridotti adatti ai tablet/convertibili così come ai notebook veri e propri di ogni forma e dimensione.

La microarchitettura Elite Mobility APU (Temash) è - parola di AMD - il primo processore SoC x86 con core "Jaguar" (lo stesso tipo implementato nelle CPU di PS4 e Xbox One) e GPU "Graphics Core Next" Radeon HD (Serie 8000), disponibile in configurazioni sia dual (A4) che quad-core (A6) con TDP bassi (da 3,9W a 9W) e performance ideali per tablet, notebook di piccolo formato con schermo touch e ibridi dai 13 pollici in giù.
Le APU Mainstrean (Kabini) sono invece una soluzione per notebook entry-level e di piccolo formato, anch'esse disponibili in configurazone dual e quad-core (Jaguar anche qui) e incrementi di performance - rispetto alla precedente generazione - misurati da AMD nell'88 per cento (grafica), 33 per cento (videogiochi) e 29 per cento (compressione file).

Le APU della rinnovata serie Richland (A8 e A10) sono invece il punto di riferimento prestazionale del nuovo lotto di processori AMD, e uniscono a un miglioramento nei consumi energetici (Sunnyvale parla di batterie che durano 13 ore) un incremento significativo nelle performance videoludiche con tanto di laptop extra-lusso dedicati al gaming e all'intrattenimento come quelli commercializzati da MSI.

AMD continua a rincorrere Intel nell'hardware e stà alla finestra nel software - come d'altronde tutta l'industria PC - per valutare le fortune di Windows 8 dell'intero ecosistema di software "Microsoft-compatibile", e anche il supporto ad Android come ipotetico OS per computer propriamente detti non appare più come una prospettiva irrealistica come in passato.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • HardwareAMD, al CES l'APU è mobileSunnyvale si affida alle divinitÓ ind¨ con la speranza di piazzare quanti pi¨ SoC possibile nel nuovo mercato dei tablet e dei PC ultraportatili. Grazie a touch e gesture integrati nel silicio
3 Commenti alla Notizia AMD sfodera nuove APU per tablet, notebook e ibridi
Ordina
  • Complimenti ad AMD per i suoi sforzi alla rincorsa di Intel (se non al superamento in alcuni casi), ma forse è tardi, è troppo legata al mondo X86, e si è persa il meglio dei momenti in cui x86 dettava legge; ora questo mondo volge al declino, perchè al 90% purtroppo vuol dire M$, ovvero Win 8, e allora stiamo freschi!
    M$, nella sua cocciutaggine di forzatura di un mercato che non gradisce i suoi discutibili cambiamenti, taglia le gambe a Win 7 come le ha tagliate a Win XP, e se ora anche Win 8,1 non sfonda, come d'altronde pare, gli sforzi di AMD su questa architettura diventano praticamente inutili.
    Se le cosa vanno come penso e non avviene su X86 l'invasione di Android ovvero di linux (ci ho sempre sperato), sono volatili senza zucchero per AMD ma anche e sopratutto per Microsoft ed Intel.
    Ho sempre odiato M$ e I$ (il Gatto e la Volpe, i Pinocchi siamo noi...), sopratutto per le loro pesantissime scorretteze commerciali, ed invece ora mi trovo costretto ad augurare loro buona sorte, se voglio che AMD, azienda che ho sempre ammirato e mi ha sempre soddisfatto, possa trarre vantaggio dagli sforzi e dai risultati che finalmente sta raggiungendo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rockroll
    > Complimenti ad AMD per i suoi sforzi alla
    > rincorsa di Intel (se non al superamento in
    > alcuni casi), ma forse è tardi, è troppo legata
    > al mondo X86, e si è persa il meglio dei momenti
    > in cui x86 dettava legge; ora questo mondo volge
    > al declino, perchè al 90% purtroppo vuol dire M$,
    > ovvero Win 8, e allora stiamo
    > freschi!
    > M$, nella sua cocciutaggine di forzatura di un
    > mercato che non gradisce i suoi discutibili
    > cambiamenti, taglia le gambe a Win 7 come le ha
    > tagliate a Win XP, e se ora anche Win 8,1 non
    > sfonda, come d'altronde pare, gli sforzi di AMD
    > su questa architettura diventano praticamente
    > inutili.
    >
    > Se le cosa vanno come penso e non avviene su X86
    > l'invasione di Android ovvero di linux (ci ho
    > sempre sperato), sono volatili senza zucchero per
    > AMD ma anche e sopratutto per Microsoft ed
    > Intel.
    > Ho sempre odiato M$ e I$ (il Gatto e la Volpe, i
    > Pinocchi siamo noi...), sopratutto per le loro
    > pesantissime scorretteze commerciali, ed invece
    > ora mi trovo costretto ad augurare loro buona
    > sorte, se voglio che AMD, azienda che ho sempre
    > ammirato e mi ha sempre soddisfatto, possa trarre
    > vantaggio dagli sforzi e dai risultati che
    > finalmente sta
    > raggiungendo.
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: rockroll
    > Complimenti ad AMD per i suoi sforzi alla
    > rincorsa di Intel (se non al superamento in
    > alcuni casi), ma forse è tardi, è troppo legata
    > al mondo X86, e si è persa il meglio dei momenti
    > in cui x86 dettava legge; ora questo mondo volge
    > al declino, perchè al 90% purtroppo vuol dire M$,
    > ovvero Win 8, e allora stiamo freschi!

    Secondo me una speranza c'è per AMD, ma ha bisogno di tempo (che potrebbe non avere). Sta nella transizione dalle CPU tradizionali con GPU esterna ad una architettura in cui la GPU diventa un enorme coprocessore matematico della CPU. A livello hardware AMD ha chiaramente intrapreso questa strada, seppur in modo graduale. Sistemi operativi e software devono seguire a ruota.