Alfonso Maruccia

Tizen, presto su tutti gli schermi

Il nuovo sistema operativo mobile open source è in dirittura d'arrivo. Anche su computer, con tanto di interfaccia GNOME e supporto all'esecuzione di app web come fossero applicazioni native

Roma - Si è fatto attendere per anni ma presto Tizen arriverà finalmente sul mercato: il sistema operativo mobile open source sviluppato da Samsung (che vi ha infuso il suo OS Bada) e Intel è quasi pronto al debutto, previsto entro la seconda metà del 2013, e gli sviluppatori già pensano ad andare oltre il mercato dei gadget mobile.

L'occasione della Tizen Conference 2013 è stata infatti colta per mostrare al pubblico una versione dell'OS FOSS in grado di girare su un PC Ultrabook con processore Intel Core i7. La shell è GNOME 3, mentre gli sviluppatori sono al lavoro per un "home screen" più adatto allo schermo di un computer che a quello di un cellulare.


Tizen per PC fa girare le applicazioni Linux e anche la conversione per il Pinguino di Steam - posto che si abbia hardware 3D adeguato al compito - è basato su Tizen 2.1 ma dovrebbe infine diventare parte integrante della futura release Tizen 3.0.
Per quanto riguarda gli smartphone, invece, Samsung ha apparentemente preparato un terminale montante Tizen (2.1.0) chiamato GT-i8800: il cellulare monta una CPU ARM Cortex-A9, supporta le connessioni LTE e ha uno schermo HD (1280x720). È pronto ad essere accolto da 500 fortunati sviluppatori scelti dalla corporation coreana.

Alf€onso Maruccia
Notizie collegate
9 Commenti alla Notizia Tizen, presto su tutti gli schermi
Ordina
  • dopo essersi libera di apple (o essere stata scaricata, dipende dai punti di vista) samsung vuole liberarsi/essere scaricata anche da google?
    non+autenticato
  • Cioè dopo aver investito per anni in EFL ed enlightenment, e dopo che tutti usano Qt che senso ha basare la versione desktop sul toolkit più indietro che c'è?
  • Perché con le QT non ci sono UI specifiche per il touchscreen.

    C'è solo KDE che ha seguito la strada del desktop avanzato. Un peccato perché Canonical con Unity ha anticipato tutti nel mondo Linux con un'interfaccia molto versatile.

    E Gnome 3 sta evolvendo verso la convergenza tra desktop e touch.

    Entro i prossimi anni anche i monitor per desktop potrebbero essere touch. E già adesso quasi metà dei portatili escono con schermo touch.
    iRoby
    7615
  • - Scritto da: iRoby
    > Perché con le QT non ci sono UI specifiche per il
    > touchscreen.

    In realtà c'è plasma active, anche se non mi piace particolarmente

    > E Gnome 3 sta evolvendo verso la convergenza tra
    > desktop e touch.
    Gnome 3 è nato con questa idea ma imho ha fattilo (come winotto). Onestamente la soluzione migliore mi pare quella canonical per ora, ma dobbiamo vedere cosa tirano fuori.

    Quello che voglio dire è che mi pare assurdo mischiare le cose. Gnome3 si starà a modo suo muovendo verso la convergenza, ma tizen è già realtà, e non è basato su gtk ma su efl (a quanto ne so). enlightenment 17 (basato su efl) funziona molto bene sul desktop, l'unica cosa è che non ha un parco di applicazioni dedicate, ma può ovviamente lanciare app gtk e qt. Per offrire un api comune agli sviluppatori mi sembrava più sensato puntare su efl anche per la versione desktop
  • - Scritto da: benkj
    > - Scritto da: iRoby
    > > Perché con le QT non ci sono UI specifiche
    > per
    > il
    > > touchscreen.
    >
    > In realtà c'è plasma active, anche se non mi
    > piace
    > particolarmente
    >
    > > E Gnome 3 sta evolvendo verso la convergenza
    > tra
    > > desktop e touch.
    > Gnome 3 è nato con questa idea ma imho ha fattilo
    > (come winotto). Onestamente la soluzione migliore
    > mi pare quella canonical per ora, ma dobbiamo
    > vedere cosa tirano fuori.
    >
    >
    > Quello che voglio dire è che mi pare assurdo
    > mischiare le cose. Gnome3 si starà a modo suo
    > muovendo verso la convergenza, ma tizen è già
    > realtà, e non è basato su gtk ma su efl (a quanto
    > ne so). enlightenment 17 (basato su efl) funziona
    > molto bene sul desktop, l'unica cosa è che non ha
    > un parco di applicazioni dedicate, ma può
    > ovviamente lanciare app gtk e qt. Per offrire un
    > api comune agli sviluppatori mi sembrava più
    > sensato puntare su efl anche per la versione
    > desktop
    " ha fattilo "??
    Vabbè comunque si capisce lo stesso personalmente ho sempre trovato gnome insopportabile.
    non+autenticato
  • Ci vuole più grinta, più punti esclamativi:

    "Certo sono le condizioni di uso della piattaforma!
    e ovviamente sei tu che carichi qualcosa di illegale che non le rispetti non google!
    Mica sceglie lei quello che carichi!
    Sveglia!"

    Ora va meglio. Ispirazione qui: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3368416&m=336...
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Perché con le QT non ci sono UI specifiche per il
    > touchscreen.
    >
    > C'è solo KDE che ha seguito la strada del desktop
    > avanzato. Un peccato perché Canonical con Unity
    > ha anticipato tutti nel mondo Linux con
    > un'interfaccia molto
    > versatile.
    >
    > E Gnome 3 sta evolvendo verso la convergenza tra
    > desktop e
    > touch.
    >
    > Entro i prossimi anni anche i monitor per desktop
    > potrebbero essere touch. E già adesso quasi metà
    > dei portatili escono con schermo
    > touch.


    quindi ubuntu con qt e mir ha sbagliato tutto?
    non+autenticato
  • Purtroppo c'é questa mania di trattare gli utenti come idioti. Una volta che si sono abituati ad una interfaccia secondo loro non cambieranno piú.
    Quindi volevano evitare di avere lo stesso look & feel di possibili concorrenti. (Ubuntu phone?)
    non+autenticato
  • Comunque ci si aspetta che Wayland a breve possa migliorare le prestazioni di GTK
    non+autenticato