Alfonso Maruccia

WiFi, alta velocitÓ

Un nuovo chip sfrutta quattro diversi stream wireless per ottenere una banda di trasmissione pi¨ che ultra-larga. Nel mentre, in Germania, si sperimenta con l'estremo, sparando segnali da 40 Gbps

Roma - In attesa che le specifiche 802.11ac vengano finalizzate, il futuro standard WiFi che trasmette sui 5 GHz raggiunge nuove vette di performance velocistiche grazie a un nuovo chip Quantenna in commercio a partire dal terzo trimestre dell'anno 2013.

Il chip QSR1000 è infatti in grado di trasmettere fino a 1,7 Gigabit al secondo facendo uso contemporaneamente di quattro diversi flussi wireless, un nuovo risultato che supera quello ottenuto in precedenza (1,3 Gbps) basato su tre flussi da 433 Mbps ognuno.

Quantenna pubblicizza il suo nuovo prodotto come ideale sia per i router domestici che per le aziende che necessitano di una affidabilità "simile al cavo fisico", e il chipset è già destinato a divenire parte integrante dei dispositivi di rete di Cisco, Motorola, Telefonica e altri ancora.
E se QSR1000 è un sistema di interconnessione "next-gen" già fatto e finito, quello a cui stanno lavorando i ricercatori tedeschi dell'IAF e dell'Istituto Karlsruhe sa (ancora) di fantascientifico: gli scienziati hanno usato la banda delle onde radio compresa fra i 200 e i 280 GHz per stabilire una connessione wireless point-to-point con data rate di 40 Gbps.

L'esperimento di comunicazione ha coperto un chilometro di distanza, e secondo i ricercatori a quei range dello spettro elettromagnetico le trasmissioni sono refrattarie agli eventi atmosferici come pioggia o nebbia. L'obiettivo, comunque, non è portare l'Řber WiFi in casa quanto piuttosto realizzare un "ponte" wireless per le reti in fibra ottica laddove gli interventi infrastrutturali si rivelassero essere problematici o poco convenienti.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
7 Commenti alla Notizia WiFi, alta velocitÓ
Ordina